Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL CATTIVO TENENTE

All'interno del forum, per questo film:
Il cattivo tenente
Titolo originale:The bad lieutenant
Dati:Anno: 1992Genere: poliziesco (colore)
Regia:Abel Ferrara
Cast:Harvey Keitel, Peggy Gormley, Frankie Thorn, Victor Argo, Shawn mcLean, John Steven Jones, Zoë Lund
Visite:2561
Il film ricorda:Copkiller - L'assassino dei poliziotti (a Confusus)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 29
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 25/1/09 8:19 - 10487 commenti

Tenente di polizia corrotto e degradato si mette alla ricerca del colpevole di uno stupro ai danni di una suora. Uno dei film migliori di Abel Ferrara che dipinge un ambiente ed un personaggio di estrema sgradevolezza ma dai connotati iper-realistici. Il film che viaggi nel territorio limite tra sacro e profano è segnato dalla grande interpretazione di Harvey Keitel alle prese con uno dei ruoli più difficili della propria carriera.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pigro 27/6/09 9:35 - 7032 commenti

Un poliziotto porco, drogato, giocatore d'azzardo; la finale del campionato di baseball; una suora stuprata in chiesa, che perdona i suoi aguzzini. Quella del cattivo tenente è un'inesorabile discesa agli inferi che culmina nella visione di Cristo a cui indirizza una disperata preghiera ululando di dolore, prima che il miracolo e il martirio concludano questo blasfemo vangelo metropolitano. Un film duro e tagliente che crea un imprevedibile e impressionante corto circuito tra salvezza e perdizione dove non si immaginerebbe. Potentissimo Keitel.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 29/11/09 9:44 - 5737 commenti

La propensione di Ferrara ad addentrarsi nella putredine metropolitana si tramuta in un radicalismo visivo blasfemo e sgradevole – turpiloquio, vizi, cocaina, crack, depravazioni, una suora stuprata – che baluginii mistici indirizzano infine verso la cognizione cattolica della colpa e del perdono con susseguente martirio espiatorio. Di arroventata eleganza la fotografia di Ken Kelsch; di impeto animalesco l’immedesimazione di Harvey Keitel.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 10/12/09 23:54 - 6637 commenti

Discesa volontaria all’inferno di un tenente di polizia corrotto. I temi fondamentali del male, della colpa e dell’espiazione sono quelli tipici di Ferrara. Lo stile è rigoroso e nonostante la storia non trascende ed eccede mai. Ottima e coraggiosa l’interpretazione di Keitel, che incarna alla perfezione un personaggio scomodo e privo di possibilità di redenzione.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Deepred89 30/5/07 14:07 - 2986 commenti

Un film insolitamente cupo e disturbante che affronta temi come la droga, il gioco d'azzardo, la religione e il perdono con una forza notevole. A tratti decisamente sopra le righe e abbastanza compiaciuto, riesce comunque ad essere molto convincente. Straordinaria l'interpretazione di Keitel (anch'essa molto sopra le righe) che non esita a mostrarsi nudo integralmente in un'allucinata sequenza. Davvero niente male.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 10/2/10 15:09 - 3418 commenti

Questo "Bad lieutenant" interpretato da Harvey Keitel è così amorale e cinico che il film merita di esser visto. L'attore regala infatti una grande prestazione e si conferma uno dei caratteri più interessanti in circolazione. Il racconto presenta delle lungaggini ma la conduzione di Ferrara non è mai banale e riesce a farle ben digerire. Tre pallini.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Hackett 6/5/08 11:28 - 1552 commenti

Film cupo e disperato che ci fa sprofondare, insieme all'ottimo Keitel, in un universo di depravazione, corruzione e mancanza di principi. In questo fango di immoralità il tenente protagonista trova una missione, uno scopo che riesce a riabilitarlo almeno con se stesso. Film struggente con una potenza visiva notevole.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Redeyes 3/4/18 9:47 - 1939 commenti

Un lercio ante-litteram si barcamena fra alcool, droga e scommesse e fra una e l'altra lavoricchia come poliziotto con gli immaginabili risultati. Keitel, al solito eccellente, preme troppo sull'acceleratore nella sua caratterizzazione del personaggio finendo per uscirne come una macchietta e poco più e, soprattutto, demolendone il pathos. Ferrara non convince, fra una sceneggiatura poco brillante, elucubrazioni inutilmente blasfeme e una fotografia piatta. Si finisce per annoiare e farci percepire il marciume come fine a se stesso.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Fabbiu 26/5/07 11:53 - 1828 commenti

