Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• THE KILLING (4 STAGIONI)

All'interno del forum, per questo film:
• The killing (4 stagioni)
Titolo originale:The killing
Dati:Anno: 2011Genere: fiction (colore)
Regia:Vari
Cast:Mireille Enos, Joel Kinnaman, Billy Campbell, Michelle Forbes, Brent Sexton, Kristin Lehman, Eric Ladin, Brendan Sexton III, Anne Corley, Garry Chalk, Gregg Henry, Peter Sarsgaard, Elias Koteas, Joan Allen, Patti Smith
Note:Remake della serie televisiva danese "Forbrydelsen".
Visite:285
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/3/13 DAL BENEMERITO REDEYES

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Grande esempio di cinema a detta di:
    Digital
  • Davvero notevole! a detta di:
    Galbo, Corinne
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Redeyes
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Daniela


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 20/10/16 5:41 - 10859 commenti

Una Seattle plumbea e piovosa fa da sfondo alle indagini per l'omicidio di una ragazza brutalmente assassinata. Un'ottima serie che si caratterizza soprattutto per lo stile atipico rispetto agli altri polizieschi americani: ritmi più riflessivi, protagonisti realistici nella loro quotidianità e una vicenda che coinvolge criminalità, religione e corruzione politica con colpi di scena ben orchestrati. Nella terza stagione compare un grande Pater Sarsgaard. Da vedere.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Daniela 8/10/16 22:03 - 7849 commenti

Caratterizzata dallo spalmare nell'arco di più stagioni le indagini sull'omicidio di una adolescente nella umidissima Seattle, condotte da due detectives problematici in contemporanea con la campagna per l'elezione del nuovo sindaco, la serie parte in maniera intrigante con echi lynchiani, per poi perdere progressivamente d'interesse fino ad un epilogo ricattatorio. I tempi lenti della narrazione, che dovevano consentire un approfondimento dei personaggi (come avviene per i genitori di Rosie), sono sprecati in piste fasulle e divagazioni inutili, condite da incongruenze e falle logiche.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il personaggio del detective ex fattone, che guadagna in simpatia accanto alla sua collega sempre ingrugnita e tira-mollesca (parto, non parto).
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Redeyes 13/3/13 15:58 - 2008 commenti

In una Seattle grigia, piovosa e triste, nel momento delle elezioni a Mayor a colpi di fango e pugnalate, viene scoperto il corpo esanime di Rosie. La serie mutua dal cinema scandinavo una certa lentezza e una cura dei dialoghi, scevra dai clichè del detective belloccio o della gnocca di turno come spesso accade nei serial made in Usa. Più che all'estetica si punta al contenuto. Il punteggio della serie cresce strada facendo e arriva a una gradevole ultima puntata.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Digital 3/1/15 18:35 - 954 commenti

Meravigliosa serie tv, dall'atmosfera perennemente plumbea. Non si fatica a empatizzare con la coppia di sbirri, ciascuno dei quali alle prese con i casi del momento nonché con il turbolento privato. Le quattro stagioni, una più bella dell’altra, riescono fin da subito a intrigare, con la voglia sempre crescente di conoscerne l’epilogo. Ricca di tensione e colpi di scena, non le manda certo a dire quando deve mostrare scene anche molto cruente. Mireille Enos semplicemente da Oscar; simpatico (e ben doppiato) Kinnaman.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)

Corinne 29/7/14 0:03 - 385 commenti

Lo schema è quello comune a molte serie: un omicidio e la conseguente indagine che porta a scoprire, prima ancora dell'assassino, il torbido della comunità in cui è avvenuto, in cui (quasi) nessuno è innocente. Qui siamo a Seattle, una Seattle in cui piove sempre e l'atmosfera è cupa e pessimista. Ad indagare, una problematica detective lontana anni luce dal clichè della bellona brillante e il dinoccolato collega (non meno problematico). Terza serie invece incentrata su un serial killer. Un po' lento per i canoni di serie analoghe. Affascinante.
I gusti di Corinne (Giallo - Horror - Thriller)