Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CONSIGLI PER GLI ACQUISTI

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/3/12 DAL BENEMERITO KANON POI DAVINOTTATO IL GIORNO 6/11/14
Divertita analisi di una grossa, immaginaria campagna pubblicitaria per un cibo per cani ricavato (con gran guadagno) da carne avariata (con tanto di vermi, da “valorizzare” come simbolo di energia). Gli autori, che dal mondo della pubblicità provengono, sanno bene come ci si muove all'interno di un'agenzia individuandone i personaggi chiave e disegnando con sagacia la figura del ricco committente (Carlo Croccolo), visto come una sorta di ignorante ma alla fine di buon senso. A convincere meno è semmai il contorno, ciò che esula da quel mondo che appare come un riempitivo di scarsa efficacia (dalle rivolte dei disoccupati alle avances sessuali in ufficio, dalle scampagnate col cane a tutto ciò che esce dagli uffici dell'agenzia). Buona invece la performance del cast: Ivano Marescotti/Pedone è un’azzeccata caricatura del guru Gavino Sanna, artista prima che pubblicitario, Ennio Fantastichini sa mostrare bene l'ambiguità di chi si mostra forte coi deboli e debole coi forti, i creativi e i manager (tra questi anche un giovane Maurizio Crozza) fanno bene il loro dovere e la lunga riunione col cliente rappresenta l'apice del film, il momento del decisivo confronto. Arricchito da trovate registiche discutibili (le soggettive del cane, i vermi che ridono), è un esempio tipico del piccolo cinema “indipendente” di quegli anni, meno noioso di altri e a suo modo unico. Peccato per qualche scena di troppo (“Fido uomo”)...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Kanon 16/3/12 11:47 - 589 commenti

Da un ex dell'advertising era lecito aspettarsi molto di più. Chi (come me) attendeva delle belle ringhiate "grrrr", s'è ritrovato ad accudire dei docili e timidi "bau bau". Si sente a tratti qualche zampata acida, ma sono gocce che si perdono in un mare di noia con l'aggravante di mancare sostanzialmente di sfrenata fantasia (che decresce col passare dei minuti) e quindi d'inficiare un bel cast affiatato. Simpatica, seppur poco sfruttata, la caricatura di Gavino Sanna ad opera di Marescotti. Non sempre bene l'audio in presa diretta.
I gusti di Kanon (Commedia - Fantascienza - Thriller)