Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL CARNEVALE DELLA VITA

All'interno del forum, per questo film:
Il carnevale della vita
Titolo originale:Flesh and fantasy
Dati:Anno: 1943Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Julien Duvivier
Cast:Edward G. Robinson, Charles Boyer, Barbara Stanwyck, Betty Field, Robert Cummings, Thomas Mitchell, Charles Winninger, Anna Lee, Dame May Whitty, C. Aubrey Smith, Robert Benchley, Edgar Barrier, David Hoffman
Visite:66
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/2/16 DAL BENEMERITO RUFUS68

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Daniela
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Rufus68


ORDINA COMMENTI PER:

Daniela 29/1/19 9:32 - 7558 commenti

Uniti da una flebile cornice, tre racconti del sovrannaturale: poetico il primo in cui una maschera riesce a rivelare la bellezza nascosta di una ragazza fino ad allora acida e scostante, più convenzionale il terzo con un acrobata circense che si innamora di una donna che aveva già visto in sogno. La perla è il secondo episodio, tratto da un racconto di Oscar Wilde, in cui il tema amoroso lascia il posto ad uno scherzo beffardo del destino, brillantemente interpretato da Robinson nei panni di un avvocato scettico e da Mitchell, cartomante sardonico e maligno. Nell'insieme, un film elegante.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rufus68 2/2/16 23:20 - 2302 commenti

Tre storie accomunate dal sovrannaturale. Il primo episodio è solo un garbato apologo sulla forza dell'amore; il terzo (con Boyer e la Stanwyck), su di un acrobata ossessionato da un sogno e da una donna fatale, possiede una certa aura ominosa, ma nulla più; il secondo, però (con Robinson), ispirato a "Il delitto di Lord Arthur Savile" di Wilde e ambientato in una Londra fumigante di nebbie, alza la mediocrità del tono, vibrando di un senso del destino ineluttabile.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)