Cerca per genere
Attori/registi più presenti

URLATORI ALLA SBARRA

All'interno del forum, per questo film:
Urlatori alla sbarra
Dati:Anno: 1960Genere: commedia (bianco e nero)
Regia:Lucio Fulci
Cast:Adriano Celentano, Joe Sentieri, Mina, Elke Sommer, Turi Pandolfini, Mario Carotenuto, Chet Baker, Umberto Bindi, Giacomo Furia, Corrado Lojacono, Brunetta, Gianni Meccia, Giuliano Mancini, Benedetta Rutili, Marilù Tolo, Gianni Minervini, Nico Pepe, Enzo Garinei, Carlo Alighiero, Lino Banfi
Note:(aka "Metti, Celentano e Mina…" o "Metti Celentano e Mina)
Visite:1341
Filmati:
Approfondimenti:1) LUCIO FULCI, IL PERIODO DEI MILLE GENERI
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Visto l'immediato successo de I RAGAZZI DEL JUKE-BOX Lucio Fulci replica, l'anno stesso, con URLATORI ALLA SBARRA: stesso cast di contorno (Mario Carotenuto, Giacomo Furia...) e Mina che va ad aggiungersi ad Adriano Celentano per interpretare la maggior parte delle canzoni. A dire il vero con i due ci sarebbe anche Joe Sentieri (Joe il rosso, nel film), ma la sua carica non è paragonabile a quella della coppia per eccellenza della nostra musica dei Sessanta; non è un caso che nella riedizione del film il suo nome non compaia nel titolo nonostante, a livello di importanza nel cast, equivalga le due “star”. Ancora una volta siamo di fronte alla contrapposizione tra i giovani (gli “urlatori”) e le generazioni passate, assolutamente insofferenti nei confronti di una musica che non capiscono e disprezzano. Così l'ultrademocristiano Carotenuto, funzionario televisivo che non passa in video nemmeno “La Traviata” per colpa di un titolo sconveniente, si trova a fronteggiare l'assalto di questi nuovi cantanti in blue jeans, di questi teddy boys scatenati appoggiati sorprendentemente da suo padre (il simpatico vecchietto Turi Pandolfini), che li ama forse anche perché ormai quasi sordo. Non potendo raggiungere la visibilità in tv gli urlatori organizzeranno comizi cantati per l'Italia trionfando. Una storia esile e pretestuosa, funzionale per l'esibizione canora dei tre “strilloni” e di qualche personaggio minore che fa gruppo. Troppe canzoni alla fine risultano indigeste e a far sorridere sono a sorpresa i Brutos (con Aldo Maccione), che accompagnano con smorfie e cori esilaranti l'ennesima, inutile, love song. Celentano che canta in piazza Duomo a Milano (c’è Santercole alla chitarra) resta comunque impresso.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 14/11/15 23:49 - 4439 commenti

Filmicamente nullo, conferma che i musicarelli, così come gli hard, non andrebbero valutati come gli altri lungometraggi, perché lo spettatore pagante non vi cerca la trama, ma ben altro. Messa in scena povera, recitazioni talora imbarazzanti, canzoni non sempre bellissime (ma fantastica è "Arrivederci" di Chet Baker). La cosa migliore sono i titoli iniziali, fra i quali spicca un efficace "con la solita partecipazione di MARIO CAROTENUTO". Bravo pure qui, ovviamente. La blanda satira politica vede la presenza di un simil-Fanfani.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incredibile apparizione dei Brutos. Non c'entrano nulla, arrivano dalla campagna, cantano e vanno...
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Il Gobbo 23/9/08 17:35 - 3011 commenti

Reperto fulciano, che sotto le parvenze (oddio, non solo parvenze) scemotte cela una satira piuttosto precisa e (per l'epoca) diretta della pruderie della Rai bernabeiana telecomandata dalla DC (non a caso il film ebbe il divieto ai minori di 16 anni e ben 8 tagli di censura). Inoltre c'è una cura formale non comune ai musicarelli (ottima la fotografia di Di Venanzo) e il film ha una sua grazia. Pura commozione per la presenza spettrale di Chet Baker - sublime la sua versione di Arrivederci - citata in Let's get lost.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 12/7/08 17:21 - 5737 commenti

