Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ALBERT NOBBS

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/2/12 DAL BENEMERITO ATTICUS85

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 7/6/12 6:33 - 10903 commenti

Cosceneggiatrice, prodruttrice ed interprete principale: Glenn Close è il vero deusa ex machina di questo film diretto (bene) da Rodrigo Garcia; la performance dell'attrice e la caratterizzazione del suo personaggio (che si porta dietro dignitosamente e sommessamente il suo non indifferente carico di dolore) sono la cosa migliore di un film il cui limite è dato da una storia troppo anemica e scarsamente coinvolgente. Discreta ma non particolarmente incisiva la prova degli altri attori. Si tratta comunque di un film meritevole di visione.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 1/1/13 10:57 - 7276 commenti

Donne in una società maschile, servi in una società ricca, transgender in una società eterosessuale: se si mette tutto questo insieme, ecco la tragedia di una donna sola, che vive travestita, controcorrente, all’impossibile ricerca di una normalità, perché la maschera non è solo nei vestiti ma entra dentro, determinando il desiderio di un’emancipazione borghese. Il film, comunque buono, non coglie tutte le straordinarie potenzialità della bellissima storia, limitandosi a un racconto piano. Grandissima Close e ottima McTeer: travestiti perfetti!
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Cotola 9/3/12 23:48 - 6968 commenti

La tematica principale del film non è semplicemente quella dell'appartenenza ad un genere e della sua estrema labilità, ma anche e piuttosto quella più drammatica e struggente della voglia di normalità. Ad esso si opporrà una società meschina, bigotta ed ipocrita che disvelerà l'impossibilità di ciò che è più semplice e che a tutti dovrebbe essere consentito: una vita come tutte le altre. Buona ricostruzione, bella confezione, prova convincente di tutto il cast con menzione di merito per una Glenn Close en traveste. Tre palle piene.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 24/7/12 14:25 - 8008 commenti

Per sfuggire alla miseria e alla sopraffazione maschile, si finge uomo per decenni, condannandosi ad una disperata solitudine. Dopo l'incontro con una persona simile a lei, cercherà di cambiare vita, imboccando però un vicolo cieco... Close imbustata, come è imbustato il film, che mortifica uno spunto interessante con uno svolgimento senza sussulti. Il sogno impossibile della "normalità" matrimoniale è a rischio ridicolo e, anche se la protagonista ce la mette tutta, i paragoni con il maggiordomo Hopkins sono fuori luogo. Interessante, curato e discretamente interpretato, ma poco riuscito.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La corsa sulla spiaggia.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 2/4/12 9:06 - 3562 commenti

Confezione e regia discrete, ma l'anima del film non sempre si avverte. Dopo il primo tempo, una volta esaurita la carica dovuta al personaggio di Nobbs la trama incespica e la stessa Close si ritrova letteralmente ingessata, oltre che nel suo corpetto, anche in un ruolo che non le permette troppe divagazioni. A merito del film il fatto di non aver cercato il melodrammatico.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Myvincent 20/6/14 7:37 - 2286 commenti

Dopo la versione teatrale, Glenn Close si cimenta, con inevitabile successo, anche sul grande schermo, dando vita a un personaggio di sicura presa drammatica. Lasciamo perdere alcune illogicità narrative e godiamo delle interpretazioni di grandi attrici, sul cui volto si proiettano emozioni e stati d'animo (fra cui la frustrazione, soffocata da anni, di vivere un sesso che non corrisponde a quello anagrafico). La storia prende e il finale pure.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Modo 30/12/12 23:39 - 740 commenti

Dopo vent'anni di servizio in un hotel di Dublino (siamo nell'Ottocento) il maggiordomo Albert deve fare i conti con la sua identità di donna. Amarissima novella che neppure nel finale troverà un riscatto morale. Ecczionale Glenn Close che riesce a far uscire nell'azione ripetitiva del personaggio tutta la sua tenacia e volontà, ma anche le debolezze. Discreti pure gli altri attori. Film non certo dinamico ma ben diretto.
I gusti di Modo (Commedia - Drammatico - Fantascienza)

Atticus85 19/2/12 17:57 - 107 commenti

Fiaba amarissima: un derelitto sociale che tenta un riscatto col travestismo rimanendone prigioniero. Confusione identitaria e sessualità repressa in un'epoca di infame conformismo discriminatorio per un racconto agrodolce per certi versi spiazzante, per altri fin troppo levigato e corretto per raschiare davvero in profondità. Memorabile la performance en travesti di Glenn Close, già protagonista negli anni '80 della versione teatrale e coinvolta anche come sceneggiatrice e produttrice per questa versione cinematografica.
I gusti di Atticus85 (Commedia - Drammatico - Giallo)

Addison 12/7/12 20:43 - 90 commenti

Non è perfetto questo film fortemente voluto da Glenn Close e per esempio la regia pare più diligente e illustrativa che realmente personale. Ma le buone intenzioni contano e questa versione cinematografica di una novella di George Moore ha il merito di una sincera adesione al tormento interiore (psicologico, affettivo, sociale) del suo protagonista. L'Albert della Close è un curioso personaggio, a metà tra l'omimo di Magritte e Charlot. Ancor più brava è Janet McTeer, il carattere più risolto e comprensivo del film: ottima interpretazione.
I gusti di Addison (Drammatico - Giallo - Teatro)