Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL MISTERO DELLA CASA SULLA COLLINA

All'interno del forum, per questo film:
® Il mistero della casa sulla collina
Titolo originale:House on Haunted Hill
Dati:Anno: 1999Genere: horror (colore)
Regia:William Malone
Cast:Geoffrey Rush, Famke Janssen, Chris Kattan, Taye Diggs, Ali Larter, Peter Gallagher, Bridgette Wilson, Jeffrey Combs, Max Perlich
Note:Remake di "La casa dei fantasmi" del 1959.
Visite:1420
Il film ricorda:• [1.09] Masters of Horror: Patto con il demonio (a Buiomega71), Dieci piccoli indiani (a Ryo), Paura.com (a Buiomega71), Trauma (a Myvincent)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Remake dell'omonimo THE HOUSE ON HAUNTED HILL (da noi LA CASA DEI FANTASMI) di William Castle, il film di William Malone resta piuttosto fedele, nelle intenzioni, al suo predecessore, il quale proponeva una rivisitazione divertita dei classici di Agatha Christie (“Dieci piccoli indiani” e Henry James (“Il giro di vite”, al cinema col titolo SUSPENSE), che raccontavano di delitti e fantasmi in case sinistre. Lo spunto, si diceva, è il medesimo del film di Castle, ma la realizzazione (che passa dal bianco e nero al colore, ovviamente) perde in genuinità e genera un'americanata degna dei produttori Robert Zemeckis e Joel Silver. A partire da un cast deludente e mal assortito (il solo Jeffrey “Re-animator” Combs nel ruolo del dottor Vannacutt pare forse salvarsi), Malone segue il trend del suo tempo (vedi il per molti versi simile HAUNTING - PRESENZE, altro remake fallimentare) e, disinteressandosi della logica e della coerenza, si sottomette alla legge degli effetti speciali accumulando colpi di scena artificiosi e gratuiti. Non se ne può più di mostri che escono dai muri e dai pavimenti, di visi che si materializzano nella polvere a impaurire attori sempre meno convinti. Basta con le sceneggiature abbozzate e i personaggi stereotipati fino all'inverosimile. Bisogna rendersi conto che per realizzare un buon horror ci vuole l'atmosfera, cosa che qui qui manca del tutto. Di tanto in tanto si intravedono squarci di buon cinema, si nota uno sforzo non comune nella ricerca visuale, ma a svilirlo ci pensa poi la fotografia, prima della giusta profondità, e tutto dà l'impressione di un film modesto, piatto, che vorrebbe entrare nella serie A ma non possiede nemmeno l'onestà della serie B.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 30/11/08 19:44 - 3875 commenti

Facoltosa personalità, ovvero il miliardario Steven H. Price, decide di festeggiare il compleanno della moglie Evelyne (Famke Janssen) all'interno di un vecchio nosocomio nel quale uno svitato dottore, tale Vannacutt (Jeffrey Combs), sperimentava folli teorie sui pazienti. Segue scommessa per chi riuscirà a passare vivo la notte nella tetra costruzione. Remake d'un celebre film diretto da Castle (vedi note). Dopo un incipit, ferocissimo virato seppia, Malone opta per un registro caricaturale, garantito dalla performance di Geoffrey Rush. Il clima del film è in bilico tra realismo e fantastico.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Rebis 7/3/12 17:02 - 2075 commenti

Quando la Dark Castle sdoganò nei cinema questo remake sovrannaturale del film di Castle, sembrò annunciare una nuova era di horror giocattolosi, piacevolmente splatter, nostalgici e citazionisti ma aggiornati al digitale, in cui le ambientazioni classiche (case, navi, manicomi) si commutano in ordigni infernali. I risultati, per la verità, furono modesti, e il film di Malone rimane tra gli esiti migliori, malgrado il finale fantasmagorico sia francamente indifendibile e mandi all'aria quanto c'è di buono: incipit manicomiale, ritmo, architettura, effettacci (KN&B) e Rush garbato emulo di Price.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Capannelle 24/12/08 23:44 - 3575 commenti

Mezzo pallino per i primi e gli ultimi 5 minuti: il prologo in b/n (tosto) e i titoli di coda con "Sweet Dreams" interpretata da Manson. Il resto vale zero: logica presa a schiaffi per tutto il film, regia piatta, dialoghi supponenti, studio dei personaggi da farsa, effetti di poco conto. Ah, dimenticavo: una menzione per lo stile architettonico della villa.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Fabbiu 20/3/07 20:14 - 1892 commenti