Il protagonista dal carattere bastardo si avvia verso l'auto-distruzione muovendosi tra le indagini di uno stupro ad una suora, le sua dipendenza dalla droga e pesanti scommesse da pagare. Tipico noir-poliziesco metropolitano con l'obiettivo di shoccare lo spettatore. Purtroppo non ci riesce come dovrebbe o potrebbe (lo stesso protagonista risulta poco credibile) e per tutto il film i ritmi si rivelano esageratamente lenti; non c'è una colonna sonora che accompagni le scene e anzi prevalgono lunghi e soporiferi momenti di silenzio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il nostro cattivo tenente, in chiesa durante una crisi depressiva, vede Gesù Cristo immobile che lo osserva.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Patrick78 10/4/09 18:27 - 357 commenti

Harvey Keitel e Abel Ferrara si prendono per mano e scandagliano l'anima nera di un tenente di polizia newyorkese dedito a droghe e scommesse clandestine. Film disturbante e spiazzante dove un grande attore si lascia andare a nudi frontali, sproloqui, masturbazioni, varie depravazioni, senza limiti e senza nessun freno che il regista si vede bene dal non dargli. Abbastanza esile il resto dell'operazione in cui il Tenente (nessuno viene chiamato per nome) si avvia verso l'autodistruzione inevitabile. L'apparizione di Gesù è forse un po' troppo enfatica.
I gusti di Patrick78 (Animali assassini - Azione - Horror)

Supercruel 26/1/09 20:43 - 498 commenti

Pellicola disperata e marcissima. Un eccezionale Keitel ci prende per mano e ci porta a scoprire una realtà allucinante, becera, orrenda, vomitevole. Ferrara scaglia allegramente più di un calcio in bocca e ritrae un uomo totalmente perso e senza speranza, talmente estremo e folle che si è in bilico tra la pietà e il più sincero disprezzo. Non è un film per tutti, ma per gli stomaci forti vale la pena fare un giro in questo circo di disgustosi bassifondi umani. Nerissimo e volutamente sopra le righe.
I gusti di Supercruel (Azione - Fantascienza - Horror)

Trivex 4/5/08 19:43 - 1346 commenti

Un tenente della polizia, anzichè occuparsi di arrestare i criminali, impegna il suo tempo tra puntate sportive azzardate, droga (venduta e consumata), alcool e perversioni sessuali. Irrompe poi un terribile caso di violenza sessuale ai danni di una suora, con tanto di taglia sui malfattori, che diverrà vitale per il poliziotto allo sbando. Film che ben rappresenta il decadimento fisico, psicologico e morale di un individuo, con scene davvero estreme e un Keitel eccezionale.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Enzus79 11/9/09 13:32 - 1540 commenti

Un poliziotto è alla ricerca di due stupratori. Le sue giornate passano fra droga, scommesse di partite di baseball ed infine ad interessarsi del caso. Dire che Keitel è ottimo nel ruolo è poco. Scene che danno (e daranno) fastidio ce ne sono, eccome. Abel Ferrara si è dimostrato regista di spessore. Indimenticabile il monologo di Keitel in chiesa.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rickblaine 11/9/09 10:45 - 635 commenti

Struggente e forte opera di Abel Ferrara, che rischia di esser peggio di un pugno in faccia. La vita è cruda e lo è ancora di più quando si gioca con il fuoco. Film sfacciato e sadico fatto di perversioni e profanazioni che sanno di maestria. Forse è il miglior film di Keitel che impersonifica un angelo scacciato dal paradiso in pieno tormento con sè stesso. Bella la musica e il finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'urlo trattenuto e straziante che il tenente opera in chiesa.
I gusti di Rickblaine (Fantascienza - Horror - Thriller)

Nando 24/6/13 10:49 - 3168 commenti

Una discesa negli inferi della perversione più cupa per un poliziotto americano e la sua tardiva ma decorosa riabilitazione. Ferrara realizza una pellicola inquieta ricca di misticismo religioso, soprattutto nella sofferta seconda parte. Keitel è il padrone assoluto della narrazione. Forse visto con gli occhi di oggi appare lievemente datato, ma pur sempre pregno di significati.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Pinhead80 12/5/11 19:14 - 2991 commenti

