Cerca per genere
Attori/registi più presenti

WE ARE STILL HERE

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/6/15 DAL BENEMERITO HERRKINSKI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Daniela 18/1/16 8:08 - 8008 commenti

Per superare la depressione provocata dalla morte dell'unico figlio forse non sarebbe una buona idea Rimini ad agosto, ma neppure andarsi a seppellire in una villa sperduta nella neve, con vicini inquietanti e villici ostili, senza dimenticare che è stata teatro di eventi tragici ed è pure infestata... Si può tirar fuori un buon horror da premesse così logore? L'esordiente G.ci riesce con una sceneggiatura accorta, attori che sanno il loro mestiere, la capacità di far percepire i riferimenti ad altri film come citazioni e non scopiazzature. Non racconta nulla di nuovo ma lo racconta bene.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: In certe espressioni, Larry Fessenden ricorda in modo impressionante Jack Torrance.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Herrkinski 11/6/15 4:05 - 4371 commenti

Se inizialmente l'ambientazione '70s e la casa possono far pensare a L'evocazione, ben presto il regista dimostra invece di voler omaggiare gli horror classici anni '70/'80; le influenze di Carpenter, Fulci (omaggiato a più riprese) e altri autori del periodo sono evidenti. Se l'originalità non è il forte del film, si apprezza comunque la realizzazione: ottimo il cast, suggestive fotografia e location, abbondante lo splatter, ritmo ben dosato. Horror retrò per chi rimpiange i tempi d'oro, realizzato con buon gusto e passione per il genere.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Buiomega71 15/12/18 0:58 - 2001 commenti

Isolato in un'atmosfera invernale e fosca, zeppo di rimandi al nostro cinema (la bottiglia di J&B, la pallina da tennis che rotola per le scale alla Casa con la scala nel buio, il Fulci dell'Aldilà), credenze e popolini kinghiani; da haunting movie passa all'home invasion, sterzando nello splatter più viscerale (teste esplose e spappolate, interiora sconquassate, attizzatoi infilzati nell'occhio, coltelli piantati nella gola e geyser di sangue a profusione) dove Markus Koch ci dà giù che nemmeno Giannetto De Rossi. Piacevole gusto settantiano e puro amore per il genere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La possessione di Larry Fessenden che sbava e delira con la voce di Dagmar; La pellicola che si rovina, stile grindhouse, sui titoli di coda.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Kinodrop 12/7/17 17:52 - 1071 commenti

Una solitaria villa nel freddo inverno racchiude misteri che con ciclo trentennale si manifestano in modo assai inquietante. Un horror old style che parte con pochi e discreti indizi per sfociare gradualmente nel sanguinario per mano di oscuri e vendicativi fantasmi "ustionati". Anche se il soggetto non brilla per originalità, sprigiona una certa forza in virtù di una regia "asciutta" e ottimi effetti speciali mai esagerati. Ben dosati i crescendo di tensione, grazie anche alla prova del cast. Geoghegan, un valido regista da seguire.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Viccrowley 22/10/15 23:32 - 729 commenti

Non si può non voler bene a un horror che omaggia in maniera così sfacciata ed entusiasta mastro Fulci. Ben ritmato, cupo, malinconico, il film di Geoghegan è un susseguirsi di strizzate d'occhio al bell'horror che fu, riuscendo al contempo a mostrare una spiaccata personalità. Variegato e azzeccato il cast, dalla scream queen Crampton a Lisa Marie passando per Larry Fassenden che sembra richiamare l'atmosfera del suo Wendigo. Rintocchi lovecraftiani e creature che sembrano uscite dal Fog di Carpenter completano il godurioso quadro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il capo dei demoni chiamato Dagmar Lassander, chiarissimo omaggio all'attrice feticcio fulciana.
I gusti di Viccrowley (Commedia - Fantascienza - Horror)