Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA MASCHERA DI FERRO

All'interno del forum, per questo film:
La maschera di ferro
Titolo originale:The man in the iron mask
Dati:Anno: 1998Genere: drammatico (colore)
Regia:Randall Wallace
Cast:Leonardo DiCaprio, Jeremy Irons, Gabriel Byrne, John Malkovich, Gérard Depardieu, Anne Parillaud, Edward Atterton, Hugh Laurie, Judith Godrèche
Visite:1150
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 19
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Randall Wallace, già responsabile della sceneggiatura di BRAVEHEART, esordisce alla regia scrivendosi e producendosi la terza riduzione cinematografica del romanzo di Alexandre Dumas padre incentrato sull'inquietante figura di Maschera di ferro, personaggio realmente esistito nella Francia di fine Seicento condannato alla prigione (prima a Pinerolo, poi alla Bastiglia) per non si è mai capito bene quali motivi. Oggi, che si sono decifrati i messaggi reali in codice, si tende a identificare la Maschera con Vivien De Bulonde, generale francese responsabile di numerosi crimini di guerra, ma all'epoca si pensava che il prigioniero fosse un parente del re, forse addirittura il gemello tenuto nascosto per evitare lotte dinastiche. Tra i molti che si ispirarono alla vicenda il più celebre fu Dumas, che inserì la storia nella Francia dei quattro moschettieri, ormai stagionati. Wallace, introducendo anche elementi di altri lavori di Dumas, ne realizza una versione spettacolarmente hollywoodiana, con attori dall'espressione troppo americana (a parte Depardieu e la Parillaud, ovviamente) per risultare credibile. In particolar modo Leonardo Di Caprio (allora all'apice del successo dopo il boom di TITANIC) è il meno plausibile Luigi XIV della storia. Non recita male, a dire il vero, come del resto sempre impeccabili sono Depardieu/Porthos, Jeremy Irons/Aramis, Malkovich/Athos (un po’ meno Byrne/D’Artagnan), ma non ha proprio le physique du rôle: i suoi tratti somatici non riescono proprio a sposarsi col personaggio del re francese. La sceneggiatura è scadente, la regia anonima e nonostante la confezione di lusso il film non convince. Verso la fine c'è un'impennata, si respira un po' di pathos, ma è troppo tardi. Dispiace vedere un cast simile sprecato, ma l'operazione remake in chiave dicapriana fallisce. In ogni caso le due ore e più di proiezione non sono affatto pesanti.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 15/12/07 16:08 - 10859 commenti

Adattamento di alcune delle vicende di cappa e spada riguardanti i tre moschettieri di Dumas, "La maschera di ferro" è stato realizzato con la larghezza di mezzi delle produzioni hollywoodiane: basti pensare ai nomi degli attori coinvolti nel cast, da Di Caprio a Depardieu (uno dei migliori) per rendersene conto. Il problema del film è la sceneggiatura così densa di avvenimenti e personaggi da risultare pasticciata; Wallace si limita ad una regia di maniera (a volte un po' piatta) per assecondare l'altisonante cast artistico.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 15/9/11 9:31 - 7221 commenti

Un tributo allo start system piuttosto che al romanzo di Dumas: una schiera di primedonne hollywoodiane che con la loro presenza tendono a oscurare i personaggi, a cominciare da DiCaprio. Ma la trama è ben congegnata e risulta perfino godibile, anche se appesantita da uno sfarzo cinematografico e da una chiassosa spettacolarità che anestetizzano (e di fatto esorcizzano) i due bei temi portanti: l’angosciante storia del gemello del re alla Bastiglia e la triste decadenza fisica dei moschettieri. Rimane la pura sontuosità da filmone in costume.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Tarabas 22/11/16 12:05 - 1585 commenti

Il film è un classico prodotto hollywoodiano di genere cappa & spada. Ci sono poche preoccupazioni di approfondimento dei personaggi, se non "funzionali" a climax emotivi o spettacolari, di norma scene madri o duelli. La storia del prigioniero misterioso della Bastiglia affascinò Voltaire e Dumas ne usò con libertà per impastare il "Visconte di Bragelonne", terzo e ultimo romanzo della saga dei Moschettieri. Questo è un passatempo avventuroso abbastanza divertente e con un notevole cast. Tanto basta per una serata piovosa.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 18/2/16 13:59 - 7849 commenti

