Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'UOMO CHE AMO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/3/16 DAL BENEMERITO RUFUS68

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Rufus68
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Cotola, Daniela


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 31/12/18 11:45 - 7009 commenti

Scorre bene nonostante una sceneggiatura ai limiti dell'inverosimile che mescola con molta disinvoltura i generi più disparati (commedia, sentimentale e drammatico) e accumula davvero troppo: in altre mani sarebbe stato un disastro. E invece si salva grazie alla classe di Borzage nonché alla bravura degli attori su cui spicca sicuramente Boyle, ma anche Carrillo resta nella memoria nel ruolo del cuoco Cesare Un'opera minore del regista, ma comunque vedibile.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 11/4/17 0:50 - 8088 commenti

Un ricco armatore, possessivo e senza scrupoli, tenta ad ogni modo di impedire alla moglie di lasciarlo ma lei, che ha già chiesto il divorzio, si innamora di uno sconosciuto incontrato a Parigi... Melodrammone sentimentale reso poco credibile dalla serie di eventi che devono affrontare i due amanti perseguitati dal marito mascalzone, nonché assassino, interpretato di Colin Clive, mentre l'altro è Charles Boyer, ovvero la classe fatta persona, così che Jean Arthur non deve lambiccarsi troppo su chi scegliere. Credibilità a parte, Borzage dirige con la consueta sensibilità.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rufus68 28/3/16 19:05 - 2632 commenti

Un cameriere salva una donna dagli intrighi del possessivo marito. In realtà questo è solo l'incipit di una narrazione lambiccata sino all'inverosimile (si finisce, addirittura, con un naufragio stile Titanic); tuttavia la classe di Boyer che domina il film, la bravura dei comprimari (in cui spicca Carrillo) e la forza del sentimento (che, in Borzage, supera spiritualmente ogni ostacolo) fanno inevitabilmente scattare la sospensione dell'incredulità. E l'apprezzamento.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)