Il mio film preferito di Abel Ferrara. La performance di Harvey Keitel è assolutamente mostruosa (nel senso positivo del termine) e alcune scene entrano di diritto nella hall of fame della storia del cinema (su tutte lo stupro in chiesa). Una totale discesa agli inferi dove la fanno da padrone il gioco, la droga e la perversione. Da un film del genere non se ne può uscire indenni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lo stupro della suora in chiesa. Keitel che si masturba minacciando di arrestare due ragazze.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Giùan 16/3/12 15:21 - 2433 commenti

Da godere frame by frame perché mai Ferrara ha potuto essere così libero da condizionamenti commerciali. Capolavoro nero come la pece e dall'insistito odore d'incenso e alcool, più unico che raro nel suo farci "sentire" l'overdose di libertà artistica, qualsiasi giudizio di valore se ne dia. Abel e Keitel (ma anche la sceneggiatrice Zoe Lund, la Thana di L'angelo della vendetta) sfidano il senso del ridicolo, arrivando a toccare il "mistero" del sacro. Visionaria, disperata, eppure lucida testimonianza di fede (anche cinematografica). Fratello di Mean streets e Taxi Driver.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena della masturbazione; La suora (sempre Zoe Lund): I vampiri sono fortunati. Si nutrono degli esseri che trovano. Invece noi divoriamo noi stessi.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Piero68 1/4/10 15:40 - 2364 commenti

Terribile affresco di un poliziotto divorato dalle droghe e dal malcostume. Personalmente non gradisco Ferrara. Trovo che i suoi lavori (o almeno quelli che ho visto) scavino sempre in un marcio fine a sé stesso. Senza quasi mai offrire uno spunto di riflessione o un momento costruttivo. Il cattivo tenente non si sottrae a questa logica. Inoltre l'anima nera del personaggio si scontra con una scenografia troppo linda e pinta per un film che narra di sporcizia seppur "interiore". Trovo inoltre assolutamente inutile l'abuso del turpiloquio.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Myvincent 4/6/16 7:37 - 2058 commenti

Corruzione e vizio connotano ancora una volta l'immagine di un tenente di polizia americano che sembra solo interessato a giocare d'azzardo, a perdere, a rilanciare e a ficcarsi immancabilmente nei guai. Lo spazio di tempo della storia è breve e è occupato quasi completamente da un Harvey Keitel in gran forma e che regala un'ottima e realistica prestazione attoriale. Tutto il resto francamente appare troppo esasperato, ma va bene così.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Minitina80 29/3/16 20:48 - 1642 commenti

I contenuti sono forti, di quelli che non si dimenticano facilmente, ma non è una novità per Ferrara che qui calca per bene la mano spingendosi fin dove altri non oserebbero nemmeno pensare di addentrarsi: droghe, gioco d’azzardo, religione dissacrata e violenza in genere ci vengono spiattellati in faccia senza un minimo di controllo e senza neanche una morale salvifica. Keitel compie un ottimo lavoro in un ruolo sicuramente non facile da interpretare. Da vedere con le dovute precauzioni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lo stupro della suora; La masturbazione di fronte alle due ragazze; L’iniezione di eroina; L’incontro con Gesù.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Greymouser 30/5/11 10:24 - 1441 commenti

Sconcertante: Ferrara riesce a far recitare da cane perfino un mostro sacro come Keitel, mai visto così enfatico ed artefatto. Possiamo capirlo, Harvey: lui è il cinico e corrotto tenente del titolo, ma il copione prevede per lui una improbabile parabola di redenzione, per cui sarà costretto ad avere visioni mistiche e apparizioni cristiche fra il patetico e il ridicolo. Fasullo nell'assunto, inconcludente nello sviluppo, fastidioso nell'ostentata amoralità seguita dai più gratuiti pentimenti. Lo so, si è capito che non sono un fan di Ferrara.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Jandileida 7/3/15 8:35 - 1039 commenti

Ferrara è questo, prendere o lasciare. In questo caso (e in pochi altri) io prendo. Estremo, vizioso, sporco, sudato, marcio, tutto metropolitano, teologico con il cuore più che con la mente: la strada per l'eventuale redenzione è lastricata da droga, allagata da wodka liscia e resa ancora più perigliosa dai risultati inaspettati di una serie di baseball. Compendio di ciò la figura di Keitel (monumentale, finché comincia a piangere), che si barcamena tra i suoi vizi fino a intravvedere uno piccolo spiraglio di luce, che rapidamente si chiude. Notevole.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Jena 5/5/18 11:59 - 845 commenti