Fresco della Celebrity data dal tinanico ammollo, Di Caprio si cala in un doppio ruolo (odioso senza maschera, tormentato con maschera) contornato da pezzi da novanta del cinema mondiale (Depardieu anche da 100, vista la stazza che non esita ad esibire senza veli). Ma si può ai tempi nostri mettere in scena le avventure moschettifere in modo tanto serioso, non dico senza la burletta ironica di Lester ma neppure quella leggerezza danzante che permeava il vecchio film del '48? Fra i film babbodumasiani, uno dei più pesi e a rischio di ridicolo involontario, anche se lo spettacolo c'è.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Ciavazzaro 18/12/08 14:47 - 4717 commenti

Se il romanzo di Alexandre Dumas è notevole, questa trasposizione no. Leonardo Di Caprio come protagonista è davvero sconcertante, se non osceno e nel suo doppio ruolo (meglio quello con la maschera...), non offre nulla di buono. Cito Jeremy Irons, ma regia piatta.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Capannelle 8/10/09 14:21 - 3540 commenti

Bella vaccata... Per fortuna ci sono Depardieu e il suo smisurato orgoglio maschile che lo porta a tentare il suicidio quando si rende conto che non ha più l'età per rapporti multipli. A parte questo, la storia scorre in maniera tremendamente didascalica, assembla americanate di ogni genere (le mele in punta di spada, gli spari al ralenti con la nuvola di fumo) e offre poco quanto a tensione, approfondimenti e scenografie. Sprecato il cast stellare dove solo Depardieu e Irons rendono bene.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Depardieu (all'epoca ancora in forma fisica) tenta di impiccarsi nudo deluso da un calo delle sue performance sessuali.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Daidae 26/10/09 13:12 - 2569 commenti

Girato quando Di Caprio allora giovanissimo era l'idolo delle ragazzine. Nonostante il cast altisonante, comprendente alcuni grossi nomi, si tratta di un filmetto insipido, tipicamente hoolywoodiano. A me non è piaciuto per niente: un pallino e mezzo.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Stubby 20/3/07 23:31 - 1147 commenti

Non male questo film d'avventura semi-storico (pare sia una storia vera) con DiCaprio che si sdoppia in due per interpretare i due gemelli (il Re Sole e quello segregato); ottima la sua prova, odioso per l'uno e gentile e garbato per l'altro. Il cast è veramente notevole, con uno stuolo di nomi impressionante, ma il meglio viene dall'attore con il nome meno altisonante ovvero Depardieu, che interpreta Porthos: veramente irresistibile. Sicuramente merita di essere visto.
I gusti di Stubby (Azione - Horror - Western)

124c 15/9/11 17:04 - 2654 commenti

Scordiamoci la fedeltà a "Il visconte di Bragelonne" (dove Alexandre Dumas inserisce l'uomo dalla maschera di ferro), ormai è la prassi deviare sulla trama originale, specie se si tratta dei moschettieri. Trama un po' fantasiosa (sopratutto l'idea di traformare d'Artagnan nell'amante della regina Anna, manco fosse il conte Fersen di Lady Oscar), però un discreto Leonardo di Caprio in un doppio ruolo. John Malcovich, col suo Athos arrabbiato, surclassa il resto del cast. Per me l'ultimo bel film sui moschettieri che abbia visto al cinema.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Anne Parillaud, la Nikita di Luc Besson, che se la intende con Gabriel Byrne, il Micheal di Nome in codice Nina (la Nikita di John Badham).
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Lovejoy 26/12/07 14:57 - 1825 commenti

Dall'omonimo romanzo di Alexandre Dumas, il regista e sceneggiatore Randall Wallace trae un divertente film d'avventure impreziosito da uno splendido cast e da bellissime scene d'azione. Del cast (tutti in ottima forma) spiccano su tutti un intenso Di Caprio nel non facile doppio ruolo dell'uomo con la maschera e del re malvagio, Gerard Depardieu in quello di un divertente Porthos e Gabriel Byrne in quelli di D'Artagnan. Bellissima la Parillaud. Da riscoprire.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incontro tra il re malvagio e il suo gemello; lo scontro finale tra buoni e cattivi.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Rambo90 29/3/14 0:57 - 5674 commenti

Affatto male e sicuramente più fedele e avvincente della tiepida trasposizione di Newell. Inizia lento ma continua in crescendo, con una buona dose di duelli e di colpi di scena, come si conviene a un film d'avventura. Gli attori scelti per impersonare D'Artagnan e compari sono di grande bravura e spessore, in particolare Irons e il divertente Depardieu, mentre DiCaprio è ancora abbastanza insignificante e acerbo. Un intrattenimento più che sufficiente.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Pinhead80 28/9/15 19:55 - 3364 commenti