Altro musicarello diretto da Fulci con protagonisti i cantanti "urlatori" (Mina, Cementano, Sentieri, Brunetta) alla conquista del pubblico italiano. Oltre alle numerose esibizioni canore (ci sono pure Chet Baker, i Brutos, Bindi...) c'è spazio per la satira politica, che prende di mira l'occupazione democristiana e bigotta della TV, e per immancabili riferimenti a figure e situazioni dell'Italia del tempo (Garinei - interpretato da Enzo Garinei - e Giovannini sono parodiati come "Carimiei e Giuseppini"). Assai modesto.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Caesars 30/9/08 8:49 - 2456 commenti

Veramente deludente questo "musicarello" diretto da Fulci. Il grosso problema è che praticamente la storia non esiste e l'80% della pellicola vede le esibizioni canore dei vari protagonisti. Il numero più divertente lo regalano i Brutos, che arrivano, cantano e se ne vanno come se niente fosse. Tra le curiosità possiamo annoverare la presenza di Chet Baker; se non ci fosse stato però nessuno avrebbe notato grandi differenze. Insomma, un prodotto noioso solo in minima parte riscattato da una regia moderna e lontana dagli stereotipi del genere.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Matalo! 8/6/09 21:00 - 1353 commenti

Che dire? Un mero pretesto per proporre divi della new wave della canzonetta italiana, gole spiegate che trovavano in Tony Dallara il loro Che Guevara. La trama è inconsistente ma questi son film che contengono in sè la loro stroncatura in quanto pensati per mera fruizione e godimento immediato causato dal feel in levare. Poi Fulci mette il suo mestiere e le cose magicamente creano un classico indimenticabile del trash. Stupefatta presenza di un grande jazzista, Chet Baker, senza un incisivo, in "vacanza" in Italia: regala una bella "Arrivederci".

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Baker esce da sotto un divano; nella realtà, grazie a massicce dosi di droghe, si era realmente addormentato sotto e non lo trovavano.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Rambo90 22/9/16 1:38 - 5779 commenti

Proto musicarello dalla trama molto esile, pretesto un numero incredibile di numeri musicali, forse troppi visto che ne risentono ritmo e attenzione. Quando cantano Celentano e Mina un'occhiata la si riesce a dare, ma tra Sentieri, Brunetta e quant'altro si arriva presto alla saturazione. Se non altro c'è Carotenuto a strappare qualche sorriso, un bel pezzo di Baker e qualche gag demenziale a ricordare che in regia non c'è uno qualsiasi. Trascurabile.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 1/9/10 23:04 - 4099 commenti

Chet Baker, Mina, I brutos, Gianni Meccia e i bravi Mario Carotenuto, Turi Pandolfini, Giacomo Furia, salvano un film che ha il solo merito di prendere i jeans come pretesto per evidenziare il connubio tra politica e una TV preoccupata di censurare tutto ciò che suona sospetto e la falsa morale di una certa parte del Parlamento. Esibizioni canore più o meno riuscite e una carina Elke Sommer costretta ad innamorasi di un Joe Sentieri, improbabile capo di un gruppo di figure cartolinesche. Celentano finge di suonare chitarre e balalaike.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Il ferrini 23/12/17 18:36 - 1464 commenti

Non è il primo musicarello di Fulci e neanche di Celentano (avevano già lavorato ai Ragazzi del Juke Box) e non è neanche l'ultimo (faranno anche Uno strano tipo): di sicuro è il più brutto. Sostanzialmente non c'è storia, se non la "denuncia" - virgolette obbligatorie - di una Tv troppo perbenista che tarperebbe le ali a questi artisti, metà dei quali sarebbero scomparsi in capo a qualche anno. Il grande censore è Carotenuto, unico a saper recitare, il resto è francamente imbarazzante. Prima apparizione (a testa in giù!) per Lino Banfi.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Supervigno 25/9/08 18:21 - 229 commenti

Il punteggio "più alto" è dovuto essenzialmente al fatto che le canzoni sono tantissime, ben cantate, alcune famose, altre semplicemente buffe e alla presenza di Mina. Il film in sè è abbastanza sconclusionato e a tratti noioso, anche se, rispetto alla funesta categoria dei musicarelli cui comunque appartiene, ha in sè un certo spirito "anarchico" che lo differenzia in positivo e quanto meno ci evita la vista di svenevoli fanciulle con la coda di cavallo e militari in licenza.
I gusti di Supervigno (Commedia - Giallo - Poliziesco)