Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CARO DIARIO

All'interno del forum, per questo film:
Caro diario
Dati:Anno: 1993Genere: commedia (colore)
Regia:[3e] Nanni Moretti
Cast:Nanni Moretti, Giulio Base, Carlo Mazzacurati, Jennifer Beals, Renato Carpentieri, Marco Paolini, Valerio Magrelli, Lorenzo Alessandri, Italo Spinelli, Sergio Lambiase, Pino Gentile
Note:Episodi: "in vespa", "Isole", "Medici"
Visite:3943
Filmati:
Approfondimenti:1) RIFLESSIONE SU HENRY PIOGGIA DI SANGUE
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 37
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 10/8/10 0:08 - 4274 commenti

Bello, con tre episodi molto curiosi. Il meno notevole (forse a causa di qualche eccesso) è quello più di fantasia, quello in cui si rimbalza da isola a isola, nonostante un bravo Carpentieri e la teatrale fuga da Panarea. Molto interessanti, invece, il primo, con la Vespa, di soffusa dolcezza (con l’esilarante stroncatura di Henry pioggia di sangue e la sorprendente epifania di Jennifer Beals), e quello sui medici, in cui si riesce a virtuosamente sposare dramma a tocchi di commedia. Un bel film.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 2/2/08 11:17 - 10669 commenti

Tra i più gradevoli e fintamente disimpegnati film di Nanni Moretti, è una riflessione sulla vita che parte dalle piccole cose capaci però di portarsi dietro messaggi di interesse generale: così ad esempio deve essere considerato l'episodio sulla malattia (riferito ad un reale momento della vita del regista) che diventa lo spunto per parlare della frequente disumanità del mondo della sanità; o il delizioso episodio dedicato al giro in Vespa che altri non è che un atto d'amore del regista per la sua città. Delizioso.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Il Gobbo 11/9/07 10:02 - 3008 commenti

Colpo di coda prima della capitolazione. Certo, non è che manchi il narcisismo nevrotico, anzi questo film ne è il trionfo, ma almeno è pieno di trovate che riscattano l'inconcludenza del primo episodio e la banalità del secondo (indovinatissimo invece l'ultimo, quasi alleniano). Il primo, però, ci rimane più caro per il definitivo (e paradossale, visto l'autore) epitaffio sul cinema italiano (cio'che è diventato), e per la sua (esilarante) raffigurazione. Praticamente un motto, anzi un manifesto: "oppure un film italiano". Altro che Tarantino!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "D'estate a Roma (... ) ci sono film come 'Sesso amore e pastorizia', 'Desideri bestiali', 'Biancaneve e i sette negri', oppure un film italiano".
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Pigro 15/4/09 10:58 - 7100 commenti

Tre episodi dal diario del regista: uno più impressionistico e zibaldonesco (Moretti si aggira per le strade romane durante l'estate); uno più satirico con un giro per le isole Eolie che mostra una variegata e grottesca tipologia di intellettuali trendy e contraddittori; e infine uno decisamente autobiografico, con la descrizione (lucidamente satirica anch'essa) del calvario di un malato di tumore tra medici incapaci di fare una diagnosi. Praticamente 3 corti, che sanno incarnare con intelligenza l'urgenza del fare cinema nella realtà d'oggi.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 31/10/09 9:47 - 5737 commenti

Se la prima tappa riscopre l'anima sincera della quotidianità con il vagabondaggio in una Roma estiva e deserta e la seconda intraprende un vano tour ricreativo nelle isole Eolie affette da manie e stranezze varie (dalla paidocrazia di Salina all'invadenza degli abitanti di Panrarea), è la terza a stimolare interesse ed apprezzamento: l'istruttivo, purulento calvario autobiografico dell'autore alle prese con un tumore non riconosciuto dall'imperizia di medici parabolani. Tre capitoli di un diario di bordo ora sognante e impressionistico, ora cinico e indignato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La prescrizione delle medicine.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 8/2/09 17:15 - 1495 commenti

