Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GAMBIT - UNA TRUFFA A REGOLA D'ARTE

All'interno del forum, per questo film:
® Gambit - Una truffa a regola d'arte
Titolo originale:Gambit
Dati:Anno: 2012Genere: commedia (colore)
Regia:Michael Hoffman
Cast:Colin Firth, Cameron Diaz, Alan Rickman, Stanley Tucci, Cloris Leachman, Tom Courtenay, Senem Temiz, Anna Skellern, Togo Igawa, Gerard Horan, Greg Bennett, Erica LaRose, Sarah Goldberg, Silvia Crastan, Graham Curry, Tanroh Ishida
Note:Remake di "Gambit - Grande furto a Semiramis" di Ronald Neame del 1966.
Visite:538
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/2/13 DAL DAVINOTTI
Pedestre remake del GAMBIT del 1966, con Colin Firth in sostituzione di Michael Caine e Cameron Diaz di Shirley McLaine. Stavolta la truffa passa dalle statue ai Covoni di Monet, il cui secondo esemplare (quello "serale") è bramato dal solito miliardario eccentrico (ma nemmeno poi troppo) che dovrebbe rappresentare la vittima da "pelare". Firth assume la Diaz, cowboy texana che per mestiere "spela polli" (non metaforicamente) e fa credere al miliardario (per il quale lavora) che senza conoscerne il valore lei è in possesso del famoso quadro di Monet scomparso, appeso in salotto come una crosta qualsiasi. Gli spunti su cui è costruita la storia sono invitanti, benché ennesima variante della STANGATA, ma a fallire è sorprendentemente soprattutto la sceneggiatura, che porta la firma "pesante" dei fratelli Coen: pochi i momenti divertenti, e certo la Diaz non aiuta col suo fare da bambinona casinara tutta moine e sorrisetti. La scadente regia di Michael Hoffman chiude il cerchio per un risultato nettamente al di sotto di ogni aspettativa, considerato anche come si sprecano tristemente seconde linee del calibro di Stanley Tucci (un critico d'arte tedesco orribilmente macchiettistico). Per riuscire a scatenare le risate i Coen devono alfine ricorrere all'uomo in mutande sul cornicione o alla scorreggia (pur se una volta tanto nient'affatto gratuita e inserita in una gag che spiazza), trasformando le camere di un albergo nel set di un vaudevilliano gioco di entra ed esci alla fratelli Marx (o alla Banfi/Montagnani se preferite). Tolta questa parentesi godibile e piuttosto prolungata (per fortuna), il resto sono dialoghi sciapi e un Colin Firth che come comico funziona solo quando si trova in una situazione da pesce fuor d'acqua. Il miliardario dipinto da Alan Rickman è più contenuto del previsto e il ritmo è blando, del tutto inadeguato al tipo di commedia scoppiettante e brillante alla quale il film vorrebbe appartenere. Particolarmente irritanti i businessman cinesi, caricaturali oltre ogni sopportazione e pronti ad accompagnarci in una del tutto inutile scena di karaoke. Si salvano la professionalità di Firth, la confezione di qualità, due o tre gag azzeccate, il fascino acqua e sapone della Diaz (ancora un fisico invidiabile).
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 8/1/14 7:18 - 10758 commenti

Heist movie non originale, è infatti tratto da una vecchia pellicola non rimasta nella storia. Anche questa versione non è memorabile benché abbia qualche freccia al suo arco, prima tra tutte la discreta caratterizzazione dei personaggi, interpretati da un cast in buona forma. Manca però una minima originalità della trama, con una vicenda che lo spettatore intuisce quasi sempre dove voglia andare a parare. Risaputo.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Puppigallo 28/2/13 19:13 - 4230 commenti

Senza infamia e senza lode questa commediola che si dimentica già durante la visione. L'intera pellicola vive solo di sparuti momenti riusciti dal punto di vista umoristico, restando quasi sempre in una mediocrità che, se da una parte almeno non scade troppo, dall'altra fa pensare che una simile risicata idea non potesse certo reggere per novanta minuti circa. Detto ciò, gli attori si barcamenano e La Diaz è sempre un bel vedere, anche adesso che non è più una "ragazzina". Nota di merito per il riccone, che dice al protagonista: "Le chieda se è un Monet quello appeso a casa di merda in Texas".

