Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• ALDO GIOVANNI E GIACOMO: AMMUTTA MUDDICA

All'interno del forum, per questo film:
• Aldo Giovanni e Giacomo: Ammutta muddica
Dati:Anno: 2013Genere: teatro (colore)
Regia:Arturo Brachetti
Cast:Aldo Baglio, Giovanni Storti, Giacomo Poretti, Silvana Fallisi
Note:E non "Ammuta mudica" o "Amutta muddica". Musiche: Valerio Carboni.
Visite:673
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/3/13 DAL DAVINOTTI
Non uno spettacolo all'insegna dell'originalità né che si segnali per alcun passo avanti rispetto al passato; ma d'altra parte la forza di Aldo Giovanni e Giacomo non è mai stata quella. La longevità del loro successo sta da sempre nell'affiatamento, con i tre caratteri diversi e ben definiti, capaci di sincronie comiche che solo la ripetizione di un cliché può dare. Vantaggi e svantaggi di una formula, quindi, qui racchiusa in quattro lunghi sketch intervallati da alcuni "dietro le quinte" proiettati su un grande schermo costruito sulla sagoma del grande camion con cui i tre entrano in scena. Dopo un'introduzione che ha il compito di spiegare scherzosamente il significato del titolo "Ammutta muddica", derivato dal dialetto siciliano e traducibile in milanese con "dis-ciulati", parte la prima scenetta, con i tre in versione "sportiva": allenamento e partecipazione a una maratona presa molto... sottogamba. Anche per colpa di Giacomo, decisamente quello meno in forma dal punto di vista fisico, pronto ad attaccare Aldo ad ogni sottolineatura della sua scarsa condizione atletica. Un buon inizio dopotutto, per quanto Giacomo ecceda un po' con le offese reiterate all'amico dando vita a un tormentone non del tutto riuscito. Il secondo sketch vede i tre legati e imbavagliati negli scantinati di Equitalia, in attesa di un probabile processo sommario: vaghi spunti satirici e un Aldo decisamente sugli scudi forte di uno dei suoi cavalli di battaglia, l'interpretazione dei biasicamenti di Giacomo, unico rimasto imbavagliato e, sembra, in vena di comunicare. Lo sketch lo fanno soprattutto Aldo e Giovanni e può essere considerato il più riuscito dello spettacolo. Non sarebbe male nemmeno il successivo, con Aldo che decide di farsi tatuare e si reca nella bottega di Giovanni, specialista del campo assistito da un Giacomo anestesista maldestro. Si comincia bene, ma il troppo spazio lasciato all'inserviente cinese rallenta i ritmi: interventi ripetuti e ripetitivi giocati su vetusti giochi di pronuncia, mentre anche le operazioni sul corpo di Aldo finiscono col mostrare presto la corda. Si chiude in ospedale, con lo sketch dei due disgraziati a cui si aggiunge un ricco amministratore delegato (Giacomo) lì per un semplice check-up. Ancora una volta i troppi interventi femminili, oltremodo grotteschi e sopra le righe (l'infermiera russa grassa e invadente) offuscano talvolta il lavoro comico dei tre, che comunque sembrano qui ricalcare gag davvero straviste aggiungendo poco. Fortunatamente l'alchimia che fa dei tre un gruppo a suo modo unico, al di là della puerilità a volte imbarazzante di alcune battute, permette comunque di seguire lo spettacolo col sorriso, e non è cosa da poco.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Redeyes 6/9/16 8:30 - 2050 commenti

Onestamente non dico sia da gettare, ma dagli esilaranti albori del trio siamo lontani anni luce. I tre si destreggiano bene sul palco, ma sembrano accusare una certa mancanza di spunti, come se avessero le polveri bagnate. La Fallisi, purtroppo, rallenta ulteriormente il ritmo finendo per risultare quasi fastidiosa, suo malgrado. Lo sketch, per quanto non memorabile, che prediligo è quello dei tre vecchietti alle poste. Mediocre.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Il ferrini 7/9/16 23:49 - 1513 commenti

Lontani dalla genialità de I corti, ma anche dalla freschezza di Tel chi el telùn, questo nuovo lavoro teatrale si attesta più o meno sul livello di Anplagghed, con gag riuscite a fasi alterne. La più efficace è senz'altro quella degli artificieri con Giacomo-robot, mentre la Fallisi dà il meglio di sé nei panni dell'infermiera dell'est. L'impressione generale è che l'ispirazione sia finita: tutto quello che si vede ha un aspetto polveroso e talvolta pure trasandato. Meglio riguardarsi i vecchi show.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Ultimo 13/9/16 20:36 - 1261 commenti

Non brutto, ma ben lontano dai migliori spettacoli del trio. Qua e là si ride anche (ho trovato divertente lo sketch della preparazione atletica e della conseguente maratona, per esempio), ma nel complesso è uno spettacolo ove i tre ripetono se stessi all'infinito (ed è anche normale dopo anni e anni di successi). Sempre simpatici i siparietti dei vecchietti, ma non supera i due pallini (I corti erano di altro livello!).
I gusti di Ultimo (Commedia - Giallo - Thriller)

Furetto60 9/5/14 10:47 - 1129 commenti

Inevitabile il confronto con gli spettacoli passati; la memoria è ancora fresca nonostante siano passati una quindicina d'anni o forse più. Altra freschezza d'idee, altro ritmo, Aldo in particolare appare meno effervescente, la Fallisi è frizzante ma non è la Massironi. Comunque si sorride, anche se alcune battute sono telefonate... d'altronde il tempo passa per tutti e il trio conferma il proprio umorismo garbato. Di questi tempi, considerato di chi si deve accontentare anche il Sistina, non è poco...
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Raremirko 16/1/17 18:17 - 490 commenti

Qualche cameo, qualche riproposizione di sketch passati (Pdor), uso/abuso della Fallisi (simpatica e trasformista, ma si potevan chiamare anche altri attori/attrici), ma il trio è comunque molto in forma e diverte come sempre. Scenografie nella media, qualche idea (i vecchietti sterotipati non sono male), valida recitazione generale e Brachetti risulta bravo quasi come nei lavori passati. Tutto si vede senza noia e con piacere. Uno dei lavori ancora buoni prima del declino dei famosi comici.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Giacomo che, quando fa il nobile (Ospedale) e il robot (Gli artificieri), è particolarmente divertente; I modi di fare di Giovanni e Aldo.
I gusti di Raremirko (Giallo - Horror - Thriller)