Certo non è un film dall'impianto narrativo tradizionale, ma con Moretti spesso è così: prendere o lasciare. Per me è sicuramente un'opera riuscita, personale ma appassionante e spesso anche divertente, in particolare nell'episodio "Isole" con un grande Renato Carpentieri. E gli spunti intelligenti, disseminati nei tre episodi, non mancano di certo.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Cotola 16/11/10 23:09 - 6770 commenti

Film a episodi, intriso fino al midollo di morettismo: attraverso le tre storie della pellicola (tutte buone con una preferenza per la terza) il regista esprime al meglio e pienamente la sua filosofia, il suo modo di vedere la vita. A volte narcisista, ma a volte di una sincerità disarmante e dotato di una “riflessività” e di una “personalità” superiore alla media che lo porta a non avere paura di essere se stesso e quindi a fare un cinema personale, che può non avere grande seguito, ma poco importa. Molto bello.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Caesars 13/3/07 10:03 - 2358 commenti

Personalmente questo è il film di Moretti che più mi è piaciuto. Il primo episodio trasmette tutto l'amore che il regista prova verso la sua città, facendocela vivere nel suo lungo girovagare in Vespa. Il secondo (il più divertente) ci racconta le sue peripezie attraverso le Eolie in compagnia di un amico che da anni ha rinunciato alla visione della tv. Nella parte conclusiva rivive la sua drammatica esperienza di malato, a cui la medicina non riesce a dare una risposta tuttosommato banale.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 5/11/13 2:02 - 3038 commenti

A suo modo emblematico, con tutti i pro e i contro dell'autore. Tre episodi, tutti con confezione media in perfetto stile italico anni 90. Si parte con elucubrazioni in Vespa, a tratti pure intriganti se si escludono i momenti di silezio che sembrano quasi sviste del reparto sonorizzazione. Si prosegue con una fiacca odissea tra Omero, isole vip e Ron Moss e si chiude con un altro vagare, il più acuto e amarognolo dei tre (memore del Fischio al naso), tra cliniche e ospedali. Il terzo episodio e alcuni guizzi traghettano il film verso il **!
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 24/7/12 8:24 - 2640 commenti

Tre episodi; tre esperienze. "In Vespa" è un omaggio alla Roma di Moretti: parte interessante, soprattutto per chi è appassionato di architettura (anche se non mancano divagazioni come la pizzicata ai B-movies e la tappa sul luogo del delitto di Pasolini). "Isole" è il meno convincente del tris, tuttavia è il vero Moretti che però rinuncia alla graffiante cattiveria vista nel decennio precedente privandoci perciò degli scleri morettiani che almeno a me divertono assai; peccato! Il terzo capitolo, "Medici", è una pungente accusa dal sapore autobiografico.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Cangaceiro 21/6/09 13:30 - 982 commenti

Perlomeno Moretti dimostra ancora coraggio e nonchalance nel costruire un'intero film sul nulla in cui dà sfogo alla sua vena polemica e alle sue riflessioni. Purtroppo però in questo caso si nota un'aggravante: l'autoironia dei suoi primi lavori qui viene a mancare, sostituita da una latente supponenza. Il giro turistico per Roma è davvero noioso, fatte salve un paio di zampate figlie del miglior Nanni (il ballo in sella alla Vespa, Henry...). Nelle Isole la cosa migliore è l'acuta critica alla teledipendenza. Di cattivo gusto la scena della chemio.
I gusti di Cangaceiro (Commedia - Gangster - Western)

G.Godardi 18/7/07 19:24 - 950 commenti

Film che valse a Moretti la palma d'oro a Cannes per la regia e l'epiteto di Woody Allen italiano. E' un film anomalo, misto tra docufiction, commedia e film sperimentale. Il primo capitolo è totalmente libero da sceneggiatura ed è quasi una sinfonia urbana di palazzi e luoghi dove la mdp la fa da padrone. Il secondo potrebbe essere considerato un normale film morettiano. Mentre l'ultimo, il più autobiografico di tutti, è un'amara e tragicomica invettiva sulla malasanità. Ottimamente girato e molto divertente, per alcuni è il suo 8 e mezzo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La cantonata su Henry pioggia di sangue.
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Gugly 26/1/08 17:49 - 951 commenti

