Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL MIO NOME è MALLORY... M COME MORTE

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/4/12 DAL BENEMERITO HOMESICK

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Homesick


Homesick 4/4/12 17:23 - 5737 commenti

Autore di mediocri sceneggiature per Boccia e Bava, Moroni imbraccia la macchina da presa e si mette a girare un modesto western, regolare nella sua trama di usurpazioni, amori e vendette. Le uniche note curiose sono scritte dal personaggio di Artemio Antonini, omaccione tritaossa che trova la forza per strangolare un uomo anche con sei pallottole in corpo... L’habitué del genere Robert Woods è invece l’eponimo Mallory, irritabile mezzosangue dalla ridicola capigliatura e dalla pistola micidiale. Musiche per armonica dirette da Pregadio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Mallory a Block: «Non voglio fare a pugni con te, ma se solo fai un movimento ti mando un proiettile per ginocchio! Mai visto gli invalidi, Block?».
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)