Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL MIO WEST

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 19
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Quest'anno il Pieraccioni di Natale è un apocrifo. Dopo gli eclatanti successi di IL CICLONE e FUOCHI D’ARTIFICIO il buon toscano erede dell’attualmente disperso Nuti non si propone come regista ma solo come attore. E, va detto, gli riesce pure bene, contrariamente a quanto si potesse pensare. La figura del suo Doc è l'unica che si salva in una paccottiglia ruffiano-sentimentale di ben poca sostanza. E si salva solo grazie alla recitazione misurata e mai sopra le righe di un Pieraccioni in forma, che sa ancora come essere divertente pur non cercando spudoratamente la gag a effetto. Per il resto il film non vale granché, se si eccettuano l'eccellente idea (dal punto di vista dell'originalità, se non altro) di ricreare paesaggi tipicamente western nella cornice tutta toscana delle Alpi Apuane e la capacità tecnica del regista Giovanni Veronesi, che sa scegliere le inquadrature giuste soprattutto nelle sequenze ad alta tensione emotiva. Dispiace vedere un grande attore come Harvey Keitel chiuso in un personaggio stereotipato, costretto a dire le solite quattro frasi “da duro”, mal integrato in un cast che trova invece la sorpresa più bella nell'intramontabile David Bowie. Il Duca Bianco del white rock regala sguardi killer e, pur contornato da sgherri non alla sua altezza, sa imporre il celebre fascino magnetico in ogni fotogramma, esaltato da una regia che lo dipinge con grande intensità. Nota di merito anche per la bistrattata Alessia Marcuzzi (personaggio TV dal seno ipertrofico, celebrata sui calendari di Max e le pagine patinate delle riviste per soli uomini): si lascia strappare solo una spiata veloce al suo corpo nudo sotto la doccia (visto da retro) e un primo piano di profilo del seno sinistro, sempre sotto la doccia. Fa la parte della prostituta da saloon e (senza alcuna offesa, sia chiaro) non le riesce affatto male. Bella e splendente la fotografia, giusto il commento musicale di Pino Donaggio. Quello che non funziona proprio è la sceneggiatura, che non sa andare oltre alla storia del piccolo figlio indiano (narratore in prima persona come pare richiedano tutte le commedie toscane degli ultimi anni) che ama il papà pacifista (Pieraccioni) ma vede nel ritorno del nonno pistolero (Keitel) insidiato dallo psicopatico Jack Sikora (Bowie) un motivo di gioia non condiviso dal padre. I buoni sentimenti si sprecano, c’è lo scemo del villaggio messo lì giusto per strappare qualche ingenua risata in più, l'indiana dal viso perfetto per suscitare l'arrapamento di chi non si accontenta della Marcuzzi, il bambino dal viso dolce per generare tenerezza, l'attore vero (Keitel) per cercare l'improbabile plauso della critica, l'attore comico (Pieraccioni) per trovare il successo di pubblico, la vecchia gloria rock (Bowie) per esaltare i nostalgici dei Settanta. La solita operazione commerciale di fine anno insomma, questa volta però resa più antipatica dalla presunzione di Veronesi, che sembra tentare a ogni costo di fare il film “poetico”, intelligente e raffinato. Allora è meglio IL CICLONE: ci si diverte di più (qui Pieraccioni è più simpatico ma più serioso) e senza pensarci troppo su.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 4/1/13 21:58 - 4481 commenti

Imbarazzante: non si riesce a capire "cosa volevano fare". Non c'è nulla di veramente western (né statunitense, né spaghetti). Sentir parlare con cadenza toscana pare una trovata di cattivo gusto, la Marcuzzi è la più inverosimile donna di saloon mai vista sullo schermo, non si capisce a cosa serva un cast così internazionale. Come noto, la storia quasi non c'è, perché la si poteva sbrigare in mezzoretta scarsa. Esistono personaggi inutili (l'eterno moribondo), fastidiosi (Joshua), inspiegabilmente colti (pistoleri che parlano di pacifismo e di psicopatia). La cosa paradossale è che l’ambientazione in Garfagnana risulta quasi la cosa migliore...
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 19/12/07 6:07 - 10979 commenti

Questo tentativo di realizzare una commedia western italiana coinvolgendo un cast internazionale (indiani compresi), benchè realizzato con larghezza di mezzi economici, si può dire completamente naufragato. La sceneggiatura è assolutamente inconsistente: per quasi tutto il film non succede quasi nulla al di là di qualche gag insipida e scontata. Pieraccioni inoltre pur mettendocela tutta, non emerge dalla mediocrità e i due illustri stranieri del cast benchè presenze carismatiche, sono assolutamente sprecati. Da dimenticare.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Puppigallo 26/8/13 14:05 - 4354 commenti