Moretti si toglie il vestito del rassicurante alter ego di Michele Apicella e ci regala tre episodi della sua vita: più noioso il primo, nel quale però il regista enuncia la sua filosofia (di allora?): stare sempre in minoranza; molto divertente il secondo, con l'amico intellettuale e l'isola dei figli unici; il terzo è il più amaro, ma sottende anche una buona dose di poesia con il bicchiere d'acqua mattutino.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'isola dei figli unici, che hanno il comando della situazione.
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)

Enzus79 25/11/09 10:03 - 1540 commenti

Ogni cosa che Moretti fa è originale, sia nel bene che nel male. "Caro diario", pur non avendo quasi niente di interessante, si può comunque reputare un buon risultato. Specialmente il terzo episodio "Medici" (e quando Moretti con la Vespa raggiunge il luogo dove è stato assassinato Pasolini).
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rickblaine 25/11/09 9:27 - 635 commenti

Tre capitoli: il primo, quasi un documentario introspettivo di una Roma che mostra i suoi lati buoni e cattivi, riflettendo sulle caratteristiche urbane (e quelle meno urbane soggette ad omicidi come quello di un grande, Pier Paolo Pasolini); il secondo è la continua ricerca di pace; anche se la si trova diventa opprimente e nauseante; il terzo riguarda i medici che nel loro piccolo dimostrano quanto un paese sia malato dalla radice. Una raccolta di esperienze deliziose che lasciano un pizzico di noia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il sindaco di Stromboli che li saluta cantando.
I gusti di Rickblaine (Fantascienza - Horror - Thriller)

Rambo90 27/8/15 16:55 - 5362 commenti

Un Moretti particolarmente personale (non a caso interpreta se stesso) ma anche molto acuto e divertente. I tre segmenti che compongono il film scivolano via velocemente, tra qualche riflessione, gag riuscite e una colonna sonora perfettamente adeguata alle immagini. La parte migliore è quella finale dei medici, dove viene messa in luce l'incompetenza di una categoria in Italia; la più spassosa sicuramente quella delle isole, dove Moretti è affiancato da un grande Carpentieri. Ottimo.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Nando 6/7/10 16:05 - 3188 commenti

Moretti si apre verso il cinespettatore evidenziando alcuni sue certezze ed alcuni suoi timori. Tre episodi molto diversi tra loro. In uno si gode il silenzio di Roma durante l'afa estiva con un erilarante carrellata tra i suoi quartieri. In un altro ci si compiace della bellezza di Lipari e di tutte le Eolie, nel terzo il regista racconta la sua odissea medica. Uno spaccato delle nevrosi e dei piaceri di uno che si definisce" uno splendido quarantenne".
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Pinhead80 3/8/15 12:10 - 3113 commenti

Il film è diviso in tre parti e risulta una sincera confessione del regista nei confronti del suo pubblico. Moretti, forse come non mai, apre il suo mondo interiore e allo stesso tempo mostra anche alcuni nervi scoperti della nostra società (la morte di Pasolini corrisponde alla decadenza della nostra cultura). Si perde un pochino nella seconda parte per poi tornare intimista e sincero nella malattia. Un film fondamentale per entrare nell'universo del regista.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Myvincent 24/9/13 22:39 - 2129 commenti

Appunti sparsi per un diario sbrindellato da cui escono tre racconti molto diversi fra di loro. Colpiscono l'estrema semplicità narrativa (sino a sembrare una pellicola a uso privato) e l'ennesimo affondo sulla personalità nevrotica del regista romano. Però qualche momento di simpatica riflessione sulla vita c'è e questo rende meno ovvio e risaputo quel suo "controcorrentismo" culturale a tutti i costi.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Paulaster 24/7/15 18:35 - 1948 commenti

