Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL DIABOLICO DOTTOR SATANA

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Prima di diventare quella disumana catena di montaggio capace di macinare anche dieci film all'anno, lo spagnolo Jesús Franco era un regista “vero”. GRITOS EN LA NOCHE è il suo primo successo, truce rivisitazione del mito di Frankenstein in cui la parte del celebre barone viene coperta dal conte Orloff, intento a sequestrare ed uccidere splendide ragazze per trapiantare la pelle giovane sul volto della figlia sfigurata. Ad aiutarlo nella feroce impresa c'è l'altrettanto sfigurato Morpho, un'impressionante sorta di manichino umano con gli occhi fuori dalle orbite. I due vivono con la figlia e la servitrice Arne nel classico castello diroccato, raggiungibile con una barca. Tipico esempio di cinema gotico quindi, supportato da una fotografia in bianco e nero di ottima qualità e giochi d'ombre davvero notevoli. Se però l'impianto figurativo (scenografie comprese) è degno dei migliori esempi del genere, altrettanto non si può dire del soggetto, assai povero e a tutt’oggi datato (tanto che, quando Franco ne girerà uno pseudo-remake con I VIOLENTATORI DELLA NOTTE molti anni più tardi, si vide costretto a inserire sanguinosissimi effetti splatter per modernizzarlo). Si nota una certa cura nella sceneggiatura, nella brillantezza di alcuni dialoghi, nella ricerca di una caratterizzazione efficace dei personaggi anche di secondo piano (vedi l’ubriaco), ma il ritmo è lento, sonnacchioso, troppo legato al cinema horror di un'epoca ormai passata e anche l'ambientazione scelta (siamo nel 1912) non giova di certo. Si intuisce quasi che se Franco non avesse deciso di gettarsi come farà nella filosofia della produzione forsennata avrebbe rischiato di fare la fine del buon Ed Wood. E sarebbe stato un peccato, perché Franco il mestiere lo conosce e conosce la vita.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 4/5/14 21:40 - 3875 commenti

Ispirato (o ispiratore) del più riuscito Occhi senza volto, Jesus Franco porta sullo schermo una figura inquietante, quella di Orloff (interpretato dall'attore feticcio del regista Howard Vernon), destinata a ripetersi in questo o quel film (memorabile il remind de I violentatori della notte). La curata fotografia, il morboso clima malsano cagionato da bassi istinti (in contrasto con ottimo senso del cinema) affascina e intriga. C'è pure tempo per mostrare un seno maneggiato gratuitamente, ma il concitato finale è svolto in maniera pedestre.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 28/5/07 20:01 - 3008 commenti

Debutto nel fantastico di Franquito, che inventa l'horror spagnolo con più di un debito verso Occhi senza volto di Georges Franju. Come nel caso di Mario Bava il film "d'esordio" è anche il più "composto" e classico dal punto di vista formale, e quindi paradossalmente sembra meno suo; ma a guardarlo meglio c'è in nuce buona parte del suo cinema, o perlomeno dei suoi leit-motiv. Carriera reinventata per Howard Vernon, e debutto anche per un "personaggio" (Morfo) che rivedremo in parecchie altre opere di zio Jess.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Rebis 20/5/10 20:47 - 2072 commenti

Basterebbe guardare l'esordio di Jesus Franco per darsi una ragione della sua discussa autorialità: ingenuo e disordinato, ma pregno di un fascino irriducibile e con un gusto figurativo spudorato, è l'artefice di un cinema spavaldo, in esubero di idee, ma senza cognizione di ritmo e sceneggiatura. Franco contamina l'horror chirurgico alla Franju con le cupezze dell'immaginario gotico, secondo un modulo che avrà lungo seguito nel cinema italiano. I personaggi sono accattivanti, le sequenze di paura ben girate, il bianco e nero - usato in modo egregio - un efficace omogeneizzante. Bel doppiaggio.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 26/5/10 20:53 - 4678 commenti

Nonostante l'abbia visionato nell'orrida versione italiana, un film molto interessante. Il caro Jess nel suo periodo più misurato (anche se le versioni estere presentano dei nudi) riesce a creare un buon film di suspence, grazie all'ottima interpretazione del protagonista Vernon, buon mad-doctor, e a un bel cast femminile di contorno. Da citare la ballerina portata nella villa disabitata e tutta la scena nel palazzo.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Giùan 19/9/11 13:36 - 2484 commenti

Fatta la tara alla visione della pessima copia italiana, l'irruzione di Jess Franco nel territorio horror è lontana da quelli che saran gli eccessi visionari del regista madrileno, ma anche, fortunatamente, dalla frettolosità che diventerà un altro dei suoi trademark. La rilettura del mito di Frankenstein (con un evidente strizzatina al Les yeux sans visage di Franju), all'insegna di un bel bianco e nero contrastato, avviene all'interno dei canoni di genere dell'epoca, sia pur con una precipua connotazione sadica. Forti sprazzi di umorismo (volontario!).
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Rufus68 9/11/16 22:15 - 2114 commenti

A ben intendere qui si ritrova tutto il Franco posteriore, depurato dagli eccessi ridicoli e dai compiacimenti più crassi: lo slabbrarsi della linea narrativa dovuta alla musica (qui una sorta di sommessa avanguardia free jazz), il sadismo, la follia maniaca, la fatale bellezza muliebre, l'ingenuità di alcune soluzioni. La coerenza dell'insieme è dovuta più all'evidente calco da Occhi senza volto di Franju che non a meriti del regista. Un horror misurato e senza sorprese, piacevole e sopravvalutato.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Minitina80 18/2/15 10:00 - 1774 commenti

Franco esordisce con quello che fondamentalmente è un gotico, anche se non purissimo. Ha un buon ritmo che si perde in poche occasioni ed è anche molto lineare nello svolgimento degli eventi; tutto questo lo rende molto differente dalla sua produzione a venire, ma non per questo meno godibile. Da vedere la versione spagnola non tagliata, dissociarsi dal resto.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Uomomite 26/2/11 2:56 - 175 commenti

Folgorante esordio horror di un ancor "rigoroso" Jesus Franco. Il regista spagnolo mescola modelli altissimi (il grande cinema gotico e quello surrealista) e modelli bassissimi (la farsa, i romanzi d'appendice). Il risultato è un'opera "sporca", spuria, nerissima, terribilmente "magnetica".
I gusti di Uomomite (Fantascienza - Horror - Poliziesco)

Dr.schock 27/7/09 16:49 - 83 commenti

Esordio horror di Franco, quasi un film "normale" nella sua impostazione classica priva delle deviazioni schizofreniche che costituiranno uno dei suoi marchi di fabbrica. Ottima soprattutto la fotografia in bianco e nero, ad esaltare le atmosfere gotiche della vicenda. Howard Vernon, impeccabile come mad doctor, inizia qui una lunga e fruttuosa collaborazione con "Tio Jess".
I gusti di Dr.schock (Fantascienza - Horror - Thriller)