Pietoso tentativo Pieraccionico di west-commedia, qua e là quasi dramma, con personaggi ultrafinti, spesso ridicoli (Bowie va oltre la macchietta gigioneggiante; e lo scemo del paese è indescrivibile nella sua improbabilità), o semplicemente sprecati (Keitel, nella sua normalità, sembra un pesce fuor d'acqua in questo mucchio di attorucoli, o presunti tali). Più che un passo falso, una megascivolata su buccia di banana con atterraggio di testa in una piscina vuota. P.S. Anche Pieraccioni (Doc), col suo modo di parlare, fa a pugni col genere; e buonismo e banalità completano il suo West.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Bowie, in piena notte, suona e canta davanti alla casa di Pieraccioni, spaccando la chitarra in testa allo scemo e nessuno gli spara; c'è un codice...
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Renato 8/5/09 14:20 - 1495 commenti

Confuso e velleitario filmetto di ambientazione western che accumula solo difetti: cast male assortito, storia noiosa, regìa da vorrei-ma-non-posso e zero risate. Ricordo di averlo visto in sala -chissà poi perché- e dopo due giorni l'unica cosa che mi era rimasta impressa era il fondoschiena della Marcuzzi, molto espressivo. Un pessimo esperimento, anche se come incassi non credo sia andato male, grazie a tanti fessi come me che sono andati ad annoiarsi.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Daniela 21/3/09 11:25 - 8217 commenti

La visione di quest'opera trascende le categorie del bello e del brutto, per assumere il valore di una esperienza mistica. Di fronte al nulla impresso su pellicola, la mente è libera di divagare fra i grandi interrogativi dell'esistenza: chi siamo? dove andiamo? le tette della Marcuzzi sono autentiche? come fa XY a restare sveglio guardando questo film, proprio lui che si addormentato durante Blade Runner? PS: Mi pare di ricordare che ci fossero anche due tizi che assomigliavano a Bowie e Keitel, ma forse era uno scherzo dell'immaginazione
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 10/4/07 13:07 - 2486 commenti

La scena più memorabile del film è quella in cui la Marcuzzi fa la doccia. Detto questo direi che il valore del film è subito inquadrato. Un tentativo molto maldestro di girare una commedia ambientata nel Far West dove è triste vedere impegnati validi attori del calibro di Harvey Keitel e David Bowie. Non basta avere tra gli interpreti il "nuovo talento comico toscano" Pieraccioni per girare un film, ci vogliono buone ideee e qui non ce n'è nemmeno l'ombra. Indigeribile.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 21/9/09 10:11 - 4727 commenti

Cast curioso, ma film abbastanza povero. Meglio comunque della media delle pellicole in cui è presente Leonardo Pieraccioni (la regia è infatti affidata a Veronesi). Parzialmente lodevole l'impegno del cast straniero, inetta la Marcuzzi. Una visione (parziale) la merita.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

G.Godardi 8/4/07 19:37 - 950 commenti

Maldestro tentativo di rilanciare lo spaghetti western ad opera di Giovanni Veronesi. Al di là della storia e della sceneggiatura non bellissima, non convince la scelta di impostare un film del genere sulla figura di Pieraccioni. Non tutto è da buttare comunque; vi sono una buona fotografia, belle musiche e la presenza di Keitel e Bowie non lascia certo indifferenti. Purtroppo c'è anche la Marcuzzi. Veronesi sbaglia a legarsi troppo con chi gli ha dato l'ultimo successo in fatto d'incassi. Ma in futuro farà anche peggio collaborando con Muccino jr.
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Redeyes 6/3/08 8:38 - 2049 commenti

L'unico film dove ho faticato non poco a resistere in sala per tutta la durata della proiezione! Noioso, fastidioso, recitato da cani e con una sceneggiatura che al confronto i vari Pierino erano capolavori! Pieraccioni indispone dalla prima inquadratura, la Marcuzzi poteva (per non sembrar inutile) farsi 90 minuti di doccia nuda, Keitel ancora non mi fa dormire la notte dopo questa caduta di stile, per Bowie identico discorso. Non fa ridere, non fa sorridere...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I titoli di coda. L I B E R A T O R I !
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Enzus79 27/7/15 14:18 - 1582 commenti

Che tristezza! Film che spazia nel western con contorni da commedia tutt'altro che riuscito. Non mi sono divertito, anzi gli sbadigli aumentavano man mano che passavano i minuti. Inutile dire che Harvey Keitel e David Bowie danno un supporto soporifero al film. Pieraccioni risulta il più simpatico: si vede che è l'unico che ci crede.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rambo90 29/12/10 23:04 - 5924 commenti

Punto bassissimo per Veronesi e Pieraccioni, invertitisi alla regia ma sempre coautori del copione. Un pasticcio western con qualche tocco di commedia, lento, poco interessante e mal riuscito. Che ci fa un toscano nel vecchio west? E soprattutto che ci fa Keitel in simile accozzaglia? Misteri... C'è anche Bowie che si limita a fare lo psicotico sopra le righe e una Marcuzzi messa lì giusto per la scena della doccia (comunque troppo breve). Insopportabile la voce del bambino, sonnacchioso lo svolgimento, spaesato Pieraccioni.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Nando 12/2/13 17:21 - 3337 commenti