Annotazioni per una terna di episodi distinti con oggetto Roma, le Eolie e le vicende mediche personali. Il giro in Vespa ipnotizza nel suo marciare ondivago (a parte la musica in stile africano), le case danno una strutturale cornice e la visita a Pasolini è di una mestizia che fa riflettere. Nelle isole c’è solo una critica alla televisione di massa e si mostra ripetitivo. La malattia è la parte migliore per i suoi intrecci realistici, i video originali e le considerazioni a corredo. Nel complesso è meno pungente nei suoi sfoghi.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Ryo 17/11/16 1:00 - 1708 commenti

Film in tre episodi. "Vespa" è un tenero omaggio a Roma e ai suoi quartieri, con divertenti gag e uno splendido omaggio a Pasolini. "Isole" un bizzarro omaggio alle Eolie in cui, durante un'aspra critica alla televisione che diventa una droga, vengono mostrate varie isolette con pregi e difetti vari degli strambi personaggi. "Medici" è una storia vera e personale del regista, ricostruita con stile morettiano, intervallata da una voce fuori campo che simula le pagine di un diario. L'odissea è disarmante e il fatto che sia vero lo rende scoraggiante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Moretti che parla con gente a caso; L'incontro con la Beals; Gli spoiler su Beautiful degli americani; I medici sanno parlare, ma non sanno ascoltare.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Mickes2 2/10/13 16:31 - 1550 commenti

Bellissimo, dissacrante, esilarante, acuto. Una parentesi ricca e amaramente riflessiva, suddivisa per menti e corpi, sulle incapacità dell’individuo. Nell’ormai ’93 già si respirava quell’aria di decadenza di una società spenta e globalizzata, incoerente e ipocrita, isolata e senza idee. Moretti racconta (e si racconta) con fare intimo, (auto) ironico e critico, osservando una realtà e quindi la vita, soffocante, ma ancora aperta a qualche oasi di tranquillità. E’ comunque una minoranza la voce di Moretti, ma pur sempre una voce. Notevole!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’incontro con la Beals; “D’estate a Roma i cinema sono tutti chiusi…”; La recensione su Henry; “Ma infatti, ciaoooooo”; Il ricordo di Pasolini.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Luchi78 10/3/11 14:36 - 1521 commenti

Diviso in tre episodi completamente dissociati: il primo è quello che amo di più perché condivido l'abitudine di guardare i palazzi e le case degli altri, immaginando come ristrutturarle; e poi quell'ultimo meraviglioso passaggio all'idroscalo di Ostia... Il secondo è un'amara riflessione sulla potenza della televisione con l'apice nella lettera al papa contro la scomunica delle telenovelas. Nel terzo l'esperienza personale di Moretti nella sua odissea con i medici. Dentro ogni episodio tanti piccoli messaggi tra le righe girati con maestria.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Il ferrini 17/9/16 1:02 - 1269 commenti

Uno dei migliori lavori di Moretti. Molto spassoso il primo episodio "In Vespa", che raggiunge senz'altro le vette comiche più alte (Spinaceto, Jennifer Beals, il monologo sulla "maggioranza"), satirico e surreale il secondo sulle isole (memorabili i bambini che rispondono al telefono), decisamente più amaro - ma senza rinunciare all'ironia - il terzo sui medici e i farmaci. Regia divertita e divertente, ma Moretti è in gran forma anche come attore (del resto interpreta se stesso). Da non perdere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Voi gridavate cose orrende e violentissime e voi siete imbruttiti. Io gridavo cose giuste e ora sono uno splendido quarantenne.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Mdmaster 14/9/10 21:48 - 802 commenti

Caro Diario è Moretti allo stato puro: uno più lucido e con i piedi per terra rispetto al passato, ma sempre diviso tra il far ridere e il riflettere sulla società. Il primo atto d'amore per Roma, condito da belle musiche (Khaled su tutti), riuscirebbe a convincere chiunque della bontà della città. Tranne chi ci vive, immagino. Secondo episodio più leggero e divertente, bella la parabola sui figli unici. E infine una riflessione più amara sulla vita, la morte e la malasanità. Davvero bello, ma non per tutti di sicuro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Sì mamma e papà, ci sono ma io adesso ti racconto una storia... ", "Qual era il problema di Sally Spectra?", "Lo shock anafilattico...".
I gusti di Mdmaster (Avventura - Drammatico - Horror)

