Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CURDLED - UNA COMMEDIA PULP

All'interno del forum, per questo film:
Curdled - Una commedia pulp
Titolo originale:Curdled
Dati:Anno: 1996Genere: drammatico (colore)
Regia:Reb Braddock
Cast:Angela Jones, William Baldwin, Bruce Ramsay, Mel Gorham, Lois Chiles, Barry Corbin, Kelly Preston
Note:Minuscolo apporto sceneggiativo di Quentin Tarantino (il mini-spot "D.O.A. in Miami".
Visite:399
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Troppo esteticamente ricercato e autocompiacente per essere una “commedia pulp” (come recita il sottotitolo), CURDLED ha l'unico pregio di essere a suo modo originale: nessuno aveva ancora scelto come protagonista una ragazza che lavora in un'impresa di pulizie specializzata nell’eliminazione di sangue ed eventuali resti umani dalle case dove vi sono stati efferati delitti. Era un po' quello che faceva Harvey Keitel in PULP FICTION, e infatti Quentin Tarantino è qui produttore esecutivo e sceneggiatore del mini spot tv “D.O.A. in Miami” apparendo pure in foto per qualche istante a fianco di George Clooney (i due avevano da poco recitato assieme in DAL TRAMONTO ALL’ALBA). CURDLED tuttavia ha poco o niente della genialità di Tarantino ed è solo una sterile commedia che comincia discretamente per arenarsi quasi subito nelle secche di una sceneggiatura vacua, inesistente, destinata a condurci verso uno dei finali più strascicati e insopportabili che il cinema ricordi. L'innesto costante di una colonna sonora dalle musiche latinoamericane piuttosto incalzanti cerca di ridare vita a un film nato male e condotto peggio, che da un'unica, misera idea, improvvisa un canovaccio senza capo né coda, che strizza malamente l'occhio al cinema “moderno” con un montaggio particolare, cinepresa sempre in movimento, colori saturi e due attori (ma in scena c'è soprattutto Angela Jones) bravi ma sfruttati non adeguatamente. Nessun effetto splatter, solo sangue sparso copiosamente sui pavimenti; sguardi languidi (lui), sorpresi (lei) e un'antipatia di fondo sposata a incongruenze fastidiose. Raramente si trovano film tanto privi di sostanza, rivestiti poi di una patina assolutamente in contrasto con le supposte intenzioni “pulp”.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Mco 26/7/09 2:19 - 2085 commenti

La passione per le emozioni forti di una ragazza colombiana viene soddisfatta in maniera esaustiva allorché riesce a entrare in contatto con un killer seriale. Echi tarantiniani (Quentin compare in un brevissimo inserto televisivo) per un bizzarro filmetto con protagonista una tipa ammaliata dal dettaglio truculento (a largo raggio Braddock affronta una tematica affine a quella del Crash di Re David Cronenberg). A dirla tutta, la pellicola è passabile, ma niente di più...
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)