Pellicola imbarazzante che sciorina un magnetico Bowie e un lievemente imbolsito Keitel conducendoci a un risultato mediocre. Le ambientazioni sono carenti e la trama ridicola, il contesto appare cabarettistico con indiani farlocchi e scenografie poco memorabili. Pieraccioni è il solito pesce lesso e la regina degli yogurt è totalmente improponibile.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Il ferrini 19/1/17 23:44 - 1508 commenti

Qualunque intenzione avesse Veronesi possiamo serenamente affermare che sia naufragata. Per carità, non che le aspettative fossero alte, tuttavia vedere il compianto Bowie e Mr. Wolf prestarsi a un'operazione tanto scriteriata un po' male lo fa. La parte peggiore è poi il tentativo di citare Ford e Leone in quella che non si può neanche definire una parodia (magari!) ma quasi un oltraggio. Gran parte del "merito" va a Pieraccioni, incapace di recitare qualcosa che non sia se stesso, il che va anche bene ma non stavolta.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Disorder 3/2/10 12:07 - 1388 commenti

Brutto. Pieraccioni ha caratteristiche recitative che lo rendono davvero improponibile come medico del west; gli altri personaggi, che sembrano usciti dai Lucky Luke di Terence Hill, sono poco più che macchiette. Non aiuta poi una trama semplicissima, completamente priva di idee. Curiosa giusto la presenza di David Bowie nella parte del killer, ma si tratta di un film davvero inconsistente.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Modo 2/9/16 18:20 - 764 commenti

Filmetto western alla "toscana"! Un cast che più sprecato non si poteva. Ci sono nomi di primo ordine ma la storia non concede nulla allo spettacolo e neppure alla comicità. Sicuramente Pieraccioni (anche se il film è di Veronesi) esce dal suo classico cliché. La belloccia di turno questa volta non è straniera ma la Marcuzzi... imbarazzante vestita, meglio sotto la doccia. Una doccia fredda sarebbe invece d'aiuto agli annoiati spettatori per svegliarsi dal sonno che ben presto si presenta.
I gusti di Modo (Commedia - Drammatico - Fantascienza)

Enricottta 10/9/09 16:07 - 507 commenti

Pieraccioni vestito da cowboy: lui ci crede. Il lato comico del regista spazia nell'universo del nulla. A qualcuno la Marcuzzi salva dal sonno, ad altri Bowie e Keitel riportano nell'incubo. Solo Pieraccioni ci unisce tutti, ma nell'augurargli di non far più una cosa del genere...
I gusti di Enricottta (Erotico - Giallo - Musicale)

Metuant 26/10/16 12:10 - 453 commenti

Pieraccioni e Veronesi puntano in alto mettendo assieme due grandi nomi come Keitel e Bowie nel cast e mancano clamorosamente il bersaglio: tutto in questo film appare finto, artefatto e la solita comicità tutta toscana del protagonista non solo non funziona ma finisce anche per stonare. In alcune scene sembra quasi di assistere alla parodia di uno spot pubblicitario e questo finisce per affossare del tutto un film nato per il verso sbagliato. Marcuzzi non pervenuta.
I gusti di Metuant (Commedia - Giallo - Horror)

Jcvd 9/6/11 18:54 - 258 commenti

Nonostante un cast un po' pazzerello e messo insieme quasi alla cieca (Marcuzzi, Pieraccioni e Keitel nello stesso film?) questo western non è niente male, con una sua trama rispettabilissima e soprattutto con una coppia d'assi come Keitel e Bowie a farla da padroni. Bene anche Pieraccioni che fa sorridere, specie nella prima parte, nonostante un toscanaccio decisamente inusuale nel West! David Bowie nei panni del cattivo è perfetto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La doccia della Marcuzzi.
I gusti di Jcvd (Avventura - Azione - Thriller)

Sibenik 30/1/10 15:06 - 90 commenti

Opera mediocre con funzione predittiva di quello che sarebbe stato il futuro di zio Leonardo: funziona solo con storie "tailor made", in cui dirige a bacchetta se stesso ed il consueto cast di comprimari di lusso. Qui opera solo come attore al servizio di Veronesi, il suo cowboy buonista non funziona ed il cast di contorno ha l'encefalogramma completamente piatto. Dulcis in fondo, pessima la scelta della starlette del momento, Alessia Marcuzzi, valida solo e soltanto nella scena sotto la doccia. Velleitario.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena di cui sopra, ma siamo ben lontani dai fasti del Fenech time.
I gusti di Sibenik (Comico - Commedia - Drammatico)