Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CUORE CATTIVO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 13/1/08 9:18 - 10954 commenti

Scritto e diretto dal commediografo Umberto Marino, Cuore cattivo è un discreto dramma metropolitano in cui il regista ha saputo rendere con efficacia sia l'ambiente claustrofobico e "traspirante" violenza del luogo dell'azione sia il carattere del protagonista forse un cattivo più apparente che reale e che diventa sopraffatto da un meccanismo più grande di lui. Da questo punto di vista (e l'autore non manca di sottolinearlo) è forse più cattivo il perverso gioco dei mezzi di informazione. Bravo Kim Rossi Stuart.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Daniela 9/8/17 6:49 - 8134 commenti

Dopo una rapina andata male, un giovane criminale si barrica in un appartamento, prendendo in ostaggio una ragazza costretta sulla sedia a rotelle. Assediato dalla polizia, chiede di poter parlare con un famoso conduttore tv... Da una sua opera teatrale, Marino dirige un film di buone intenzioni ma modesto sotto tutti i punti di vista: la critica alla manipolazione televisiva è fiacca e poco definita, la messa in scena misera ed approssimativa, la prova di Rossi Stuart volenterosa ma troppo isterica e caricata, tanto da rischiare di apparire involontariamente parodistica.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Nando 31/3/11 16:51 - 3322 commenti

L'escalation delinquenziale di un balordo di borgata che rifugiatosi in un'abitazione mostrerà anche un lato umano. Una buona prova di Rossi Stuart che s'immedesima alacremente nella parte nonostante il film risenta di qualche influsso teatrale, discreta la denuncia delle televisioni sciacalle.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Luchi78 4/4/11 17:12 - 1521 commenti

Film ancora fortemente attuale, incentrato su due vite emarginate, anche se in posizioni diametralmente opposte. Attorno alla loro vicenda personale si sviluppa la critica nei confronti dei mezzi d'informazione, elemento portante nella seconda metà del film. Tante le sfumature caratteriali impresse ai personaggi, incisiva l'interpretazione dei due protagonisti supportati anche da ottime scelte registiche. Da rivalutare.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Tomastich 30/7/09 17:33 - 1203 commenti

Parte come un Rape & revenge all'italiana, poi via via si apre, mostrando la cruda realtà di due vite parallele in una Centocelle che sembra Berlino Est. Parallelamente alle vite dei due personaggi corrono i fatti degli anni 90, con l'inizio della televisione alla "Non è la Rai" e del reality show. Un buonissimo prodotto artigianale e neorealista. Davvero bravo Rossi Stuart.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Sempre bellissima "Dream on" degli Aerosmith.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Alex1988 13/2/19 17:51 - 556 commenti

Soggetto più volte riciclato nel cinema; soltanto l'anno prima Oliver Stone aveva realizzato il controverso Assassini nati. Qui il contesto è ben diverso: Kim Rossi Stuart è un delinquentello di chiaro stampo pasoliniano che, dopo una rapina andata male, si barrica in casa di una ragazza sulla sedia a rotelle. Dopo un primo tempo frenetico il film inizia a perdere colpi. Peccato, perché rifare Quel pomeriggio di un giorno a cani all'italiana poteva sembrare una buona operazione. Non proprio da buttare via, insomma.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Corinne 20/2/11 0:07 - 390 commenti

Ottima prova di Kim Rossi Stuart nei panni di un delinquentello cocainomane di borgata che, a dispetto del titolo del film, risulta disperatamente umano e fragile. La storia si regge principalmente sulla sua interpretazione, confinata tra le mura di un appartamento in perenne penombra, con un palpabile senso di claustrofobia e canicola romana, scivolando nella seconda parte in cui l'impianto poliziesco cede il passo alla denuncia contro la spettacolarizzazione mediatica. Si riprende negli ultimi 10-15 minuti ma il finale è scontato e deludente.
I gusti di Corinne (Giallo - Horror - Thriller)

Straffuori 18/8/08 14:13 - 170 commenti

Accettabile lavoro di Umberto Marino, improntato sul realismo da "scoop televisivo" e sulla squallida e soffocante situazione di un ragazzo di periferia un po' sbandato. Kim Rossi Stuart cocainomane che sbrocca continuamente ma in fondo è buono come il pane è godibilissimo. Divertente Popolizio-Ministro e Ghini. Presente anche Mastandrea all'inizio della sua carriera cinematografica (impacciato). Non male le musiche. Forse risulta un po' troppo divertente e grottesco quando dovrebbe far riflettere.
I gusti di Straffuori (Comico - Horror - Poliziesco)