Cerca per genere
Attori/registi più presenti

4:44 ULTIMO GIORNO SULLA TERRA

All'interno del forum, per questo film:
4:44 Ultimo giorno sulla terra
Titolo originale:4:44 Last Day on Earth
Dati:Anno: 2011Genere: drammatico (colore)
Regia:Abel Ferrara
Cast:Willem Dafoe, Shanyn Leigh, Natasha Lyonne, Pat Kiernan, Paul Hipp, Dierdra McDowell, Triana Jackson, Trung Nguyen, Anita Pallenberg, José Solano, Judith Salazar, Jimmy Valentino, Paz de la Huerta, Selena Mars, Anthony Perullo, Justin Restivo, Thomas Michael Sullivan, Nicola Tranquillino
Note:Aka "4:44 L'ultimo giorno sulla terra".
Visite:996
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/10/12 DAL BENEMERITO GESTARSH99

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Grande esempio di cinema a detta di:
    Valbosky
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Deepred89
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Mickes2
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Pinhead80
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Gestarsh99
  • Gravemente insufficiente! a detta di:
    Cotola, Greymouser


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 8/8/14 19:35 - 7075 commenti

Noiosissimo, ed in parte anche lagnoso, film di Ferrara. Il regista, si sa, ce lo siamo giocati da molto tempo e qui se ne ha la piena conferma. Non ha più nulla da dire e ce lo dice nel modo più banale possibile sia da un punto di vista narrativo che da quello visivo che risulta piatto oltre ogni immaginazione. Più che fantascienza è un dramma da camera con (soprattutto) due personaggi che non hanno spessore e sono praticamente monodimensionali. Non succede nulla: c'è solo Defoe che sproloquia e basta. Monopalla.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Deepred89 4/10/14 15:27 - 3115 commenti

A mio parere l'apocalisse più credibile tra quelle recentemente proposte sui grandi schermi. Un'apocalisse apatica, privata, tutta vissuta tra le mura di casa tra monitor e telegiornali, sesso, cene e dialoghi vacui, effimeri momenti di isteria che assomigliano più a rigor mortis che a vera disperazione. Regia minimale e scene di normale noia quotidiana che dimostrano come il mondo sia già finito da un pezzo, anche se l'innalzarsi di quella fitta nebbiolina verde nel profondo della notte regala momenti di autentica suggestione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La parte finale.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Pinhead80 12/5/19 14:47 - 3506 commenti

L'ultimo giorno sulla Terra per una coppia di amanti è l'occasione per fare il punto della propria vita tra passato, presente e un futuro che non ci sarà. Nemmeno l'ultimo giorno permette alle persone di risanare le fratture interiori ed esteriori. La fine del mondo forse è la cosa migliore. Qualsiasi cosa volesse dirci Ferrara lo fa male perché non si arriva mai al dunque. Le lunghe sequenze dedicate ai sermoni televisivi pro-Al Gore rallentano il ritmo all'esasperazione. La scena d'amore iniziale invece è ben fatta.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Mickes2 21/10/12 13:38 - 1551 commenti

Vezzo autoriale prepotentemente compiaciuto nel minimalismo apologante ed ostentato, che alterna lunghi momenti pretenziosi e vacui (anche irritanti), ad altri (pochi) più riusciti, intimi e partecipi, quasi commoventi. Gli ultimi istanti di vita dell’umanità secondo Abel Ferrara non esplodono in urla scalpitanti o agitazione parossistica, ma rimangono un silenzioso, sentimentale e dolente contemplare ciò che è e ciò che è stato. Magari artificioso e viziato da scelte discutibili (il ragazzo vietnamita, le chat) ma con qualcosa da regalare.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Greymouser 14/10/12 12:04 - 1441 commenti

La fine del mondo al cloroformio. L'umanità finirà nella noia, magari dopo aver visto troppi film come questo. Non ho mai negato il talento di Ferrara come regista, ma qui sembra si sia dedicato con impegno a distruggerlo: la vicenda è stravista, lo svolgimento irrealistico, i personaggi anti-patici, i dialoghi assurdi o puerili, le situazioni goffe. il ritmo cinematografico inesistente. Un quadro impresentabile, insomma, più che da fine del mondo, da fine del cinema.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Gestarsh99 13/10/12 13:27 - 1230 commenti

Alle 04:44 in punto il Mondo cesserà di esistere, bruciato da un immenso bagliore ossidrico. Ferrara lo sa e si stravacca coi due compari dentro un kammerspiel eco-orientalistico, sempre più asfissiato nel suo minimalissimo immobilismo concettuale. Il nostro ha la tracheite esistenziale e con questa raucedine espressiva può a malapena fare pio pio: banalizza l'essenziale, s'accanisce sul superfluo e non riesce a rendere intimo il proprio intimismo, a condividere un pensiero non insipido sugli ultimi battiti d'ali della nostra umanità. Non c'è evoluzione, non c'è rivoluzione, non c'è dissoluzione. Solo stagnante involuzione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Al Gore che gufa catastroficamente dentro lo schermo tv...
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Valbosky 11/3/18 0:42 - 7 commenti

Cosa aspettarsi dalle ultime ore sulla terra? Gioia, divertimento, rassicurazione, amore? Ferrara torna di nuovo con un bel film, dopo il periodo non proprio esaltante degli anni 2000, in cui riesce a elaborare con dignità una trama pericolosa, ossia la catastrofe. L'aria è carica di angoscia anche se non succede niente di eclatante: un suicidio, una rimpatriata tra amici, una chiamata del ragazzo della pizza alla sua famiglia, il telegiornale che parla inesorabile. A differenza dell'ottimo Melancholia qui si respira solo realismo.
I gusti di Valbosky (Comico - Commedia - Fantascienza)