Mentre il paese è governato da un re tiranno ed egoista che sta rapidamente portando alla fame e alla miseria il suo popolo, uno strano individuo mascherato vive nelle segrete del palazzo reale. Buoni e cattivi sono sempre esistiti quindi non stupisce più di tanto questa rivisitazione cappa e spada ambientata ai tempi dei quattro moschettieri. Il film non si fa dispiacere e presenta, oltre all'intrigo che è alla base della storia, delle buone scene d'azione. DiCaprio si scrolla di dosso la faccia da bravo ragazzo.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Piero68 18/11/11 9:34 - 2611 commenti

Tra tutte le rivisitazioni recenti dei romanzi di Dumas questa è senz'altro quella riuscita meglio. Perchè ha dalla sua un cast davvero altisonante, una sceneggiatura discreta ed una buona ricostruzione del periodo (costumi compresi). C'è spazio anche per qualche gag divertente (Depardieu) che non dispiace affatto. Certo, ci sono variazioni sul tema davvero esagerate come il finale (nel romanzo muoiono tutti meno Aramis) o D'Artagnan amante segreto di Anna d'Austria, ma alla fine per passare un po' di tempo spensierati va più che bene.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Nicola81 30/1/17 11:07 - 1629 commenti

Classico prodotto commerciale tipico di Hollywood, che in quanto tale non ha nessuna pretesa di aderire alla realtà storica e neppure al romanzo di Dumas (molto più pessimista). Non potendo pretendere nulla che vada oltre il mero intrattenimento, bisogna accontentarsi di uno spettacolo messo in piedi professionalmente e senza badare a spese, come dimostra il cast stellare. Alle prese con un doppio ruolo, DiCaprio mi ha convinto più che altrove, ma i più credibili (forse perché francesi...) mi sono parsi Depardieu e la Parillaud.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "La spada di uno sciocco può essere più affilata del suo cervello".
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Il Dandi 4/6/19 0:28 - 1537 commenti

Lussuosa versione delle speculazioni dumasiane sul fantomatico prigioniero, qui pure ulteriormente romanzate (D'Artagnan ha fatto tanta carriera che oltre che capo dei moschiettieri diventa anche amante della regina). Interpretazioni di pregio, ma anche piuttosto ovvie: Malkovich è un Athos sciagurato e furioso, Irons un Aramis enigmatico e tagliente, Depardieu un Porthos lercio e godereccio, Di Caprio (nel doppio ruolo) un angelo dietro la maschera e un demonio sul trono. Non malaccio, ma un film senz'anima.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sostituzione del gemello buono.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Rigoletto 10/8/12 14:51 - 1386 commenti

Se c'è una parola che detesto quando applicata a un film, questa è "commerciale"; parola che indica in partenza lo scopo della pellicola e anche quali saranno i suoi difetti. Questo è un esempio di film commerciale, dove tutto è perfetto, bello ma fondamentalmente vuoto. Il cast è forse l'unico motivo di interesse ed effettivamente i 4 moschettieri si comportano bene (su tutti Malkovich e Depardieu), ma questo non toglie che il tutto sia un po' noioso e privo di anima. Di Caprio meglio nella versione cattiva (ma niente di speciale). **1/2

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il "suicidio" di Porthos.
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Taxius 26/7/18 11:33 - 1221 commenti

Quando gli americani si occupano di storia e letteratura europea c'è sempre il rischio di ritrovarsi davanti a un film più fantascientifico che storico, da quanto rimaneggiano la storia originale. E difatti questo è il tipico film hollywoodiano/americano patinato zeppo di star in cui tutti sono belli e puliti per non dire perfetti. Nonostante i molti difetti l'opera di Wallace funziona egregiamente grazie al grande cast e a una trama spumeggiante e avventurosa che non può certo annoiare.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Parsifal68 19/4/16 8:35 - 607 commenti

Ogniqualvolta Hollywood si cimenta con la storia europea ne combina di tutti i colori e si prende gioco degli avvenimenti con un'immaginazione fuori dal comune; basti pensare a D'Artagnan amante della Regina e quindi possibile padre del Re Luigi XIV! Nonostante questo corollario di corbellerie il film si lascia guardare perché ha un certo gusto epico, una discreta ricostruzione scenografica e un cast di tutto rispetto, Depardieu e Irons su tutti. Perciò facciamo finta che sia una storia a sè stante e lasciamoci avvincere. Musiche stupende.
I gusti di Parsifal68 (Comico - Commedia - Drammatico)

Scarlett 27/10/09 16:11 - 304 commenti

Buona prova di Jeremy Irons e Depardieu, ma per il resto l'andamento del film risulta tedioso, decisamente di scopo commerciale, un prodotto Hollywoodiano tranquillamente evitabile che spreca molto materiale umano. Di Caprio per nulla convincente ed insipido nella sua interpretazione.
I gusti di Scarlett (Animazione - Fantastico - Horror)