Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• FEAR THE WALKING DEAD (4 STAGIONI)

All'interno del forum, per questo film:
• Fear the walking dead (4 stagioni)
Titolo originale:Fear the walking dead
Dati:Anno: 2015Genere: fiction (colore)
Regia:Vari
Cast:Kim Dickens, Cliff Curtis, Frank Dillane, Alycia Debnam-Carey, Mercedes Mason, Lorenzo James Henrie, Rubén Blades, Elizabeth Rodriguez, Colman Domingo, Patricia Reyes Spíndola
Note:Prequel della serie "The walking dead", che racconta le origini dell'epidemia. E non "Fear of the walking dead".
Visite:435
Filmati:
Approfondimenti:1) "FEAR THE WALKING DEAD" STAGIONE PER STAGIONE
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/10/15 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Puppigallo, Redeyes
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Piero68
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Lythops
  • Gravemente insufficiente! a detta di:
    Ryo


ORDINA COMMENTI PER:

Puppigallo 7/10/15 21:39 - 4356 commenti

L'idea di una serie prequel della fortunata saga zombica è interessante. Bisognava soffermarsi di più sull'esplosione di quella che, all'inizio, ha i tratti di una strana epidemia, sui primi casi, sulle mutazioni e sulle reazioni di chi assisteva alle resurrezioni, con tanto di conseguenze. Invece, qui si punta più sui nuclei familiari, sui loro problemi amplificati, o messi da parte proprio a causa dell'imminente apocalisse. E' comunque girato con mestiere, ha discreti spunti e gli attori se la cavano bene. Col passare del tempo, finisce però inevitabilmente per seguire la strada già battuta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I primi casi documentati su internet; Le cataste di cadaveri bruciati, inceneriti; Il figlio psicopatico; Caduta zombi dai balconi dell'albergo.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Redeyes 15/1/16 18:16 - 2049 commenti

Visto il momento d'oro degli zombi si lancia un prequel che, se da un lato non delude per la fotografia e la recitazione ha comunque delle pecche. Obiettivamente non si può non apprezzare l'impianto scenico, ma le domande che già ci eravamo posti non sembrano venir soddisfatte. Ben poco lo spazio lasciato alla genesi del virus, alla sua diffusione e così si ha quasi immediatamente l'impressione di esser di fronte a un fratellino fin troppo simile al maggiore. Gradevole new p.o.v. per il momento, aspettiamo le prossime 15 puntate.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Piero68 19/6/17 9:46 - 2680 commenti

Un prequel può durare al massimo una serie. Diversamente il trascorrere degli avvenimenti porta inevitabilmente la serie a diventare una sorta di remake. E questo è quello che più o meno è successo a questa fiction. Ormai l'infezione è diffusa e il soffermarsi più sui rapporti familiari che sulle vicende esterne porta fiacca e noia nello spettatore. Nonostante un buon cast, però, Curtis su tutti, l'interesse rimane basso. Buoni gli effetti speciali.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Ryo 7/5/16 2:54 - 1908 commenti

Quando mi ero convinto che la serie madre sfruttasse ormai male l'opera principale da cui deriva e fosse diventata a dir poco noiosa, non pensavo che uno spin-off potesse addirittura essere peggio. Una serie tv di zombi con 2% di morti viventi a puntata, relazioni familiari, argomenti trattati poco interessanti e scarsamente incisivi. Un padre obiettore di coscienza che non vuole uccidere gli zombi... bah. Spoiler alert: la seconda stagione è pure peggio!
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Lythops 8/4/16 8:09 - 972 commenti

L'indiscutibile professionalità della realizzazione dal punto di vista tecnico si scontra con una sceneggiatura che cerca inutilmente di creare qualcosa di nuovo, scontrandosi con la produzione cinematografica già enorme sugli zombi che i protagonisti della serie sembrano ignorare. Il risultato è quello della commedia a tratti involontariamente comica, con personaggi molto stereotipati e prevedibili quanto i versi dei simpatici morti viventi, che già conosciamo. Tanta noia e senso di inutilità.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)