Cerca per genere
Attori/registi più presenti

KISS OF THE DAMNED

All'interno del forum, per questo film:
Kiss of the damned
Titolo originale:Kiss of the damned
Dati:Anno: 2012Genere: horror (colore)
Regia:Xan Cassavetes
Cast:Joséphine de La Baume, Milo Ventimiglia, Roxane Mesquida, Anna Mouglalis, Michael Rapaport, Riley Keough, Ching Valdes-Aran, Juan Luis Acevedo, Victor Kubicek, Jonathan Caouette
Visite:423
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/1/16 DAL BENEMERITO PUMPKH75

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Undying 26/10/16 23:32 - 3875 commenti

Inconsistente pellicola femminista, centrata sul "potere della donna" (quanti danni il '68...) e realizzata da figlia d'arte (guarda caso) dopo quindici anni di incertezze (con il senno di poi peccato han trovato soluzione). Siamo dalle parti, come sceneggiatura, di un hard, con l'aggravante di dialoghi sbattuti al centrocampo e filosofeggianti attorno contaminazioni sessuali, unicità della specie umana e altre pompose nonché sterili ciance. Il reparto musicale non è mica da buttare, ma è tutto il resto ad essere uggioso!
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Rebis 12/9/17 20:05 - 2073 commenti

Per Douglas Sirk il melodramma era uno strumento per rilevare le disparità sociali; per Xan Cassavetes anche, con in più il vampirismo a fare da amplificatore emotivo, cassa di risonanza delle relazioni interpersonali: trasformare l'altro a propria misura per paura della solitudine o nutrirsene avidamente senza tema delle conseguenze. Un languido, inesorabile flusso di scene madri - sulle orme di Miriam - dominato da un torbido decadentismo che si condensa in una sofisticata elaborazione delle immagini. Discontinuo nel ritmo, ma immersivo.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Rufus68 14/3/17 22:36 - 2346 commenti

Filmino irrisolto (quando punta alto tocca vertici di kitsch disarmante) quanto furbesco (il richiamo ai Settanta, le scene di sesso): a tratti si ha voglia di Peter Cushing e Bela Lugosi, a tratti bisogna ammettere che non è malaccio. Sono notevoli le musiche, forse degne di miglior causa e attraenti le protagoniste (la Mesquida, pure discretamente spigliata, dà i punti a tutte). Milo Ventimiglia, purtroppo, ha scarsissimo carisma: sarebbe bastato un Gianni Garko qualunque per alzare il livello...
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Didda23 22/3/16 11:13 - 2041 commenti

Solo gli amanti sopravvivono sarà un ottimo esempio di come è possibile approcciare il genere con originalità ed eleganza. Purtroppo la figlia di Cassavetes pare troppo indecisa sul come affrontare il tema, alternando "critica sociale" mediante metafore poco riuscite a un erotismo retrò non del tutto convicente. Il risultato finale è un'opera che non sa di carne né di pesce, con parecchi momenti morti e un ritmo narrativo poco brillante. Si salvano l'interessante fotografia e la colonna sonora. Ventimiglia monoepressivo. Delusione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La de La Baume legata al letto; L'incontro al negozio di Vhs.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Minitina80 22/11/18 8:39 - 1890 commenti

Non si capisce esattamente cosa voglia dire, al punto da generare un distacco emotivo importante che cresce durante la visione. Sesso, decadenza, discussioni filosofiche tra vampiri, non portano lontano facendo scemare le ambizioni d’autore della Cassavetes. Alcune sequenze godono di un’estetica raffinata piacevole da ammirare, ma con tutta la buona volontà proprio non è possibile evitare la noia. Vista l’enorme saturazione del genere, se non si ha molto da dire è meglio esplorare lidi più sicuri.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Pumpkh75 13/1/16 22:35 - 1139 commenti

Pittorico, elegante, maudit. Sembra prelevato di peso dagli anni settanta e il conturbante triangolo (lei, la sorella di lei e lui, in rigoroso ordine di impatto) restituisce alla figura del vampiro una veste ormai colpevolmente lisa, non rinunciando al lato sanguinario e recuperando quello romantico decadente. A ciò si aggiunge, graditissima, un regia tecnicamente affascinante ed è impresa ardimentosa, per i maschietti, resistere alla sensualità devastante della de La Baume. Musiche, luci e colori fenomenali. Languidamente cult.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Pesten 10/1/19 9:13 - 442 commenti

Una sorta di tentativo di mostrare il fenomeno del vampirismo come "movimento" di potere quasi esclusivamente femminile, trasportandolo ai giorni nostri ma rivestendolo di una presunta elevazione sociale con rimandi ottocenteschi per comportamenti e modi, salvo poi piazzare scene di sesso appena possibile per rendere viva l'attenzione. A dir poco pessimo.
I gusti di Pesten (Horror - Poliziesco - Thriller)