Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LEI

All'interno del forum, per questo film:
Lei
Titolo originale:Her
Dati:Anno: 2013Genere: drammatico (colore)
Regia:Spike Jonze
Cast:Joaquin Phoenix, Lynn Adrianna, Lisa Renee Pitts, Gabe Gomez, Chris Pratt, Artt Butler, May Lindstrom, Rooney Mara, Bill Hader, Kristen Wiig, Brian Johnson, Scarlett Johansson, Amy Adams, Matt Letscher, Spike Jonze
Note:Nella versione italiana la voce di Samantha (nell'originale Scarlett Johansson, che non appare mai in video) è quella dell'attrice Micaela Ramazzotti.
Visite:1629
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 34
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/1/14 DAL BENEMERITO MICKES2 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 29/3/14
Un futuro prossimo in cui tutto è praticamente uguale ad oggi tranne qualche videogioco interattivo e una discutibile moda che prevede pantaloni ascellari di dubbio gusto. Poi però ci si accorge di una novità non da poco: in vendita c'è un nuovo sistema operativo che non solo ti parla ma ragiona, pensa, si emoziona e ama come un perfetto essere umano, e costa evidentemente persino poco, vista la diffusione! Dal punto di vista della credibilità siamo più o meno dalle parti della fantascienza che ci mostrava la luna irritata col razzo piantato nel'occhio; ma il problema non è tanto questo, quanto il fatto che dietro a un'idea che pare un residuato degli Anni Ottanta c'è davvero pochissimo: si puntava molto sulla voce della Johansson, ma in Italia ci han piazzato la Ramazzotti che quanto a spontaneità (per quanto possegga indubbiamente una bella voce), con quelle risatine infilate a forza dappertutto non pare esattamente lo stesso. Joaquin Phoenix, che di volta in volta sceglie un diverso abito rosso per caratterizzare almeno esteticamente il suo anonimo personaggio, subisce il fascino e l'invadenza del nuovo sistema operativo e in breve ci finisce pure a letto in una ridicola scena d'amplesso virtuale che rasenta il trash. Il resto sono soprattutto affettuosi scambi di complimenti, qualche spaurita riflessione implicita sulla normalità con cui si rischia di accettare un rapporto tanto "atipico" e ben poche idee in grado di dare un vero senso al tutto: di scene come quella in cui una ragazza si presta ad interpretare il "corpo" del sistema operativo per agganciare le due diverse realtà ce ne volevano un bel po', soprattutto per raggiungere le due ore; invece ci si limita a volare bassi, a una ricognizione superficiale di un fenomeno in ascesa (il rapporto "virtuale", pur se non così estremizzato, è componente fortissima del nostro presente), a qualche battuta accennata avvolgendo il tutto in una sorta di ovatta d'autore, in cui voci e musiche soavi si confondono in un chiaccericcio sempre uguale o quasi, a un gioco di botta e risposta scontato, agli interventi di un'amica dolce e disillusa (Amy Adams); e poi via verso un finale in cui i limiti di un rapporto simile vengono inevitabilmente a galla. Si apprezzano la grazia e la delicatezza con cui Jonze dirige, la bravura di Phoenix nel mantenere bassi i toni e nel mostrarsi spaesato al punto giusto, ma l'Oscar alla sceneggiatura – ad esempio - pare francamente un'esagerazione.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 11/9/14 5:35 - 10612 commenti

Per il suo film Spike Jonze utilizza uno spunto vetusto (il rapporto tra uomo e macchina) per parlare (tra le altre cose) della incorporeità dei sentimenti e delle passioni. Potrebbe anche andare bene se non fosse che al di là dello spunto, il film si regge intorno ad interminabili soliloqui e una vicenda che ruota su sé stessa in modo totalmente atonico. Inquadrature suggestive e un attore bravo, ma nel complesso un film pretestuoso e noioso. La Lei del titolo è doppiata dalla Ramazzotti: non è il massimo ma non è la cosa peggiore del film.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Cotola 9/4/14 22:12 - 6728 commenti

