Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL TUO AMICO NEL MIO LETTO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: n.d.N° COMMENTI PRESENTI: 0
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Classico prodotto degli Anni Novanta, SLEEP WITH ME è il solito ritratto prevedibile di giovani con pochi ideali, che si ritrovano frequentemente per giocare a poker, parlare di donne (lì presenti con loro), riprendere festine con l'immancabile videocamera, inventare poco stimolanti quesiti esistenziali. Riprese spesso quasi amatoriali, dialoghi fiume, un'ironia non sempre disprezzabile e un cast piuttosto indovinato (soprattutto nella triade composta da Craig Sheffer/Frank, Eric Stoltz/Joseph e Meg Tilly/Sarah) sono le caratteristiche di una commedia superficiale e verbosissima, dominata dal tentativo di inserirsi il più possibile sulla strada già tracciata dai "giovani, carini e disoccupati" loro contemporanei. L'operazione riesce, specialmente nella seconda parte, quando la situazione si fa più "calda" e se non altro c'è qualcosa da raccontare. Il problema è che tutto sembra studiato a tavolino e manca a SLEEP WITH ME la spontaneità necessaria a rendere credibile la vicenda. Si passa da una festa tra intimi a un ritrovo nello scantinato mettendo in scena le grandi preoccupazioni di una generazione troppo occupata a pensare a se stessa e che giustamente si interroga, nel finale, sulla qualità dei propri pensieri: "Fose la natura ci sta giocando un brutto scherzo", dice uno di loro, "la vita si allungherà fino a 300 anni ma noi saremo sempre più scemi". L'unica cosa che vale veramente il film è il monologo di Quentin Tarantino (in comparsata speciale) sulla presunta omosessualità latente in TOP GUN: la ricostruzione in chiave gay dello yuppies-cult di Tony Scott è una genialata in stile col personaggio: assolutamente da recuperare!
il DAVINOTTI