Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GREETINGS FROM TIM BUCKLEY

All'interno del forum, per questo film:
Greetings from Tim Buckley
Titolo originale:Greetings from Tim Buckley
Dati:Anno: 2012Genere: biografico (colore)
Regia:Daniel Algrant
Cast:Penn Badgley, Imogen Poots, Norbert Leo Butz, William Sadler, Norbert Leo Butz, Ben Rosenfield, Isabelle McNally, Stephen Tyrone Williams, Alex Ziwak, Beth Katehis, Frank Wood, Kate Nash, Jessica Stone
Visite:61
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/2/15 DAL BENEMERITO MATALO!

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Grande esempio di cinema a detta di:
    Matalo!
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Kinodrop


ORDINA COMMENTI PER:

Matalo! 20/2/15 13:51 - 1360 commenti

Finalmente un biopic di qualche interesse. A patto che si conoscano Tim e Jeff Buckley (cosa che sarebbe un bene per molti). Non lo scadenzario dei fatti eclatanti ricostruiti in maniera mimetica ma il tentativo di messinscena di una relazione fantasma eppure fortissima tra padre e figlio. Il film individua in un memorial su Tim il momento in cui Jeff risolve la questione del padre in maniera dolorosa ma definitiva. Confezione adeguatissima; il protagonista canta quasi come Jeff, l'interprete di Tim no ma va benissimo lo stessso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La visita di Jeff alla casa del padre; Il film sa sottolineare le ampie differenze artistiche tra padre e figlio; L'esecuzione di "Once I was".
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Kinodrop 11/9/19 16:00 - 1112 commenti

Invitato al memorial in omaggio a Tim Buckley, il figlio Jeff è preso da dubbi sulla necessità del suo intervento, visto il quasi totale vuoto genitoriale e le divergenti scelte artistiche. Ottimo biopic sul parallelismo del vissuto dei due musicisti, così vicini e così lontani, accomunati da una grande sensibilità musicale e una voce unica e purtroppo da una fine per entrambi prematura. Il rovello caratteriale e artistico di padre e figlio è affidato ai testi delle canzoni che ne colgono i momenti introspettivi sullo sfondo di un irrequieto vagare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sorprendente immedesimazione vocale e mimica dei due protagonisti; I primi accordi di “grace”; L’inconsistente ricordo del padre; Il concerto finale.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)