Deludente: ed è dire poco. Tutta ruota attorno ad un'unica idea (peraltro: è poi così bella ed originale?) che viene sfruttata oltre modo e che viene ravvivata (poco) solo qua e là. Momenti irresistibili non ce ne sono: in compenso le pause abbondano. Il meglio è rappresentato dalla straordinaria voce della Johansson che fornisce una grandissima prova. Ovvio che chi lo vede in italiano e deve sorbirsi la Ramazzotti...brrr, mi vengono i brividi. Alla fine la montagna partorisce il solito topolino-ino-ino. Se questa è la migliore sceneggiatura originale americana dell'anno...
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 28/1/14 9:37 - 7347 commenti

Theodore per mestiere scrive lettere per chi non sa esprimere i propri sentimenti di amore o affetto, ma nella vita reale non è dissimile dai propri clienti. La relazione con Samantha cambierà la sua vita. Samantha è un sistema operativo... Fantascienza molto prossima, tutta proiettata sul peso della parola a discapito dell'immagine, cosa che forse rende la proiezione meno verosimile ma senza compromettere il film, matura riflessione sulla sostanza dell'amore, coinvolgente ed imprevedibile nei suoi sviluppi come in ogni relazione umana. Convincenti Phoenix e Johansson, voce e anima di Samantha

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Quando Theodore realizza di non essere l'unico uomo nella vita di Samantha.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 21/3/14 19:24 - 2072 commenti

D'accordo, al netto delle ambizioni filosofiche (risolte solo in parte e spesso addizionate per smania di completismo) rimane la classica parabola di riabilitazione sentimentale, nel quadro del solipsismo contemporaneo: a fare la differenza è una capacità non comune di definire e lasciare affiorare i sentimenti, cui un sempre più bravo Joaquin Phoenix dona volto e anima e che la regia (con singolare sobrietà stilistica) segue, scruta, sorprende, mette al muro. Scritto benissimo - un bildungsroman che si crogiola nella melanconia del cyberspazio - è una prova di maturità per l'eclettico Jonze.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Caesars 14/12/15 11:10 - 2332 commenti

I punti forti della pellicola risiedono sicuramente nell'ottima prova fornita da Joaquim Phoenix (praticamente sempre in scena da solo) e nell'apporto di Scarlett Johansson, che fornisce all'OS una voce calda e sensuale (fondamentale in questo senso vedere la versione originale). Buona comunque l'idea di partenza, forse neanche così fantascientifica in un futuro prossimo, sviluppata in modo meno banale del previsto. Il film si è rivelato una piacevole sorpresa, pur restando ben lontano dall'essere un capolavoro.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 2/4/14 16:43 - 3024 commenti

L'amore nell'era delle macchine ribelli (o meglio, delle voci ribelli delle macchine) porta a un film interessante, dall'atmosfera sognante e dolceamara, non senza un paio di cadute (l'erotismo vocale) ma con una raffinata confezione e un Phoenix che si conferma tra i migliori attori attualmente sulla piazza. Il discorso si sviluppa lentamente affrontando tutte le tappe necessarie, anche se, quando colei che "non sapeva di saper suonare" esordisce con un brano al pianoforte, il mancato déjà-vécu diviene subito déjà-vu (per lo spettatore).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I flashback onirici con la ex, anche se il fatto che a impersonarla vi sia l'amata Rooney Mara potrebbe aver influito sulla scelta.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 29/3/14 9:39 - 2594 commenti

Da un Oscar come miglior sceneggiatura originale m’aspettavo un film coinvolgente, tanta l'immaginativa; invece ci troviamo il solito trentenne depresso che, in un futuro indefinito, s'innamora di un software pensante con voce femminile; d'accordo, e dov'è la novità? Il Sordi di Io e Caterina non aveva espresso in maniera lungimirante lo stesso concetto? Forse in lingua originale il film ci guadagna (la voce biascicata e le continue risatine singhiozzanti della Ramazzotti ci riportano a una realtà italica che sminuisce il tutto).
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Capannelle 14/2/14 9:05 - 3439 commenti

La ricetta? Prendere un sorprendente Phoenix dopo aver "nerdizzato" il suo look e una suadente voce femminile (nella VO la Johansson fa un ottimo lavoro). Usare vivi colori e spazi luminosi per caratterizzare un'umanità, nemmeno troppo lontana, dove la crisi di rapporti interpersonali viene risolta senza drammi con l'ausilio di intelligenze artificiali (altro che cani e gatti..). Jonze mixa il tutto con sensibilità, modulando tempi e toni espressivi in modo che non siano mai lenti o nevrotici.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Matalo! 22/10/14 18:13 - 1334 commenti

