Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL TESTIMONE DELLO SPOSO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 17/3/07 1:49 - 4526 commenti

Inconfondibile e sconclusionato (in senso etimologico). Il dolce finale amareggia. L'assunto, fuori dell'ordinario, rendeva ardua una chiusura all'altezza, ma ciò non toglie che essa stupisca negativamente. Restano le sensazioni di una cura estrema, di regìa ultrasicura, con cura fantastica dei dettagli, con alcuni personaggi deliziosi (il prete dotato di spirito alla Cardinal Lambertini). Ma tutto ciò, pur restando gradevole, risulta annacquato dagli ultimi infelici tre minuti di pellicola.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 16/4/08 7:32 - 11087 commenti

Tipico film di Avati, colmo come molti altri di un'amarezza nostalgica e del senso del rimpianto legato a cose e personaggi. Molto curato nel descrivere usi e costumi di un determinato ceto sociale, con forte caratterizzazione ambientale, il film non appare impeccabile dal punto di vista narrativo, a causa di una sceneggiatura talora frettolosa. Bravo Abatantuono, circondato però da un cast non alla sua altezza.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Homesick 21/1/12 18:06 - 5737 commenti

Un Avati manierista e minore, in equilibrio sull’ossimoro dell’agrodolce e blindato dentro i luoghi comuni geografici, storici, popolari e narrativi del suo cinema. Si guarda senza sussultare, se non per la consueta eccellenza nel guidare gli interpreti verso una sottorecitazione con cui acquistano spessore figure di arricchiti rimasti sempre umili e romantici nell’animo (Abatantuono) e possidenti odiosi per boria e laidezza (Canatarelli). Si chiude con il fuoco sulla coda, e ci si brucia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I pettegolezzi su Abatantuono in chiesa da parte dei compaesani; la proiezione delle diapositive sugli Stati Uniti.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

G.Godardi 17/4/09 18:12 - 950 commenti

Preceduto alla sua uscita dalla fama di capolavoro annunciato, a causa un'uncredibile nomination agli Oscar (e anche ai Golden Globe), è in realtà un piccolo film poco riuscito. Tenderebbe al simbolismo (l'ultima giornata della fine del secolo) ma è solo una, pur riuscita, descrizione di un matrimonio che non s'ha da fare. E infatti funziona sino a quando questo è in scena, magistralmente raccontato alla maniera di un Olmi. Poi si inceppa in una sceneggiatura inesistente con un finale furbesco appiccicato. Rimangono però alcune notazioni funeree riuscite.
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Rambo90 4/10/19 0:13 - 6070 commenti

Un Avati sentimentale e intimista, con un pizzico di follia nel modo in cui la storia prende piede. La messa in scena e la confezione sono ottimi, con una bella fotografia che aiuta nella sensazione di trovarsi alla fine dell'ottocento e costumi perfetti. La sceneggiatura a volte sembra perdersi, ma la regia colma le lacune così come la buona interpretazione del cast in cui Abatantuono è bravo e la Sastre radiosa. Molto bella la parte della proiezione delle foto dall'America. Buono.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Manfrin   4/8/14 10:07 - 311 commenti

Non dei migliori del grande Pupi, questo feuilleton di fine (è ambientato proprio il 31/12/1899) Ottocento. Indubbiamente la ricostruzione ambientale è ben curata, così come i personaggi di contorno; quello che pesa è una storia poco interessante unitamente al suo lentissimo sviluppo. Benino Abatantuono e la Sastre.
I gusti di Manfrin (Giallo - Poliziesco - Thriller)