Almicione 16/3/17 2:37 - 765 commenti

Moretti non perde certo la mano e si presenta con questo film a episodi, una prova sempre difficile. Il primo è riuscitissimo, poetico: Roma d'estate è (o meglio, era) vuota e chi la attraversa può davvero illudersi che sia sua; l'elemento nostalgico è qui fondamentale e chi non è romano può capire solo a metà. Nel secondo episodio, il meno riuscito forse, ritorna la tipica critica sociale sferzante e acuta; dalla TV ai bambini viziati, Nanni si conferma ottimo osservatore. Infine, un simpatico racconto, verosimile, di assurdità quotidiana.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: In vespa, figura divenuta icona.
I gusti di Almicione (Drammatico - Gangster - Thriller)

Nancy 21/11/12 12:07 - 744 commenti

Moretti fa pieno sfoggio di se stesso in questo film in tre episodi (di cui il più esilarante è senza dubbio il terzo). Come il Fellini di 8 e mezzo cerca l'ispirazione per un film che non farà riempendolo di un po' della sua vita, dei personaggi che gli ruotano attorno, ma lo fa ovviamente col suo tocco disfattista e anche estremamente sobrio, senza la ricerca ossessiva dell'inquadratura estetizzante. Decisamente un cult degli anni 90 italiani.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il pasticcere trozkysta; Il bagno nella vasca piena di crusca; La locandina.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lou 7/11/15 14:51 - 728 commenti

Film molto personale e riuscito. Dei tre episodi è il terzo quello più efficace: il racconto autobiografico delle vicissitudini di Moretti al cospetto di una classe medica incapace di diagnosticare la sua malattia, nonostante i sintomi si rivelino poi quelli classici della patologia solo alla fine individuata e curata, è una storia in cui molti si possono ritrovare. Il primo invece, quello del giro in Vespa per le strade deserte di Roma in agosto, è diventato un'icona del morettismo, simbolo dei suoi atteggiamenti stralunati e alternativi.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Viccrowley 28/11/13 17:40 - 689 commenti

Film a episodi in cui veniamo a scoprire nuovi tasselli del Moretti-pensiero, stavolta quasi totalmente avulso da questioni politiche. Primo segmento quasi onirico, sospeso nella calura romana estiva, dove il regista, novello centauro in sella a una Vespa, gira per le strade e spazia tra riflessioni paesaggistiche e cinefile; si continua con un viaggio reale per le isole italiane finendo con una satira al vetriolo verso la malasanità del nostro Belpaese. Cinico, comico, ma anche amaro e disilluso, un Moretti in ottima forma.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Non è così male Spinaceto, pensavo peggio...".
I gusti di Viccrowley (Commedia - Fantascienza - Horror)

Graf 18/8/15 1:27 - 603 commenti

Uno zibaldone filmato dove Moretti, tra giri in Vespa, chiacchiericci esistenziali e kafkiane diagnosi mediche, sperimenta una sua nouvelle vague dallo stile confidenziale e dove non è la realtà a trasformarsi in immagine filmica ma sono i pensieri, i ricordi, le considerazioni del regista a creare un rendiconto prosciolto dagli obblighi schematici della storia. Un'inaspettata confessione a cuore aperto sui piccoli e grandi problemi della vita. Bassa tensione drammaturgica, forma intenzionalmente disgregata, narrazione spontanea, ispirazione altalenante.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Alex75 20/9/16 9:36 - 543 commenti

Appunti e riflessioni molto personali, ma tutt’altro che autoreferenziali, in tre episodi in crescendo: il primo mostra una Roma poco conosciuta, un po’ anonima ma a suo modo suggestiva, mescolando cultura popolare e cultura “alta”; il secondo, attraverso situazioni surreali, è una critica pungente all’invadenza della società di massa; il terzo, il più sofferto, fa meditare sulla malasanità, spesso dovuta, più che all’incompetenza, all’incapacità di ascolto dei medici.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Jennifer Beals; L'omaggio a Pasolini; L’isola dei figli unici; Il sindaco di Stromboli; Il bicchiere d’acqua e la riflessione finale sui medici.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Magi94 5/7/18 0:56 - 483 commenti