Una delle sorprese del mio anno cinematografico, da vedere assolutamente in lingua. La complessità del rapporto umanoelettronico vista senza pregiudizi e attraverso tutte le sfaccettature, da quelle negative, alienanti, sino alla chance di un risveglio emotivo. In questo Jonze non ha né pregiudizi né moralismi pur tenendo l'uomo al centro della questione, come dev'essere. E l'uomo in questione è un formidabile Phoenix a cui va aggiunta una sorprendente Scarlett Johannsson, che veste i panni di una voce con una bravura almeno spericolata.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I rapporti via chat; La voce della Johannson; Le passeggiate tra folle con ipad a portata di mocchio; La colonna sonora.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Hackett 9/3/15 11:12 - 1557 commenti

Film dall'incedere lento, che pian piano entra nella mente e nel cuore. Jonze dosa bene i momenti di attesa, i silenzi e le musiche, rendendoci testimoni della nascita di un amore impossibile e disperato. L'amarezza di base si sente ed è resa palpabile da uno straordinario Phoenix che recita da solo. Riflessione profonda sulla ricerca di una perfezione irraggiungibile e di una distrazione umana sempre più patologica. Amaro.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Harrys 17/7/14 15:32 - 679 commenti

"Touch, I remember touch"... Jonze è brillante nell'inerpicarsi in grovigli fanta-distopici già ampiamente esplorati dalla letteratura e dallo stesso cinema. La selva oscura è rappresentata da un'astratta e asettica Los Angeles non dissimile da una megalopoli random odierna e Phoenix è l'Alighieri che vi si smarrisce, incarnando quel che oggi verrebbe definito senza fronzoli di sorta un sociopatico; nella proiezione futurista ne rappresenta paradossalmente un mero surrogato, semplicemente per una deprimente legge dei grandi numeri. Le ripercussioni filosofiche derivano nell'empireo della prevedibilità, minandone l'ulteriore ascesa.
I gusti di Harrys (Comico - Fantastico - Horror)

Fabbiu 31/10/14 9:39 - 1844 commenti

Pensai a un soggetto molto simile la prima volta che ascoltai la voce di Siri su un'iphone; per il resto l'impressione è che Spike Jonze ci metta due ore per raccontare qualcosa che una puntata di Black Miror o di Ai confini della realtà avrebbero raccontato in venti o quaranta minuti. Piacevole la grazia e la delicatezza con il quale tutto è condito e con la quale si cerca di mettere in risalto la solitudine del protagonista; forse è proprio un errore vederlo in italiano, visto che la voce del computer è decisamente insopportabile.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Rambo90 27/6/17 16:25 - 5292 commenti

Storia di fantascienza romantica, che parla di solitudine, della volontà di legarsi a qualcuno che ci capisca anche se questo qualcuno non è umano (e non ha corpo). Jonze racconta tutto questo con delicatezza, attraverso una sceneggiatura interessante, forse riuscita meglio del film in sé che sconta a tratti un ritmo un po' troppo letargico. Bravo Phoenix e grandissimo il lavoro in doppiaggio della Ramazzotti. Da vedere.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 9/4/14 0:19 - 4099 commenti

Si può accettare come metafora. Metafora di che cosa? Non lo so. Qualsiasi cosa si possa dire è subito luogo comune, peggio una scemenza. Si potrebbe dire che rappresenta il presente, non tanto un futuro più o meno prossimo, con l'aggiunta della "trovata" di fare il virtuale del virtuale, dando all'intelligenza artificiale la possibilità di crescere anche nei sentimenti, cosa che senz'altro può essere fatta. Una pazzia certo, a meno che non la si veda come terapia per disadattati psichici, cioè tutto il mondo. Buona fotografia urbana di Shanghai.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Myvincent 16/3/14 21:34 - 2094 commenti

Può un uomo innamorarsi di un'intelligenza artificiale evoluta e dalla voce di velluto? Naturalmente sì, se la tecnologia è avanzata al punto da farlo riflettere su sè, i suoi errori, nonché aiutarlo a progredire ed esprimere. Dobbiamo abituarci al futuro e inserire il web nelle nostre relazioni umane: questo è uno dei significati del film. A volte un po' troppo mellifluamente romantico, ma comunque una buona pellicola, attualissima.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Didda23 14/7/14 10:09 - 1947 commenti

