Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GUILTY

All'interno del forum, per questo film:
Guilty
Titolo originale:Présumé coupable
Dati:Anno: 2011Genere: drammatico (colore)
Regia:Vincent Garenq
Cast:Philippe Torreton, Wladimir Yordanoff, Noémie Lvovsky, Farida Ouchani, Michelle Goddet
Visite:490
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/7/12 DAL BENEMERITO LYTHOPS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 10/1/14 14:41 - 2316 commenti

Le tavole della legge sono imbandite di veleni e nessuno l'ha saputo meglio di André Marécaux, messo suo malgrado capotavola a ingozzarcisi a forza e pagarne anche il salatissimo conto. Il film ripercorre la sua caduta nell'ade e l'ottuso errore-orrore giudiziario scansando le ieratiche tentazioni metafisiche di quel Jagten cui è contraltare; lo si porta a termine a un passo dall'infarto e dell'ulcera perforante (merito di un magistrale Torreton, la cui sofferta e viscerale aderenza meriterebbe un Nobel), maturando la convinzione che non c'è crimine più esiziale e disumano della malagiustizia.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 10/2/14 23:00 - 7011 commenti

Sconvolgente ed agghiacciante film su uno dei più incredibili errori giudiziari della storia francese. Il plot è estremamente coinvolgente e fa malissimo a chi guarda per quasi tutta la sua durata: il tutto nonostante una meritevolissima sobrietà che evita scene urlate e melodrammatiche. Monumentale la prova di Torreton che ci restituisce appieno il calvario fisico e psicologico del protagonista. Da non perdere.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 10/12/13 9:47 - 8095 commenti

Fa sta male la visione della vera storia, narrata in soggettiva, di questo uomo che da un giorno all'altro si vede piovere addosso un'accusa terribile e nel giro di poco tempo perde tutto: posizione sociale, famiglia, dignità, voglia di vivere. Non c'è bisogno di drammatizzare, bastano i fatti nudi e crudi di un'ingiustizia irrimediabile, la visione del volto dell'eccezionale Torreton, sempre più prosciugato dall'angoscia e dal dolore. Film dalla regia "invisibile" ma che raggiunge perfettamente il suo scopo di coinvolgere ed indignare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'interrogatorio subito dopo la notizia della morte della madre: "Si, lo so, ma quale era la sua occupazione?".
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 6/2/14 23:34 - 3571 commenti

Che dire? Poco. Indignarsi, temere che possa succedere ad altri. Leggere che almeno ha sortito una riforma giudiziaria anche se il giudice in questione ha ricevuto solo un tenero buffetto. Vicenda allucinante che viene filmata in modo duro perché fedele alla realtà, senza retorica, quasi senza cliché, senza note musicali. Garenq si mette al servizio della verità senza ricamarci sopra e si affida a un Torreton da applausi.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Giùan 23/3/14 7:55 - 2639 commenti

Garenq rinuncia a ogni velleitaria pretesa autoriale, ma è appunto in virtù di tale abdicazione personalistica che riesce a infondere al film lo slancio di un cupissimo ed efficace pamphlet polemico. Ne vien fuori così un j'accuse sconvolgente sul piano etico legislativo quanto produttivo in senso prettamente cinematografico, in un territorio che rischiava peraltro il pericolo "inflazione" (da Detenuto in attesa fino al recente Il sospetto di Vinterberg). Perfettamente aderente la resa del cast con Torreton che abbina anima e sofferenza fisica.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incipit con l'angosciante risveglio della famiglia.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Mickes2 12/12/13 14:49 - 1551 commenti

Resoconto nervoso, dolente e intimo della “più grande ingiustizia giudiziaria francese del dopoguerra”. La mdp si aggrappa al volto e alle sofferenze interiori ed esteriori di persone succubi di una giustizia arbitraria, che preferisce ingabbiare presunti colpevoli annullando le proprie coscienze anziché cercare, a costo di esporsi pubblicamente, di vederci realmente chiaro. Sconvolge l’assoluta alienazione e superficialità di un organo collettivo che da primo sostenitore della verità diventa primo divulgatore di accomodanti menzogne. Potente.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Greymouser 11/12/13 16:27 - 1441 commenti

Potremmo trovare in questa vicenda infernale una consolazione: se così sono andati i fatti, vuol dire che la giustizia francese è ancor più malata di quella nostrana, vista la sostanziale mancanza di ogni diritto della difesa e lo strapotere di procuratorucoli vanesii e senza scrupoli. Film angosciante, soprattutto negli interrogatori surreali e logicamente distorti, nella sofferente resistenza umana del protagonista, e nell'allucinante soluzione del dramma giudiziario. Il tutto, girato con mano ferma e senza retoriche rsuperflue.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Gestarsh99 14/8/14 23:20 - 1201 commenti

Tribolante riduzione autobiografica di quello che è unanimemente considerato il più grande scandalo giudiziario francese dal dopoguerra. Un "casus horribilis" di malagiustizia che rievoca nel pensiero l'imperdonabile vicenda italiana di Tortora o pellicole amaramente profetiche come il Detenuto di Loy. La peggior macchina inquisitoria che infila le sue mani oleose nell'intimo di una famiglia perbene, frugando e adulterando a testa bassa tutta la realtà in una caccia alle streghe fatta di calunnie, confessioni estorte e travature insussistenti. Torreton è una vittima semplicemente grandiosa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le tranquillissime ritrattazioni della laida accusatrice durante l'ultima fase del processo-farsa a carico del protagonista...
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Jandileida 25/4/19 20:46 - 1131 commenti

Asciutta e tesa ricostruzione di un caso giudiziario che parrebbe avere dell'incredibile se non fosse che ne ricorda altri, avvenuti anche in Italia. Partendo da illazioni sconclusionate, un uomo normale si ritrova spogliato di tutto, anche della dignità: e ogni cosa di questo viaggio all'inferno ci viene mostrata, quasi senza filtri. Visione non facile perché porta all'inevitabile tarlo dell'"e se succedesse a me?". Ottimo Torreton, meno gli altri attori che vengono un po' fagocitati dalla prova mastodontica del protagonista. Da vedere ad animo disteso.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Kinodrop 17/7/19 20:57 - 1095 commenti

Per salvare la faccia del sistema, un giovane e insensibile giudice e successivamente la Corte faranno proprio il principio non della presunta innocenza, ma della colpevolezza a tutti i costi e contro ogni evidenza. Il protagonista di questa storia purtroppo non solo vera, ma non unica (e ripetibile) viene stritolato da accuse terribili e ci viene mostrato in modo quasi insopportabile: da un lato il decadimento e l'angoscia dell'uomo e dall'altro l'ottusità della malagiustizia. Narrazione estrema "durissima da digerire". Grande prova di Torreton.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lythops 13/7/12 15:26 - 972 commenti

La vera storia di André Marécaux e sua moglie, accusati di avere violentato alcuni minori che non conoscevano neppure. Fedele cronaca basata sul diario scritto da Maréchaux dall'arresto all'assoluzione, angosciante come pochi, accusato di far leva su sentimenti troppo immediati, il film trova la sua forza nel descrivere il percorso terribile di un innocente. Coinvolgente, importante, tecnicamente ineccepibile.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)