Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GENEALOGIA DI UN CRIMINE

All'interno del forum, per questo film:
Genealogia di un crimine
Titolo originale:Généalogies d'un crime
Dati:Anno: 1997Genere: drammatico (colore)
Regia:Raoul Ruiz
Cast:Catherine Deneuve, Michel Piccoli, Melvil Poupaud, Andrzej Seweryn, Bernadette Lafont, Monique Mélinand, Hubert Saint-Macary, Mathieu Amalric, Camila Mora, Patrick Modiano, Jean Badin, Brigitte Sy, Laurence Clément, André Engel
Note:La vicenda è ispirata ad un fatto reale successo a Vienna prima della II Guerra Mondiale. La psicologa Hermine Hellmut van Hug fu uccisa da un suo nipote del quale stava studiando i comportamenti fin dall'infanzia.
Visite:123
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/2/12 DAL BENEMERITO SAINTGIFTS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Saintgifts
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Cotola


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 7/2/12 23:46 - 6970 commenti

Confuso e farraginoso film in cui il regista cileno mescola alla sua maniera, più o meno surrealisticamente, i piani della realtà con risultati men che mediocri. Non solo non interessa in generale, ma neppure a sprazzi e non riesce nemmeno a colpire dal punto di vista visivo, rivelandosi privo di quel fascino che a volte possono avere film di questo tipo, incompiuti ed imperfetti ma intriganti. Brutto, ma in seguito Ruiz farà peggio.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Saintgifts 7/2/12 10:44 - 4099 commenti

Il film del cileno Ruiz, premiato a Berlino, accattivante nella trama e interpretato molto bene dalla Deneuve (alla quale sono affidati due personaggi) e da un Piccoli (più "schizzato" dei suoi pazienti), è meno godibile nella realizzazione per la sua non linearità e gli sbalzi tra realtà e fantasia (caratteristiche del regista), che rendono faticosa la visione. Teorie psicoanalitiche interessanti che si perdono però nei meandri del labirinto della sceneggiatura, non certo convenzionale. Per chi ne ha la forza, da rivedere.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)