Una delle più grandi soddisfazioni per un cinefilo è quella di trovare un autore che ti entra dentro, che ti emoziona e che ha la tua stessa idea di cinema. Per me è Spike Jonze. Lei è un capolavoro di scrittura, un racconto delicato di un'umanità sempre più isolata (e più tollerante) ma che è ancora in grado di amare. L'amore come totalità, che va oltre il corpo e lo spirito, che include e non esclude, che abbatte ogni pregiudizio. Phoenix è un carnevale di espressioni e il suo Theodore ti entra diritto nel cuore. Regia elegante e colonna sonora da urlo. Assoluto e illuminante.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Paulaster 30/1/14 9:54 - 1883 commenti

Alla fine è la componente umana che ci distingue, o che ci accomuna. Jonze ci proietta nel futuro coi toni caldi degli anni 60, dove i sentimenti erano più liberi e spiazza ancora con colpi di genio (Isabella) trattando il banale “amore” con una delicatezza che ricorda Se mi lasci ti cancello. E il Phoenix innamorato sembra Carrey. Come note: scambi di battute a volte troppo elaborati o prolissi, il senso di straniamento nella stanza visto in Lost in translation, finale in stile Antonioni.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Ryo 6/4/14 23:48 - 1678 commenti

Spike Jonze è riuscito a creare un piccolo gioiello dando vita a un film futuristico senza scadere in cliché dell'ipertecnologico con macchine volanti od ologrammi, ma dipingendo una realtà "possibile" con costumi e scenografie ispirati a vecchie mode che tornano e in cui il rapporto con la tecnologia è sempre più accentuato a discapito dei rapporti sociali umani, a tal punto che non fa scalpore sapere che un essere umano si innamora di un sistema operativo, che ha una sua coscienza e una sua intelligenza, ma resta sempre un computer. Un tema molto attuale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Quando Theodore non riesce ad accedere a "Samantha".
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Mickes2 27/1/14 0:20 - 1550 commenti

Tenue e straniante storia d'amore immersa nel futuro (prossimo) nel progresso e nell'umanità, proiettata e aperta a un'alchimia uomo/tecnologia al servizio dei rapporti interpersonali e dei sentimenti, parole e voci che soavi cercano di accarezzarli posandoli sul fondo del cuore rivelando così lo spirito, il vero Io di chi è in grado di accoglierle, ascoltarle. Fare pace col passato, rimuoverlo e proseguire andando incontro al presente, chi siamo e come possiamo cambiare in base a quello che ci circonda, caratterizza il nostro vissuto. Romantico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La voce di Scarlett Johansson.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Greymouser 28/1/14 20:49 - 1441 commenti

Un uomo solo e depresso, uno scrittore di lettere per conto terzi, si innamora di un sistema operativo con intelligenza artificiale evoluta e voce molto sexy, capace di interagire in modo imprevedibile col protagonista fino a sviluppare un rapporto di amorosi sensi. Idea non nuovissima, ma ben sviluppata, con coraggio, e con riflessioni non banali. Nonostante si tratti di materia senza alcun rilievo filmico-visionario, l'operazione è intelligente ed efficace. Perfino commovente, e non era facile.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Il ferrini 21/11/16 23:01 - 1236 commenti

Spike Jonze è una garanzia e lo stesso si può dire di Joaquin Phoenix, qui ancora più "irrational" del solito. L'idea della donna virtuale non è certo nuova (S1m0ne) e neanche quella di una relazione amorosa uomo-macchina (dalla replicante di Ridley Scott alla robot di Alberto Sordi) ma qui è raccontata davvero con commovente poesia. Bravissima Micaela Ramazzotti, voce di Samantha e ottimo anche il lavoro degli Arcade Fire sulle musiche. Un film molto intimo ma al contempo di respiro universale, soprattutto del delineare la solitudine.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il momento in cui Phoenix si rende conto di non essere "l'unico", lei è innamorata di altri 641 uomini.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Xamini   17/3/14 15:59 - 815 commenti

