Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LE STRANE LICENZE DEL CAPORALE DUPONT

All'interno del forum, per questo film:
Le strane licenze del Caporale Dupont
Titolo originale:Le caporal ÚpinglÚ
Dati:Anno: 1962Genere: commedia (bianco e nero)
Regia:Jean Renoir
Cast:Jean-Pierre Cassel, Claude Brasseur, O.E. Hasse, Claude Rich, Jacques Jouanneau, Sacha Briquet, Raymond Jourdan, Guy Bedos, Philippe Castelli, GÚrard Darrieu
Visite:71
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/12/13 DAL BENEMERITO GI¨AN

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Gi¨an, Faggi


ORDINA COMMENTI PER:

Gi¨an 4/12/13 7:01 - 2636 commenti

In compagnia del camerata/amico DedŔ, il Caporal Dupont le tenta tutte per fuggire dal campo di prigionia tedesco in cui Ŕ detenuto. Al termine del proprio percorso artistico, Renoir ritrova le tematiche fondanti della sua ôgiovinezzaö cinematografica: la guerra e lĺUomo, con la sua incoercibile voglia di reagire e affermarsi nonostante tutto. La vocazione umanistica, declinata in chiave di commedia drammatica (ben prima di La vita Ŕ bella), a tratti stride e annoia ma Ŕ sostenuta da sinceritÓ e libertÓ stilistica encomiabili. Toccante e asciutto finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il tentativo di fuga solitario del commilitone occhialuto visto attraverso le emozioni dei suoi compagni di prigionia.
I gusti di Gi¨an (Commedia - Horror - Thriller)

Faggi 6/6/18 20:43 - 1401 commenti

Commedia umanista dai toni drammatici (anche marcati in certi passaggi). Renoir, anziano e saggio, si destreggia con attori, macchina da presa, materiale emotivo e bellico in chiave allegorica (e scrive anche i dialoghi). L'oggetto non Ŕ da elencare tra i capolavori del Maestro, qua e lÓ rischia qualche scivolata nella noia ma si difende discretamente e trova momenti dove emerge con limpidezza la visione di uno stile. Il bel finale, netto, inesorabile nella sua asciutezza, di semplice e realistico simbolismo, convince al mezzo pallino in pi¨.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)