Le musiche non si adattano per niente alle scene (specie con la canzone di Marylin Manson), la trama è sceneggiata in maniera troppo artificiosa e molte cose sono poco chiare. La maggioranza dei nuovi elementi (rispetto all'originale) è riciclata da altri film. Insomma, il brivido e la tensione di un buon horror li coglie solo chi ha visto pochi film del genere. Notevoli però gli effetti speciali, in particolare la rappresentazione delle presenze in bianco e nero, con effetti visivi.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Lele Emo 12/6/07 13:26 - 173 commenti

Remake piatto ed abbastanza insensibile dal punto di vista dello spettatore, che spesso viene coinvolto in "appoltigliamenti" già visti in altre pellicole. Darei per scontate anche le sequenze abbastanza prevedibili considerando l'epoca in cui il remake è stato prodotto. Interessante il fatto che lo scenografo David Klassen ha realizzato la casa in stile monolitico alla Albert Speer (architetto del terzo Reich) e non con il classico stile vittoriano di altri horror. Colonna sonora troppo rock.
I gusti di Lele Emo (Drammatico - Erotico - Musicale)

Rufus68 14/3/17 23:47 - 2660 commenti

Nulla di rilevante. Malone le prova tutte (in realtà i soliti trucchetti) pur di imbastire qualcosa degno di questo nome: musiche rock à la page, ritmi videoclippati, bianco e nero, il dottor Mengele redivivo, la scommessa, i dieci piccoli indiani... Una selva di colpi che, invece del bersaglio, beccano solo qualche incolpevole piccione nei pressi. La tensione, l'atmosfera, la recitazione, la sceneggiatura: reperti di un tempo ormai remoto. Il buon Rush ce la mette tutta, ma, per dirla col poeta: "Come può lo scoglio arginare il mare?".
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Belfagor 16/12/11 9:41 - 2597 commenti

Remake non malvagio di un celebre film di Castle. Nonostante i classici difetti tipici degli horror odierni, inclusa una certa artificiosità, vi sono degli elementi da apprezzare: l'incipit virato sul seppia, l'interpretazione sopra le righe di Rush (che omaggia Price anche nel cognome) e la presenza della giovane Ali Larter, a suo agio nel genere come confermerà in Final destination. Insolite le ambientazioni, geometrizzanti invece che tipicamente vittoriane. Sorpresa dopo i titoli di coda (sulle note di "Sweet Dreams" cantata da Marilyn Manson).
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Myvincent 21/7/14 11:57 - 2317 commenti

Della serie film con personaggi "ad eliminazione" ha un ritmo incalzante, interpreti sopra la media (sprecato Geoffrey Rush, una spanna sopra tutti) ed effetti speciali digitalizzati non straordinari. Il problema è la noia, nonché la mancanza di tensione, elementi oramai quasi pressoché costanti delle nuove produzioni di genere. Detto questo, detto tutto...
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Buiomega71 17/12/11 16:55 - 2039 commenti

Purtroppo, Malone continua a deludere. Non pago della pochezza di Paura.com, ci propina un remake piuttosto fiacco del già non eccelso film di William Castle. Dopo il bellissimo prologo che faceva ben sperare, il film si affloscia sui soliti meccanismi del più trito "haunting house" e le solite schegge visive dark da videoclip tipiche di Malone. Qualche momento visivo d'impatto e gli ottimi sfx del trio KNB non salvano il film dalla noia e dal più fastidioso deja vù. Orrendo poi il finale, che da il definitivo colpo di grazia. Deludente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il prologo con i pazzi che si avventano sul povero Jeffrey Combs, con vago sapore di "Non guardate in cantina".
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Ryo 18/3/13 18:03 - 1908 commenti

È un horror, remake dell'omonimo film del 59 con Vincent Price, che qui viene sostituito da un suo clone (che si chiama addirittura Price). L'intera operazione risulta insulsa: il cast non è credibile, la scenografia ha troppo il sapore di finto e alcuni dialoghi fanno cascare le braccia. Simpatica qualche trovata ma non emerge, se quasi tutto il resto è ridicolo.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Taxius 28/1/19 14:58 - 1349 commenti

Mediocre horror ambientato all'interno di un vecchio manicomio abbandonato che ha come protagonisti un gruppo di poveri malcapitati che, rimasti bloccati nel'edificio, verranno massacrati in sequenza. Film che dopo i primi notevoli dieci minuti si affloscia tristemente a causa della totale assenza di tensione e a una banalità generale. Suggestiva invece è l'ambientazione, ma i pregi finiscono qui. Pessimo il finale.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)