Solo apparentemente un fantascienza banale (in diverse circostanze gente rideva in sala). La riflessione di fondo sui rapporti umani e sulla natura dell'innamoramento è il sottotesto davvero interessante, quello che a valle di una buona storia, condotta su un buon ritmo e con una bella fotografia, lascia quel retrogusto saporito che ti fa venir voglia di chiacchierarne o di fare due passi e pensarci su.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La voce di Micaela Ramazzotti.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Kinodrop 30/6/15 18:16 - 797 commenti

Visto che ormai si parla col proprio iphone, il quale ci ricorda, ci consiglia, ci stimola (un alter ego virtuale), questo soggetto sembra meno avveniristico di quel che appare. Si toccano temi ormai esausti, la solitudine, la nevrosi, l'invadenza del virtuale, l'autoreferenzialità etc ma in modo pretestuoso, polverizzando paradossalmente proprio i veri affetti e le persone reali (anche se un po' differente, per esempio, Lars e una ragazza tutta sua risulta più condivisibile). Apprezzabilissimo, checché se ne dica, il doppiaggio della Ramazzotti. Musica discreta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli ambienti patinati "da interior design"; L'idea dello scrivano vecchio stile.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Nancy 28/2/18 20:37 - 743 commenti

Film che racconta il solipsistico amore dell’uomo e della macchina. Solo che nel film nessuno parla di macchine: tutti danno per scontato che l’Iphone del protagonista sia un essere senziente e capace di sviluppare un rapporto amoroso. Il film non fa riferimento a effetti speciali ma con la sua fotografia pastello e gli alienanti scenari futuristici riesce a creare un’atmosfera distorta che aumenta con la follia del protagonista. Ha dei risvolti involontariamente comici (la scena di sesso telefonico, l’uscita a tre). A tratti inquietante.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lou 8/3/15 20:15 - 704 commenti

Non esattamente un film di fantascienza, piuttosto una storia d'amore, sulla perdita dell'amore e sulla solitudine nella moderna società urbana super tecnologica. L'ho visto in versione originale, dove la scelta di Scarlett Johansson per la voce del sistema operativo è azzeccata e produce il giusto effetto. Molto espressivo Joaquin Phoenix, perfetto nel ruolo e struggente nei suoi tentativi di superare la perdita dell'amore della vita con una disperata ricerca di un'impossibile autenticità.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Jdelarge 24/3/15 0:44 - 635 commenti

Film interessante e diretto con intelligenza da Jonze, che si avvale di tutti i mezzi possibili per descrivere al meglio la vicenda e delineare il carattere dei personaggi: e così inquadrature, colori, luci e musiche vanno di pari passo con la trama e i sentimenti dei protagonisti. L'argomento trattato, seppur non troppo originale, suscita interesse perché esposto in maniera lucida e saggia da una regia ispirata. Phoenix fa il resto fornendo una prova davvero superba.
I gusti di Jdelarge (Drammatico - Giallo - Horror)

Rullo 2/2/14 18:23 - 388 commenti

In un futuro non così remoto l'uomo si trova a conversare con una macchina come se fosse reale, una persona in carne e ossa. Spike Jonze analizza tale rapporto a fondo, fino a rivelarne l'incredibile paradosso. Un film romantico (stupenda la fotografia che ne trasmette la sensazione) e one man show da una parte, one girl show dall'altra. Peccato per un calo di tensione poco prima del finale. Comunque molto buono.
I gusti di Rullo (Avventura - Commedia - Drammatico)

Delpiero89 22/9/14 10:48 - 263 commenti

Storia d'amore in un futuro non troppo lontano. Da una parte Joaquin Phoenix, dall'altra la voce (di Scarlett Johansson in lingua originale, di Micaela Ramazzotti in Italia) di un sofisticatissimo e umanissimo sistema operativo. L'idea è più che apprezzabile per un film intriso di sentimento (!) e delicatezza, supportato da una dolce colonna sonora. A tratti anche divertente ma leggermente dilatato nei tempi. Assolutamente un film da vedere e adesso, fra qualche anno potrebbe essere già tardi...
I gusti di Delpiero89 (Giallo - Poliziesco - Western)

