Cerca per genere
Attori/registi più presenti

UN TUFFO NEL PASSATO 2

All'interno del forum, per questo film:
Un tuffo nel passato 2
Titolo originale:Hot Tub Time Machine 2
Dati:Anno: 2015Genere: commedia (colore)
Regia:Steve Pink
Cast:Rob Corddry, Craig Robinson, Clark Duke, Adam Scott, Gillian Jacobs, Chevy Chase, Collette Wolfe, Bianca Haase, Jason Jones, Kumail Nanjiani, Kellee Stewart, Josh Heald, Gretchen Koerner, Lisa Loeb, Jessica Williams, Christian Slater (n.c.)
Visite:53
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: n.d.N° COMMENTI PRESENTI: 0
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/9/15 DAL DAVINOTTI
Fedele all'idea di un RITORNO AL FUTURO sempre più involgarito, il sequel di UN TUFFO NEL PASSATO prosegue la saga esattamente come il modello: se il primo capitolo era appunto ambientato nel passato, il numero 2 si sposta nel futuro (creando dei problemi ai titolisti italiani, che però se ne fregano e si limitano ad aggiungere il 2 come se di passato ancora si trattasse). Partendo da un”presente” in cui a Lou, arricchitosi col suo “Lougle” (un Google messo in pratica prima di quello vero grazie appunto al viaggio nel tempo), qualcuno spara nelle palle, il solito gruppo di amici (manca solo Cusack, saggiamente defilatosi) si rituffa nella vasca temporale sperando di tornare indietro e cambiare il presente salvando così i testicoli di Lou. Stavolta però qualcosa va storto e i nostri vengono sparati direttamente nel 2025, dove li attende ancora una volta Chevy Chase in partecipazione straordinaria: dice quattro battute superflue nella consueta parte del Tecnico e scompare definitivamente di scena, lasciando gli amici da soli. Ancora una volta allo specchio si vedono diversi (invecchiati invece che ringiovaniti, ora), ma noi continuiamo a vederli come sono. Incontreranno dopo poco il figlio (Scott) del disperso Adam (Cusack) e con lui andranno alla scoperta di un futuro non poi così diverso dal presente. Considerata la scarsa importanza della trama in un film costituito sostanzialmente da sketch di bassa lega, era se non altro consigliabile evitare troppi agganci con il numero 1, che in molti avranno già dimenticato. Invece no, chi non ricorda nulla del primo rischia di fare non poca confusione, perdendosi anche quel poco di interessante che il film offre. Battute di livello sempre più basso alla ricerca di una risata che dire grassa è un eufemismo, con lo zenith (o il nadir, scegliete voi) rappresentato dal gioco televisivo, condotto da un Christian Slater che dispiace veder ridotto così, in cui Lou (Corrdry), Nick (Robinson), Jacob (Duke) e Adam jr. (Scott) si ritrovano protagonisti. Finirà che Nick dovrà metterlo “live” in quel posto a Lou per compiacere il becero pubblico dello show, pronto ad applaudire quando uno si mette a 90 e l'altro gli si appoggia dietro... Forse la cosa migliore, per quanto non certo originale, sta nell'insistito citazionismo cinematografico, con dialoghi frequentemente puntati a una divertita presa in giro di celebri pellicole. Per il resto regna soprattutto un gran caos dovuto a intrecci temporali spesso mal chiariti (i tre viaggiatori si ritrovano in pratica in un futuro “alternativo” causa sdoppiamento della linea del tempo); qualche discreta trovata ravviva di tanto in tanto la narrazione, Corrdry è di gran lunga il più spassoso del gruppo (ma non è male la “macarena dei poveri” che Nick scopre di aver inventato). Ormai però anche la flebile energia del primo HOT TUB MACHINE sembra un ricordo. Titoli di coda occupati da un lungo trailer del possibile capitolo successivo: ci si aspettava di vedere i nostri nel Far West, a questo punto, invece tutto fa credere a un furioso saltellamento tra epoche diverse (Lincoln, Luther King, Beatles, Tyson...), più vicino alle vanzinate di casa nostra.
il DAVINOTTI