Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GRADIVA

All'interno del forum, per questo film:
Gradiva
Dati:Anno: 1970Genere: drammatico (colore)
Regia:Giorgio Albertazzi
Cast:Laura Antonelli, Peter Chatel, Giorgio Albertazzi, Penny Brown, Bianca Toccafondi, Ugo Cardea, Rita Calderoni, Paola Senatore, Joseph Wheeler, Maril¨ Tolo, Antonia Brancati
Note:Da un racconto di Wilhelm Jensen.
Visite:762
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/7/13 DAL BENEMERITO DUSSO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Grande esempio di cinema a detta di:
    Fauno
  • Davvero notevole! a detta di:
    Lucius, Metakosmos
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Dusso


ORDINA COMMENTI PER:

Lucius  4/9/14 0:34 - 2640 commenti

Di non semplicissima fruizione, ma di un innegabile fascino, anche grazie al connubio Laura Antonelli/Pompei. Gran parte del film Ŕ infatti girato in loco. Un incipit misterioso (e fortuito se vogliamo) proietta lo spettatore in una storia ai confini della reincarnazione. Un plot ambizioso, un'enigma custodito da un bassorilievo fiorentino e una donna la cui presenza collima con un'ossessione, un'ossessione che sembra avere radici nel passato. La regia Ŕ letteraria, l'impianto teatrale, ma il tutto risulta altamente suggestivo. Gradiva vive ancora.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Fauno 14/12/13 12:47 - 1720 commenti

La prima volta ero andato in visibilio la prima ora, coi monumenti di Pompei, l'alluvione di Firenze e tutte le visioni e trasposizioni temporali, mentre la volta successiva mi ha colpito di pi¨ l'ultima mezz'ora col ritorno alla realtÓ. In effetti il genio di un attore di teatro che per una volta funge da regista l'ho notato nelle espressioni e negli sguardi dei due protagonisti una volta che han chiarito tutti gli enigmi; mi son sentito letteralmente permeato da loro, attraversato in tutti i pori. Rinascere Ŕ possibile, anche nei casi pi¨ disperati.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il lancio dell'anfora, che suggella l'inizio di una nuova vita; Il brano musicale sulla follia, davvero strepitoso.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Dusso 18/7/13 21:31 - 1531 commenti

Niente male! Film molto poetico (unica regia cinematografica di Albertazzi) che si apre con immagini vere dell'alluvione di Firenze del 1966; poi ci si immerge in una follia (o forse no?), quella del protagonista (Peter Chatel), resa molto bene tra gli splendidi scenari di Pompei (bella fotografia, si respira davvero aria di altri tempi). Si arriva poi a una svolta "terrena" mentre un convincente Albertazzi ci propina saggi di psicoanalisi. Azzeccata anche la chiusura del film. Non del tutto cinematografico ma comunque da vedere.
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Metakosmos 11/11/17 16:51 - 143 commenti

Unica opera cinematografica dell'irreprensibile Giorgio Albertazzi e probabilmente la sua migliore di qualsiasi genere. Un film dall'incedere onirico e sperimentale dalle atmosfere eteree fitte di simbolismi. L'impostazione teatrale dovuta alla formazione di Albertazzi Ŕ palese dai dialoghi e dalla struttura statica di certe sequenze. Interessante il fatto che per pura coincidenza (?) come alcune situazioni ricordino non poco Nostra Signora dei Turchi della nemesi Bene. Un unicum del cinema italiano, ricco di poesia da recuperare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le suggestive e terrificanti sequenze iniziali dell'alluvione di Firenze del 1966.
I gusti di Metakosmos (Giallo - Horror - Western)