Cerca per genere
Attori/registi più presenti

VICINO AL MARE PI¨ AZZURRO

All'interno del forum, per questo film:
Vicino al mare pi¨ azzurro
Titolo originale:U samogo sinego morya
Dati:Anno: 1936Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Boris Barnet, S. Mardanin
Cast:Andrei Dolinin, Sergei Komarov, Nikolai Kryuchkov, Yelena Kuzmina, Lyalya Sateyeva, Semyon Svashenko, Lev Sverdlin
Visite:154
Il film ricorda:L'Atalante (a Belfagor)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/2/12 DAL BENEMERITO GI¨AN

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Capolavoro assoluto (e ce ne sono pochi!) a detta di:
    Uomomite
  • Un film straordinario, quasi perfetto! a detta di:
    Gi¨an, Belfagor
  • Grande esempio di cinema a detta di:
    Rufus68


ORDINA COMMENTI PER:

Gi¨an 2/2/12 9:55 - 2619 commenti

Due marinai, naufraghi in un Kolkhoz nel Caspio, rivaleggiano per l'amore della bella Mashenka. All'apparenza una versione del triangolo amoroso in latitudine estrema, alla prova della visione un film tenue e denso, concreto e inafferrabile come il mare che tutto sommerge, restituisce, colora e trattiene. Difficile immaginare un'altra pellicola in cui l'elemento naturale sia cosý necessario senza mai esser invadente. Barnet, scioccamente tacciato di lirismo, filma l'incanto e il miracolo primigenio del cinema e dell'acqua. Indimenticabile la bionda Kuzmina.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La collana rotta di Masha; La "resurrezione" dal mare.
I gusti di Gi¨an (Commedia - Horror - Thriller)

Rufus68 22/3/18 14:30 - 2618 commenti

La prima volta che lo vidi rimasi deluso, ma ogni visione successiva ha rinforzato l'affetto profondo per i suoi protagonisti. La Kuzmina, graziosa Nausicaa che si trasforma sotto i nostri occhi grazie alla sua bellezza interiore; la memorabile coppia di innamorati, diversi, ma egualmente ardenti d'una passione incorruttibile, la catena di puri sentimenti all'interno della comunitÓ, il simbolismo che si scioglie inavvertito lungo la narrazione. Il mare assiste eterno, come un dio salvifico e benigno, alle minuscole vicende umane.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Belfagor 10/2/12 12:45 - 2591 commenti

Due giovani naufraghi si contendono l'amore della bella e bionda Mashenka in una sorta di Arcadia sovietica. All'epoca della realizzazione fu criticato in quanto opera disimpegnata, per via della celebrazione della vita spensierata in contrasto con la collaborazione e il lavoro nel sistema kolchosiano. ╚ senza dubbio un film formalista, ma dotato di un fascino visivo difficilmente eguagliabile e di una rappresentazione dolcemente lirica della natura, come sottolineato dall'onnipresenza quasi ancestrale del mare e dell'acqua.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Uomomite 16/8/13 21:22 - 175 commenti

"Vicino al mare pi¨ azzurro" Ŕ un film che celebra la vita, il cinema e il sogno come un tutt'uno inscindibile, meraviglioso, ambiguo, spaventoso. Protagonista Ŕ il mare, meravigliosamente filmato nella sua estatica quiete e nelle sue eccitanti esplosioni di "violenza". Un mare-cinema che restituisce alla vita chi muore, un mare su cui viaggiare alla ricerca di isole-sogni, paesaggi (ir)reali, amori (im)possibili da portare nel cuore. Naturalmente la critica sovietica lo massacr˛, accusandolo di "formalismo". Sublime.
I gusti di Uomomite (Fantascienza - Horror - Poliziesco)