Ugopiazza 21/3/17 1:57 - 118 commenti

Niente da fare, ormai per questo genere di storia sembra diventata una regola accartocciarsi a metà del secondo atto. Infatti, dopo un'entusiasmante prima metà, il film comincia ad accumulare troppi sentimentalismi per il tipo di vicenda raccontata, quando un tono più grottesco sarebbe stato l'ideale (in maniera analoga al ben più riuscito The lobster). Il film è comunque ricco di ottimi momenti e dialoghi toccanti (concentrati quasi esclusivamente nella prima parte) per non amarlo almeno parzialmente. Resta però quel senso di incompiutezza...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lo sguardo e la voce rotta di Joaquin Phoenix durante le sue confessioni a cuore aperto con Samantha.
I gusti di Ugopiazza (Commedia - Horror - Thriller)

Quietcrash 21/6/15 23:58 - 83 commenti

La trama è incentrata su un uomo che si innamora di un sistema operativo. Un bel film che mette in luce la solitudine degli esseri umani, impossibilitati ad avere una reale relazione interumana e che al contrario sperano solo che qualcosa si interfacci con loro. La voce del sistema operativo è di Scarlett Johansson, fantastica. Notevole anche la fotografia.
I gusti di Quietcrash (Documentario - Fantascienza - Horror)

Manrico 9/3/15 12:57 - 78 commenti

Soggetto di grande profondità, che incrocia la tradizione Asimov-Dick (sull'anima della macchina) con l'attuale riflessione sulla solitudine (affettiva e non) dei rapporti virtuali. Ovviamente Jonze deve tenere conto anche delle necessità sentimental-narrative del film, ma risolve il tutto assai bene, per sottrazione ed evocazione. Ottimo Joaquin Phoenix in una parte da Nino Manfredi post-hipster, essenziale vedere il film in originale (la voce della "lei" virtuale è di Scarlett Johansson). Ero partito senza grandi aspettative, ma è un gran film.
I gusti di Manrico (Comico - Erotico - Fantascienza)

Elsolina 18/3/15 17:39 - 41 commenti

Un Oscar come migliore sceneggiatura originale, una forte acclamazione e la standing ovation per Spike Jonze. Se, però, consideriamo il capolavoro del '99 Essere John Malkovich, Jonze ha osato forse un po' troppo con la fantasia. In un futuro non troppo lontano un versatile Joaquin Phoenix (Theodore), sconvolto da un matrimonio concluso, affida i propri sentimenti a un sistema operativo. Dopotutto piacevole, ma molto meglio in lingua originale: un pessimo doppiaggio italiano contribuisce a far calare la già discutibile credibilità del film.
I gusti di Elsolina (Commedia - Drammatico - Sentimentale)

Dupea 9/1/15 17:08 - 28 commenti

Spaventoso ritratto di quella che potrebbe diventare la nostra vita nell'arco di 10 anni, Her è una di quelle poche opere che, relazioni virtuali a parte, dipingono un futuro piacevole e ordinato, lontano dagli scenari apocalittici a cui ci hanno abituato i maggiori blockbuster degli anni Ottanta. Da una sola idea si dipana un lungo film, intimista e delicato, che inesorabilmente giunge alla conclusione che ci aspettiamo dall'inizio, anche se non dal personaggio che avremmo sperato, cioè l'uomo. E questo è l'aspetto più inquietante del film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'ex moglie, incredula, a Theodore: "Are you dating with your computer?".
I gusti di Dupea (Fantascienza - Poliziesco - Thriller)

Sonsteak 22/3/14 21:52 - 17 commenti

In un futuro - o meglio dopodomani - con nulla di futuristico o distopico ma dai toni pastello sixties, Theodore, che di lavoro scrive belle lettere d'amore conto terzi, vive in solitudine. Si innamora di un incorporeo sistema operativo, cioè della calda voce della Johansson che sviluppa un'intelligenza tutta sua. Nessuno si stupisce di questo rapporto e proprio qui sta la forza (o difetto?) del film: parlare di una storia d'amore normale, che si incrina per i soliti motivi, cambiare e soprattutto non essere unici e darsi in tutto e per tutto all'altro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il sistema operativo, attraverso un orgasmo, "sente" il proprio corpo; Lo schermo è nero, solo le voci dei protagonisti fuori campo; Arcade Fire!
I gusti di Sonsteak (Commedia - Documentario - Drammatico)