Punto più alto del cinema ferrariano, in cui i temi prediletti del peccato, della colpa, della perdizione e dell'impossibile riscatto sono portati allo zenit. Nel rappresentare la discesa agli inferi del cattivo tenente Ferrara raggiunge limiti insostenibili che solo Solondz oserà varcare (la masturbazione di fronte alle ragazzine in macchina). Mai come in questo caso il film si identifica col suo protagonista: un Harvey Keitel assoluto che fagocita il film, con un'interpretazione incredibile. Cameo della compianta Zoe Lund/Tania.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il dialogo iniziale coi figli in macchina; Le scommesse: "Strawberry lo farà a pezzi..."; La scena in discoteca.
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Pessoa 1/3/17 22:31 - 736 commenti

Il poliziotto è marcissimo in questo violento affresco di una società senza più regole dove, come nel peggiore degli incubi, dobbiamo aver paura di chi ci dovrebbe proteggere. Il discorso narrativo è tanto lucido quanto disperato. La discesa nel Maelström è un'ineluttabile nemesi che si guarda a tratti con disgusto. Fondamentale la grande prova di Keitel, che aveva trovato già un'ottima intesa con Ferrara in Occhi di serpente. Il resto del cast si nota meno. Un film non facilissimo da vedere, per serate in cui si ha voglia di cinema.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Keytel che obbliga la ragazza in macchina a simulare un rapporto orale: una scena che riesce a essere più violenta di uno stupro.
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)

Rocchiola 12/1/17 10:12 - 263 commenti

Il film più riuscito di Ferrara regista, molto deludente ormai da almeno vent'anni. Punto terminale del poliziesco americano è uno dei suoi film più strutturati, dove la discesa all'inferno del protagonista è scandita dalle cronache delle partite di football e dall'indagine poliziesca. Nell'accezione laica della religione e nella dura esposizione della vita metropolitana ricorda lo Scorsese degli anni 70. Alcune scene sono forse troppo plateali (la visione di Cristo), ma Keitel nudo sulle note di "Pledging My Love" di Johnny Ace non si scorda.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il nudo integrale di Keitel; La masturbazione di fronte alle due ragazze; "Se la zia occupa ancora il bagno chiamatemi che la sbatto fuori a calci!".
I gusti di Rocchiola (Guerra - Poliziesco - Western)

Beffardo57 22/7/13 20:26 - 206 commenti

Meno compatto e stilisticamente compiuto di Fratelli, il film più riuscito di Abel Ferrara, questo "Cattivo tenente" impressiona per la carica di disperazione esistenziale del protagonista Harvey Keitel, angelo irrimediabilmente caduto ma desideroso di una impossibile redenzione, che percorre incessantemente le strade di un inferno urbano, labirinto senza uscita che non sia l'autodistruzione. Compare in un breve cameo l'autrice del soggetto, Zoe Lundt, in seguito vittima della tossicodipendenza. Doloroso, forse sincero.
I gusti di Beffardo57 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Giuliam 11/9/09 10:58 - 178 commenti

Un film bello ed estremo, come lo è tantissimo Abel Ferrara. Parabola sulla violenza e sulla follia, sull'incapacità di sopravvivere nella vita e di amarla nello stesso tempo. Nelle scene, Harvey Keitel ha una presenza possente ed energica; soltanto lui poteva interpretare un ruolo simile, così tanto impegnativo ed "apocalittico".
I gusti di Giuliam (Horror - Poliziesco - Western)

Uomomite 11/8/09 17:14 - 175 commenti

Harvey Keitel è un Gesù Cristo tornato in una terra livida e disperata, un messia fiaccato nel corpo e nello spirito, inghiottito dall'inferno della metropoli. Il cattivo tenente ringhia, si dispera, deraglia ma non perde di vista la sua missione: farsi carico del male del mondo, sacrificarsi per la redenzione dell'umanità. Il cinema di Abel Ferrara è un lungo tunnel buio e sporco, attraversarlo è un calvario che non può che terminare con la crocifissione.
I gusti di Uomomite (Fantascienza - Horror - Poliziesco)

Anna 12/12/09 20:59 - 90 commenti

Il cattivo tenente è il "disgustoso" Harvey Keitel, irritante e spesso "penoso", su cui ruota la storia, davvero poco credibile ma che ha un fascino notevole. Tra droga perversioni, figure familiari e lavoro (?) il protagonista cerca l'autodistruzione. In pratica l'antitesi del tenente Colombo, a parte il look...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il nudo integrale del poco fascinoso Keitel.
I gusti di Anna (Musicale - Poliziesco - Thriller)