Cerca per genere
Attori/registi più presenti

RAGAZZI DELLA NOTTE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 17
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 27/5/08 23:27 - 4378 commenti

Della serie “se non lo vedi non ci credi”, perché il livello recitativo è agghiacciante, come fa capire il primissimo scambio di battute. I primi 45 secondi, poi, ci dicono che nessuna penserà di assumere un’espressione se la battuta non è sua. La condivisa cagneria è acuita dal fatto che la maggior parte interpreta ruoli “eccessivi”, per cui i difetti si ingigantiscono e rendono antipatici anche interpreti che di solito non lo sono. Se, per mera ipotesi, dovessi rivederlo, conterò le persone che guardano in macchina, usando il pallottoliere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le scene migliori son quelle di massa in disco, perché testimoniano una realtà sociologica e perché durante le stesse nessuno prova a recitare.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 14/4/11 7:15 - 10858 commenti

Non pago di "ammorbarci" con le sue trascurabilissime prove come attore, Jerry Calà ha l'ardire di cimentarsi addiritura come regista e di propinarci una commedia con pretese sociologiche. Il risultato è manco a dirlo disastroso: banalissima e scontata, l'opera (?) presenta personaggi impresentabili (ed interpretati malamente da un gruppo di pseudo-attori) e una morale d'accatto.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Undying 13/5/08 20:17 - 3875 commenti

Tentativo non del tutto disprezzabile, pur se non riuscito, per Jerry Calà: avvalendosi di VIP (tali per la costante, all'epoca, presenza sugli schermi televisivi) si tenta di far passare un messaggio buonista, indirizzato ai giovani "tiratardi" habitué delle notti da (s)ballo. Qualche buona trovata, dovuta principalmente a veri attori di contorno (Testi e Braschi) e la presenza della fascinosa (ma non attrice) De Grenet non sono però sufficienti a garantire la riuscita d'un film che s'innalza rispetto al (ridicolo) precedente, ma viaggia basso.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Renato 19/12/08 19:26 - 1495 commenti

Ovviamente da Jerry Calà non ci si può aspettare un ritratto fedele della gioventù discotecara degli anni novanta (che peraltro fortunatamente disconosco), ma solo un film corale coi soliti personaggi televisivi e se possibile quattro risate. Ma anche in quest'ottica il film funziona solo fino a un certo punto, anche se non mi sento di bocciarlo in toto... qualche momento è divertente (quasi sempre grazie a Calà) e non è mai offensivo. Comunque il regista farà di meglio in futuro, fortunatamente.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 10/4/11 23:48 - 6888 commenti

Sconcertante film di Calà (d’altronde quando lui è il regista, cosa ci si può aspettare?) che fallisce sotto ogni punto di vista. La pellicola è, infatti, patetica sia sotto il profilo dell’intrattenimento, sia come “analisi di costume e sociologica” (e c’era da dubitarne?) sul mondo giovanilistico e sulle sue avventure notturne. Circa il cast basta leggere i nomi per capire l’andazzo. Al di sotto del trash.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Deepred89 29/11/13 0:50 - 3084 commenti

L'inizio, col mockumentary velocizzato e "All By Myself" in salsa dance, mi ha fatto sperare per 2 minuti in un cult incompreso e invece no: Ragazzi della notte è veramente robaccia. Tecnica neppure malvagia (si vede che un budget c'è ancora) ma mai funzionale al narrato: la patina annienta il ricercato senso di disagio così come la credibilità. Poi la mancanza di una vera trama porta ben presto a uno stato di noia assoluta contro la quale la pretestuosa presenza di Calà attore e qualche dialogo o attore trasheggiante possono fare ben poco.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 8/7/08 22:42 - 2811 commenti

Ci sono quei film che sono capiti vent'anni dopo; quando, con un pizzico di pentimento, sono riabilitati dalla mediocrità e dal massimo disprezzo subito all'uscita. Gli esempi non mancano e, per quanto mi riguarda, c’è da inserire nella lista questa sorta di omaggio/inchiesta sul fenomeno delle discoteche sul Garda sotto l’ottica involontariamente comica di Calà (per farlo mette in scene tutta una serie di volti e di starlette della tv trash dell’epoca). Troppe serate “salvate” da questa pellicola per essere criticata.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Herrkinski 25/2/10 22:51 - 4293 commenti

Dopo il già temibile Chicken Park (che se non altro provocava ilarità per la componente trash), Calà si rimette dietro la mdp per girare questa specie di film-verità sulle discoteche e sui loro giovani frequentatori. A parte i neologismi messi in bocca agli interpreti (mai sentito parlar così nessuno all'epoca, francamente) e alla recitazione penosa della quasi totalità del cast, il film è poco più di una celebrazione dei discotecari e della vita vacua dei giovani. Clima televisivo, sceneggiatura ai minimi storici, regia finto-modernista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Walter Nudo spacciatore; la ricomparsa dell'ex "paninaro" Enzo Braschi.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Daidae 31/12/13 2:09 - 2569 commenti

Lo preferisco al piu` blasonato e per me decisamente peggiore Sabato ialiano. Ovviamente il cast composto da attori pessimi e inesperti pregiudica un'opera già debole di suo. Tremende poi alcune scene che vorrebbero apparire impegnate. Ha però qualche momento gradevole. In definitiva mediocre

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: che senso hanno le interviste della De Grenet?
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Trivex 28/1/11 15:59 - 1400 commenti

