Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA DONNA DEL LAGO MALEDETTO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/6/12 DAL BENEMERITO BUIOMEGA71

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Buiomega71


Buiomega71 25/6/12 1:27 - 2050 commenti

Bizzarra e straniante favola nera, quando L'albero degli zoccoli incontra Riflessi sulla pelle e Le strelle nel fosso, con tocchi blasfemi, credenze popolari, volti scavati dalla fatica e dal sole cocente e un finale in odor avatiano, crudele e quasi cristologico. Wilson mostra con realismo la vita contadina nelle paludi afose, ammantate da donne vipere che girano nude come la Mathilda May di Space vampires e portano dannazione e morte. Arcaico e sospeso, trasognato e pervaso da una vena di follia. Un sogno/incubo di gran forza visionaria e narrativa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La prima apparizione della donna vipera ad Arsàn; La grottesca processione finale; La follia di Belette nel finale tra le paludi; Il diamante; Le vipere.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)