Un film che si fa apprezzare soprattutto per la leggerezza dolceamara. Il primo episodio è forse il più morettiano e anche il più sfrenato, visto che Nanni si scatena in un turbine di pensieri in libertà. Affascinante l'omaggio a Roma fino all'ultimo silenzioso tributo a Pasolini, esilaranti e veritieri gli intermezzi sul cinema. Il secondo episodio è simpatico, con una storia più lineare. Il terzo è meno spensierato degli altri due, ma pienamente riuscito come denuncia della "malasanità" per quanto riguarda il rapporto medico-paziente.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)

Metuant 2/2/10 23:26 - 447 commenti

Quando lo vidi a suo tempo, mi colpì molto per la semplicità e la leggerezza di quanto narrava; visto oggi, la mia impressione non è cambiata. Ha alcuni difetti (certe lungaggini, specie nel primo episodio, per quanto affascinanti siano) ma nel complesso è assai godibile, pur non potendo vantare la graffiante ironia del Moretti prima maniera. Ottime le musiche, così come i comprimari dei vari episodi (compare persino Jennifer Beals). Curioso cameo di Moni Ovadia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il dialogo con Jennifer Beals; il finale del secondo episodio.
I gusti di Metuant (Commedia - Giallo - Horror)

Thedude94 7/11/16 22:47 - 287 commenti

I tre capitoli in cui Nanni Moretti si racconta si differenziano per varietà di temi trattati ed emozioni, attraverso le quali il regista si mostra in tutto se stesso senza tralasciare nulla. Nel primo ci parla con una buona regia dei posti di Roma da lui attraversati giornalmente a bordo della sua vespa. Il secondo è senz'altro il più ironico, ma non ha la stessa potenza dei suoi soliti lavori pungenti. E' nel terzo che il film trova il suo significato più forte e ci pone dinanzi una situazione comune di disagio e malattia che può capitare a tutti.
I gusti di Thedude94 (Drammatico - Gangster - Sentimentale)

Giuliam 25/11/09 10:12 - 178 commenti

"Caro Diaro" è una serie di viaggi, per così dire, introspettivi. Prima un giro per Roma con la vespa, poi in traghetto per le isole siciliane ed infine, dopo un "ritorno a casa", un "viaggio" per studi dermatologici e ospedali cinesi. Vi sono tante riflessioni che conducono solo ad una cosa: l'uomo è imperfetto ed è proprio per questa imperfezione che si giustificano tutte le sue incomprensibilità. Nanni è sempre Nanni, però si nota in lui un po' di "disagio" perché interpretare sè stessi è sempre difficile...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Io credo nelle persone, però non credo nella maggioranza delle persone. Mi sa che mi troverò sempre a mio agio e d'accordo con una minoranza".
I gusti di Giuliam (Horror - Poliziesco - Western)

Zutnas 12/11/12 10:53 - 78 commenti

Film a episodi: il protagonista Moretti ci guida con la sua Vespa tra le vie della Roma d'estate, ci porta con sé a visitare le isole del sud e ci rende partecipi della sue esperienza con la malattia e con la sanità italiana. Scorre via con molta leggerezza, è molto personale e, anche se di fatto non succede nulla, regala comunque momenti e battute da ricordare.
I gusti di Zutnas (Avventura - Fantascienza - Gangster)

Stockton78 13/4/08 22:59 - 2 commenti

Apparentemente meno costruito delle sue altre opere, questo film ci rivela un Nanni Moretti più disincantato del solito, adorabile e sognatore nell'episodio "In Vespa", cinico e distaccato in "Isole", pungente e dissacratore in "Medici". In definitiva, una buona opera interlocutoria.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Io stavo pensando una cosa molto triste, cioé che io, anche in una società più decente di questa, mi troverò sempre con una minoranza di gente.
I gusti di Stockton78 (Commedia - Drammatico - Giallo)