Cerca per genere
Attori/registi più presenti

TO ALL A GOODNIGHT

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/4/15 DAL BENEMERITO HERRKINSKI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Ciavazzaro 27/3/18 2:48 - 4722 commenti

Uno dei primi esempi di slasher, imperfetto ma assai godibile. Parlando dei difetti abbiamo un cast poco recitante (da segnalare il cameo del porno attore Reems interpretante il pilota!), Herrington esclusa, una musica non convincente e alcuni punti morti. Ma i numerosi delitti sono una festa di creatività tra garrote, asciate e aerei, le scenografie sono splendide (una casa molto ben realizzata) e il secondo colpo di scena finale arriva alquanto inaspettato. Quindi, in definitiva, all'appassionato non dispiacerà.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'aereo; La garrota; Il look dell'assassino (babbo natale!); Il finale.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Herrkinski 28/4/15 4:22 - 4374 commenti

Noto per essere l'unica regia di David "Krug" Hess, il film è un tipico slasher che però anticipa di pochi mesi Venerdì 13, Non entrate in quella casa e - di 4 anni - Un natale di sangue, tutti film con cui ha svariati punti cardine in comune; dal whodunit dei primi due (e non solo) al look da Babbo Natale con ascia del film di Seller Jr. Il ritmo discreto e la componente splatter, abbastanza audace per l'epoca, lo rendono piuttosto godibile; peccato per qualche momento riempitivo e per una fotografia spesso buia, peggiorata nelle copie in vhs.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale "a sorpresa".
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Mco 23/1/16 18:47 - 2065 commenti

Di qualche mese antecedente Venerdì 13, ne anticipa le atmosfere e i tempi slasher ma senza affondare troppo nel gore. Qui David Hess si muove sui binari dell'horror natalizio, con un convitto studentesco preso di mira da un Evil Santa in odor di vendetta. Si passa da coltelli conficcati nella pancia a decapitazioni, passando per asce piantate sulla capoccia e degne sepolture in giardino. Il lato sex è al minimo sindacale, con qualche insipido nudo qua e là, mentre ad abbondare sono le parole. Ma, complessivamente, non merita l'oblio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La testa sul miscelatore della doccia.
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Pumpkh75 21/5/15 16:18 - 1184 commenti

La prima impressione di un Black Christmas lavato con la candeggina era fin troppo ottimistica: la realtà parla di un disastro, approssimativo e ridicolo, ma soprattutto privo di qualsiasi parvenza di affetto per il genere. Manca professionalità ovunque: lo script ha enormi lacune di buon senso, Hess alla regia è invisibile, gli omicidi sono poco sanguinosi e montati come una gara di 110mt ostacoli, di fretta e a balzelli. Due perle tra le tante: l’assurdo finale “danzante” e le scene teoricamente notturne illuminate quasi a giorno. Atroce.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)