Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ALBERGO ROMA

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Benché il cast (in gran parte toscano) sia composta da attori solitamente adusi alla commedia, il film di Ugo Chiti (che adatta la sua pièce "Allegretto... per bene ma non troppo") è sostanzialmente un dramma, derivato da un fatto di cronaca realmente avvenuto nel 1939. In piena era fascista viene trovato, in un paesello che attende per il giorno dopo la visita del Duce, un feto morto. Un crimine gravissimo, nel Ventennio. E’ necessario trovare una colpevole e processarla. Subito. Le autorità del paese si muovono immediatamente in questa direzione, guidate dal segretario del fascio Claudio Bisio, inflessibile e volgare, pronto a calpestare i diritti civili pur di non incolpare le figlie dei potenti. E’ lui la figura principale, con la sua numerosa famiglia (la moglie Barbara Enrichi, sei figli e la domestica Debora Caprioglio), i suoi ricevimenti, l'amante. Ma all'Albergo Roma ci sono anche uno strano individuo solitario (Alessandro Benvenuti), il prete suscettibile (Carlo Monni), il maresciallo bonario (Giorgio Panariello), la sarta (Lucia Poli)... Varia umanità pronta a inserirsi in una sceneggiatura che non nega spazio a nessuno, abile nel raccontare tante storie diverse e complementari senza perdere di vista la credibilità storica. Non è un'opera completamente riuscita (poca incisività, divagazioni, confezione modesta...), però sa colpire nel segno con una storia toccante, che riesce ad essere interessante e a dare un bello spaccato della società e del modo di pensare dell'epoca lasciando all’azzeccato cast (comparsate pure per Massimo Ceccherini, Novello Novelli...) la possibilità di dimostrare le proprie capacità. Si pecca un po' di superficialità, ma...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 18/12/10 20:19 - 11143 commenti

Esordio alla regia di Ugo Chiti che per l’occasione adatta un suo testo teatrale ambientato in un borgo della toscana nel quale viene trovato, pochi giorni prima di una storica visita di Mussolini, il cadavere di un feto. Discreta la sceneggiatura che mette in mostra una serie di personaggi ben caratterizzati anche se non sempre in maniera adeguatamente approfondita. Buona la prova del cast, nel quale spicca il sornione Alessandro Benvenuti, che agisce in un contesto ambientale credibile e ben realizzato.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Rambo90 3/2/16 1:48 - 6149 commenti

Nonostante parte del cast possa farlo credere non si tratta di una commedia, almeno non comica. Chiti mette in piedi la ricostruzione di un fatto di cronaca curioso e intrigante, con una bella messa in scena, ma con sceneggiatura debole che dopo un po' comincia ad annoiare per la mancanza di veri avvenimenti. A salvare il film le caratterizzazioni degli attori (in primis Benvenuti, che con la sua naturalezza dona al personaggio belle sfumature). Bisio pure se la cava nei panni del fascistone, un po' meno Panariello e la Caprioglio.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)