Cerca per genere
Attori/registi più presenti

THE THEATRE BIZARRE

All'interno del forum, per questo film:
The Theatre Bizarre
Titolo originale:The Theatre Bizarre
Dati:Anno: 2011Genere: horror (colore)
Regia:[+e] Vari
Cast:Udo Kier, Virginia Newcomb, Catriona MacColl, Shane Woodward, André Hennicke, Suzan Anbeh, Debbie Rochon, Tom Savini, James Gill, Jodii Christianson, Lena Kleine, Mélodie Simard, Jean-Paul Rivière, Kaniehtiio Horn, Cynthia Wu-Maheux, Imogen Haworth, Rachelle Glait, Alex Ivanovici, Lindsay Goranson, Guilford Adams
Note:Registi: Douglas Buck "The Accident", Buddy Giovinazzo "I Love You", David Gregory "Sweets", Karim Hussain "Vision Stains", Jeremy Kasten, Tom Savini "Wet Dreams", Richard Stanley The Mother Of Toads".
Visite:301
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/3/13 DAL BENEMERITO SCHRAMM

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole! a detta di:
    Otis
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Jena
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Chainmailb
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Schramm, Pumpkh75
  • Gravemente insufficiente! a detta di:
    Cotola


ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 8/3/13 16:46 - 2338 commenti

Rimpatriata di desaparecidos early 90's per un altro horror a episodi che contrassegna la modesta last wave di antologie del brivido, di inevitabile squilibrio qualitativo: per uno Stanley imbriago di Oltretomba, un Giovinazzo con un senso tutto suo dell'amor vincit omnia tratteggia l'ossessione con acuminata asprezza; la staffetta va al Savini burlone che matrjoskizza i più frusti archetipi freudiani; l'elegiaco e rarefatto Buck eleverebbe il divertissment sopra il 6, non fosse per il vieto didascalismo di Hussein e la sbracata scatofagia ferrerian-greenewayesque-yuznara di Gregory.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 22/12/15 0:22 - 7042 commenti

Film a episodi in cui è difficile trovare anche un solo motivo d'interesse visto che tutti i segmenti sono di basso livello. Tra l'altro più che horror colpisce l'aspetto grottesco o demenziale (per non dire trash) di alcuni di essi. Il divertimento è quasi del tutto assente mentre la noia ogni tanto fa capolino. Sconsigliato anche se, almeno qui, sono uno dei pochi a cui è dispiaciuto così tanto.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Pumpkh75 2/7/18 13:31 - 1208 commenti

La vetta è sicuramente la rapida brutalità struggente di Buck. Di qui in poi si prosegue in discesa: tiepido l’anfibio ritorno di Stanley, impantanato in un melmoso acquitrino lovecraftiano, leggermente migliore quello di Giovinazzo che conclude magari convenzionalmente ma prima monta lo spettatore come una panna gustosissima. Gli avanzi (Savini, ma che diavolo combini?) sono brandelli splatter di mediocrissima routine. Così così.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Jena 27/7/13 10:32 - 1035 commenti

Due perle: gli episodi di Richard Stanley e Douglas Buck. Il primo dal sapore nettamente lovecraftiano mostra tutta la visionarieta del regista sudafricano, il secondo un delicato racconto non horror sulla morte conferma il grande talento dell autore di Sisters. Bene anche Giovinazzo in un crudele kammerspiel di amore disperato e sullo stesso tema Gregory in un pastiche grottesco/lynchano. Irrilevante Hussain e male il caro Savini che sforna un idiozia senza capo ne coda. Bene Kasten nella cornice con Udo Kier. Nel complesso più che buono **

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le visioni in Mother of Toads, la madre dei rospi, tratto da un racconto di Clark Ashton Smith; La fotografia in "The Accident".
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Otis 8/5/13 15:29 - 40 commenti

Film a sei episodi, diversi, a volte allucinati, a volte eterei, a volte grotteschi. Quasi sempre fulminanti, quasi mai convenzionali. Gli episodi hanno la giusta durata e consentono ai registi una bella libertà di esprimersi. Si arriva alla fine sperando che gli episodi non siano ancora terminati e se ne esce disturbati. Ben confezionato e ben fotografato. Un horror di fino.
I gusti di Otis (Fantascienza - Horror - Western)

Chainmailb 21/3/14 13:14 - 11 commenti

Discontinuo. Sapore televisivo e/o datato per gli episodi di Savini, di Stanley (lo scarsissimo Mother of Toads) e per la cornice di Kasten. Splatter-chic un po' vanesio per l'episodio “vore” di Gregory. Si fanno valere di più i pezzi di Hussein, Giovinazzo e Douglas Buck (Hussein e Buck, comunque, si sono calmati parecchio rispetto al cannibalismo degli esordi). A dispetto del potenziale cult dato dal mix di facce e nomi, la media non raggiunge tre pallini.
I gusti di Chainmailb (Fantastico - Horror - Thriller)