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La prima scena (va tutto liscio, ma...); "Un ottimista è un uomo che non sa vedere dove tira il vento"; "E' circondata da uomini di Cro-Magnon".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 27/12/13 7:39 - 5737 commenti

Ogni qualvolta esce una commedia moderna si teme sempre di venire travolti da un’ondata di volgarità, cattivo gusto e pornolalìa; qui per fortuna questo non accade e i 90’ trascorrono veloci all’insegna del buonumore ed innocue situazioni da sit-com. La sostanza è comunque poca cosa: benché la sceneggiatura sia opera dei Cohen, i richiami al grottesco sono blandi e gli attori recitano corretti ma passivi le parti di bamboccioni sfigatelli (Firth), cowgirls tutto pepe (Diaz), boss impettiti (Rickman) e signorili falsari (Courtenay). Imbarazzanti le caricature di tedeschi (Tucci) e giapponesi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’arrivo di Firth e della Diaz all’hotel; la Diaz statuaria in reggiseno nero e slip leopardato; il leone catturato al lazo.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Caesars 4/4/14 12:29 - 2406 commenti

Pur potendo contare su di una sceneggiatura dei fratelli Coen, il film risulta poco riuscito e moderatamente divertente. Si mischiano due generi (l’heist movie e la commedia comica) senza riuscire a ottenere buoni risultati in nessuno dei due; peccato perché gli attori reggono bene (sempre splendida la Diaz), ma la regia piuttosto piatta e anonima non aiuta la causa. Potabile per passare un’ora e mezza distensiva, ma non certo memorabile.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Markus 25/2/13 10:04 - 2731 commenti

Fiacca regia per questo rifacimento dell'omonimo film del 1966, che tuttavia è ben interpretato e ornato d'una parentesi oggettivamente comica presso il lussuoso hotel Savoy di Londra in cui, attraverso i soliti quanto efficaci meccanismi della commedia brillante, alza di molto il gradimento di un film altrimenti privo di mordente (nonostante il notevole cast). Il significato, perciò, è che con il banale impiego del "già visto" si salvano baracca e burattini. Può bastare? Per una serata senza pretese forse sì.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Saintgifts 5/9/13 20:38 - 4099 commenti

Ho preferito senz'altro la parte dialogata, ricca di doppi sensi, che reggono anche tradotti. La lunga fase invece sui cornicioni del Savoy sa di ampiamente già visto e non offre alcun divertimento. America contro Inghilterra, anzi la parte più campagola del Texas contro una sofisticata Londra, dove solo il riccone esce dagli schemi ingessati londinesi, sfruttando appieno il potere del suo denaro, ma... attenzione. Tutto sommato non male, interpreti adeguati, come pure i secondari. Qualche pecca nella regia. Gradevoli i titoli di testa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il riccone (Alan Rickman) alla Diaz, salutandola dopo un invito a cena: "All'apertura di uno spiraglio...".
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Piero68 6/7/18 8:21 - 2548 commenti

Senza infamia e senza lode questa commedia che alterna momenti di alta ilarità (tutta la parte al Savoy Hotel con Firth in mutande) ad altri di pessimo livello (la parodia dei giapponesi). Nel mezzo un Rickman che se la cava bene e una Diaz che nei panni della campagnola texana è assolutamente a suo agio. Inutile dire che il faro è quel Firth che si scopre sempre più eclettico, vista la facilità con cui passa dal drammatico alla commedia al film d'azione. Ma quello che manca realmente alla pellicola sono un ritmo costante e una storia passabile.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Kinodrop 15/7/16 18:05 - 945 commenti

Già il doppio inizio è un inciampo inutile, data l'inconsistenza del prosieguo. Sembrerebbe uno svogliato esercizio dei fratelli Coen al servizio di un remake di una commedia già debole a suo tempo dove, tra gag più o meno felici, si stempera e si frammenta la verve del soggetto. Cast di qualità ma un po' sprecato (Firth) e spesso sopra le righe (Diaz). Leggermente più brillante la seconda parte, che ricalca una serie di cliché non spiacevoli anche se molto prevedibili. Simpatica la grafica nei titoli di testa.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)