Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SETTE GIORNI PER CAMBIARE

All'interno del forum, per questo film:
Sette giorni per cambiare
Titolo originale:The Longest Week
Dati:Anno: 2014Genere: commedia (colore)
Regia:Peter Glanz
Cast:Jason Bateman, Billy Crudup, Olivia Wilde, Tony Roberts, Laura Clery, William Abadie, Alexandra Neil, Seamus Davey-Fitzpatrick, Barry Primus, Ann W. Friedman, Richaud Valls
Note:Aka "7 giorni per cambiare".
Visite:746
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/11/14 DAL BENEMERITO GALBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 27/11/14 5:51 - 10984 commenti

Viziato rampollo di una ricca famiglia, Conrad si trova all'improvviso senza sostentamento. Commedia sofisticata ambientata tra gli agi dell'altissima borghesia newyorchese (particolarmente apprezzabile il lavoro dei decoratori d'interni), 7 giorni per cambiare ha una sceneggiatura che punta tutto sui dialoghi che coinvolgono tre protagonisti dalla sfaccettata personalità i cui rapporti permeano tutta la vicenda. Punteggiato da una deliziosa colonna sonora, il film scorre piacevolmente anche per le buone interpretazioni del cast. Godibile.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Daniela 2/12/14 10:08 - 8236 commenti

Ultratrentenne nullafacente vissuto nel lusso fin dalla nascita si ritrova in punto in bianco scaricato dai ricchi genitori e con pochi dollari in tasca. Tanto per complicare le cose, si innamora pure della ragazza già adocchiata dal suo migliore amico... Commedia sofisticata newyorkese che strizza l'occhio a Woody Allen, con la citazione vivente costituita dalla presenza di Tony Roberts nel ruolo dell'immancabile psicanalista. Film leggero alle soglie dell'inconsistenza, ma gradevolmente retrò e ben interpretato, soprattutto da Baterman che sta attraversando un buon momento in carriera.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Occhio: nessuna vera fan di Jane Austen strapperebbe mai un lembo di pagina a "Ragione e sentimento" per un appunto al volo .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 3/10/15 23:34 - 3583 commenti

Commedia brillante ma non troppo, dalle movenze alleniane e dallo stile retrò elegante. Sono proprio la fotografia d'interni e le inquadrature geometriche a dare un certo sapore al film che però scricchiola come forza del narrato, anche se attori e colonna sonora mantengono un discreto ritmo. Trova spazio anche una vespina che ricorda Moretti, se non fosse che ci troviamo a New York.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Rambo90 4/1/17 15:33 - 5935 commenti

Con una narrazione alla Wes Anderson e dialoghi che ricordano Allen, questa commedia si dipana attraverso una trama semplice semplice ma gradevole, fatta di botta e risposta simpatici, con situazioni magari non sorprendenti ma che spesso fanno sorridere. Bateman e Crudup funzionano nei rispettivi personaggi, ben supportati dalla bellissima Wilde e da una serie di ben scelti caratteristi (tra cui non a caso il Roberts di alleniana memoria). Confezione adeguata, buona la colonna sonora.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Furetto60 11/5/15 9:25 - 1129 commenti

Simpatica commedia ambientata a New York in cui il protagonista è un non giovanissimo rampollo nullafacente che all’improvviso si ritrova sul lastrico. Lo spunto della storia non è qualcosa di nuovo, ma lo svolgimento è piacevole, ritmato e con dialoghi abbastanza brillanti. Il finale non è scontato e fortunatamente alieno a soluzioni melense. Nel complesso la pellicola, pur non memorabile, risulta piacevole. Bella la fotografia con stupende vedute notturne di NY dal “balcone” di Brooklyn.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Stelio 27/12/14 20:54 - 384 commenti

Ben al di sotto della sufficienza. Si salvano la regia, la fotografia e gli accompagnamenti musicali, anche se la prima è viziata da alcune scelte un po' troppo retrò in fase di montaggio (soprattutto gli intermezzi in vespa del protagonista). La vera assente è la sceneggiatura, che rende pesante un film che, nonostante i buoni propositi, fatica a trasmettere i messaggi che propone. Una pellicola con la pretesa di essere brillante senza averne le basi. Mediocre.
I gusti di Stelio (Animazione - Commedia - Drammatico)