Purtroppo il film è proprio bruttarello. Non capisco perché si è stati così indecisi e pasticcioni, su un tema comunque potenzialmente interessante. Ci sono parti pseudodrammatiche (lo spacciatore ed il tossico), alternate ad altre pseudocomiche (il tizio che crede di cuccare pagando), ma rimangono tutte malfatte ed irrisolte. C'è anche la trasgressione (i tatuaggi, la fuga), la morale (quelli che hanno ragione e quelli che vivono di notte) e per finire la sperequazione sociale (di notte siamo tutti uguali). Tecnica modestissima e recitazione insufficiente.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Pol 28/11/11 9:57 - 589 commenti

Perla di ridicolo involontario come poche altre: Calà vuole dire la sua sul "popolo della notte" e lo fa in una maniera talmente artificiosa da risultare esilarante. Tutto è costantemente sopra le righe grazie ad un cast "all stars" che ridefinisce il concetto di recitazione, a cui vengono affidati dialoghi che vorrebbero essere a loro modo "neorealisti" ma suonano finti, stereotipati e ovviamente ridicoli (tutte le "interviste" sono francamente imbarazzanti). Per tacere delle moralette finali da saldi di fine stagione... Capolavoro.
I gusti di Pol (Comico - Gangster - Thriller)

Disorder 5/5/11 15:22 - 1382 commenti

Completamente insalvabile, è il film che segna la caduta di un piccolo mito del decennio precedente, che qui stecca su tutti i fronti in un tema in teoria a lui congeniale (il divertimento, le discoteche, la notte). Jerry appare veramente stanco, imbolsito e fuori posto; velo pietoso sul resto del cast, in cui troviamo la solita prezzemolina Alessia Merz, un giovane Walter Nudo versione metallaro e un improponibile Valerio Staffelli (e non sono nemmeno i peggiori!). Trama inesistente e dialoghi sempre tra il banale e il ridicolo. Da dimenticare.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Tomastich 3/7/09 17:39 - 1191 commenti

The Decline of Western Civilization: così recitava un titolo di un documentario Heavy Metal. Divoratori di trash-movies unitevi direbbe un Carl Marx strafatto. Jerry Calà mette in piedi la rappresentazione più orrida degli Anni Novanta, dove vengono accennati con il gusto di un macellaio temi anche come la droga, l'omosessualità, le veline. Una cosa indecente (se non fosse che è diretto dal mio "amico" Jerry). Comunque se gli alieni non si sono fatti ancora sentire, forse un motivo lo si può ricercare nelle scene di ballo di queste discoteche.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Maxx g 15/1/14 21:24 - 409 commenti

Jerry Calà cerca di inquadrare il cosiddetto "popolo della notte" e cade nella trita trappola dei luoghi comuni. Non solo: ci sono anche pessimi attori e modi di dire (e di fare) che fanno cascare le braccia; e purtroppo il mondo della discoteca è veramente così, per certi aspetti. Insopportabile (e inutile) la De Grenet che fa le interviste come anche alcuni personaggi. È tutto da buttare? No: la scena dell'ospedale tenta di dare spessore, come qualche cosa nel finale, ma è tutto buttato là. Poteva essere una buona occasione...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena dell'ospedale, con il ragazzo che parla all'amica caduta in coma.
I gusti di Maxx g (Comico - Horror - Western)

Blutarsky 29/12/13 19:19 - 350 commenti

Calà scrive, dirige e interpreta questo film, sorta di istantanea del popolo delle discoteche di metà anni novanta. Jerry punta in alto ma si spara a un piede... Infatti la pellicola affonda per evidenti limiti di scrittura, di regia e recitativi e finisce per sembrare uno spot per i locali del bresciano. Film narrativamente sgangherato: dialoghi improbabili alla “Calà”, personaggi e vicende stereotipate, recitazioni insufficenti, scelte registiche bizzarre... Divertente per tutti gli amanti del brutto, per i quali si può parlare di capolavoro!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le interviste nelle discoteche; I dialoghi improbabili dei ragazzi!
I gusti di Blutarsky (Giallo - Poliziesco - Western)

Dengus 30/3/14 15:24 - 349 commenti

Jerry confeziona un vero e proprio documentario su ciò che sono (o erano, dato che siamo nel 1995) le discoteche, chiamando a sé le starlette televisive di quel periodo (non per nulla la recitazione è alquanto dozzinale). L'idea è buona, qui siamo ancora nell'epoca delle maxi disco e in quei locali viveva (o vive) una sorta di minimondo asettico. Visto al cinema con l'occhio pruriginoso del quattordicenne alimentò la mia curiosità e voglia di crescere per vivere il mondo della disco e delle sue frequentatrici, ma Calà forse esagerò un po'.
I gusti di Dengus (Comico - Commedia - Sentimentale)

Straffuori 2/5/09 17:35 - 170 commenti

Carrellata thrash tutto sommato divertente sul mondo dei giovani e delle discoteche, ambientata sul lago di Garda. Ci sono praticamente tutti i personaggi "televisivi" inizio Anni Novanta, da Vastano a Staffelli, da Walter Nudo a Enzo Braschi e poi Maria Monsè, Alessia Merz, Samantha de Grenet, Alessandro di Sanzo, Fabio Testi (pure lui) e Puccio Gallo, grande amico di Calà, titolare del Sesto Senso per davvero. Calà appare stanco e fuori forma, non particolarmente ispirato. Belle le musiche disco Anni Novanta dell'epoca.
I gusti di Straffuori (Comico - Horror - Poliziesco)