Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'AMICO RITROVATO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Toccante parabola sull'amicizia ambientata, per la sua gran parte, nella Germania nazista degli Anni Trenta. A rievocarla ci pensa Jason Robards, ebreo fuggito per ovvi motivi in America e ritornato dopo cinquant’anni a Stoccarda, dove aveva trascorso la sua giovinezza. Vi torna per cercare di sapere che fine abbia fatto l'amico con cui aveva condiviso all'epoca i momenti più belli, un figlio di nobili tedeschi contrari alla sua frequentazione di un coetaneo ebreo. Il lungo flashback che occupa la parte centrale del film rievoca con sincerità gli albori dell'egemonia hitleriana e trova nella differenza di cultura e posizione sociale dei due giovani amici una chiave di lettura nuova per un periodo storico già ampiamente analizzato. Il progredire del sentimento antiebraico nella società tedesca viene vissuto dal protagonista in prima persona, mentre il rapporto con l'amico del cuore si fa giorno dopo giorno più difficoltoso. Il ritorno ai giorni nostri ci consegna un epilogo struggente che chiude con semplicità, senza inutili spettacolarismi, un film europeo fino al midollo. Anche molto ingessato, se vogliamo, freddo come gli ambienti in cui è girato, lento e non sempre interessante ma risollevato da momenti intensi che lo rivitalizzano d'improvviso. Una storia d'amicizia d'altri tempi; tempi che con stile pacato e rigido vengono richiamati alla mente meglio che con qualsiasi trucco scenografico. La regia di Jerry Schatzberg, che precede anonima e grigia, lascia invece il segno centrando l'atmosfera giusta e dirigendo con ammirevole disciplina un cast non strepitoso ma molto adeguato.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 31/12/08 19:27 - 10987 commenti

Film molto intenso ma nello stesso sobrio, tratto da un bel romanzo di Fred Ulhman e con la sceneggiatura del premio Nobel Harold Pinter. E' la storia di un viaggio fisico e nella memoria effettuato da un americano che torna dopo molti anni in Germania sulle tracce di un vecchio amico. La regia di Schatzberg è efficace e ben calibrata così come l'ottima interpretazione del grande Jason Robards.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 30/12/08 7:52 - 7366 commenti

Ebreo americano torna dopo decenni in Germania lasciata da ragazzo e va alla ricerca del suo amico di adolescenza. Una storia molto bella e intensa, apparentemente schematica rispetto ai temi sociali e politici degli anni dell'avvento del nazismo. Ma proprio la nitidezza quasi stilizzata (sceneggiatore Harold Pinter, non a caso), impiantata sul grande tema dell'amicizia, evita la prevedibile retorica dei sentimenti e invece riempie di contenuti veri e quasi nuovi l'idea di libertà e di amicizia.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Caesars 17/1/08 9:32 - 2492 commenti

Tratto dal bel romanzo omonimo di Fred Uhlman, il film ne ripercorre molto fedelmente la trama assecondato dalla regia non invasiva e molto efficace di Jerry Schatzberg. A dar volto all'anziano protagonista della vicenda è lo straordinario Jason Robards, che ritorna dopo decenni in Germania alla ricerca di notizie su un suo vecchio amico (i due erano stati divisi dal nazismo essendo l'uno ebreo e l'altro ariano). La parte finale è particolarmente commmovente senza dover ricorrere a facili effetti melodrammatici. Veramente bello.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Vitgar 27/5/15 13:36 - 586 commenti

Produzione davvero riuscita, così come lo è il breve romanzo di Uhlman da cui trae ispirazione. La storia è intensa e spesso commovente, un finale liberatorio in cui emerge che l'amicizia non era stata tradita. Un inno ai buoni sentimenti e alla libertà di pensiero. Buona fotografia. Ottimo Jason Robards nelle vesti del protagonista. Da vedere sicuramente.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)