Cerca per genere
Attori/registi più presenti

KILL LIST

All'interno del forum, per questo film:
Kill list
Titolo originale:Kill List
Dati:Anno: 2011Genere: thriller (colore)
Regia:Ben Wheatley
Cast:Neil Maskell, MyAnna Buring, Harry Simpson, Michael Smiley, Emma Fryer, Struan Rodger, Esme Folley, Ben Crompton, Gemma Lise Thornton, Robin Hill
Visite:1514
Il film ricorda:A serbian film (a Gestarsh99), In corsa con il diavolo (a Buiomega71), The wicker man (a Gestarsh99)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 20
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/12/11 DAL BENEMERITO ZUNI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 24/3/16
Nemmeno il tempo dei titoli di testa e siamo già proiettati in piena crisi familiare: Jay (Maskell) e Shel (Buring) bisticciano, volano parole grosse e il figlio è forse l'unica cosa che li tiene uniti. L'amico, Gal (Smiley), è il collega di Jay in un lavoro che non si riesce bene a capire cosa sia veramente. Poi pensi al titolo, alla lista, a quegli uomini uccisi di cui nemmeno loro sanno nulla. Una coppia di sicari: niente di più, niente di meno (e al netto di mandanti molto particolari). Ma chissà perché quando c'è di mezzo qualcuno che ammazza su commissione le parole si fan sempre confuse, sfuggenti, come se indovinare la verità fosse lo scopo principale di chi guarda. Tanto fumo negli occhi per questo film di Ben Wheatley, autocompiacente come pochi, che si crogiola in ellissi e sangue gratuito, in estetismi fini a se stessi per spalmare poi in lungo un finale che è la summa della formula scelta dal regista per raccontare la sua storia confusa. Settarismi pagani, smaccati omaggi all'uomo di vimini, musiche che salgono d'improvviso per commentare stacchi paesaggistici e chi più ne ha più ne metta. Se almeno il cast si distinguesse per grandi performance l'operazione acquisirebbe maggior senso, ma la coppia Maskell/Smiley pare essa stessa mera esecutrice degli ordini registici, incapace di regalare sfumature d'umanità vera ai due personaggi, burattini al servizio di una sceneggiatura che li vede smozzicare mezze parole, enigmi da postinterpretare... Svariare registro va bene se si individua nello svolgimento un senso, altrimenti diventa pure quello sterile esercizio di stile, una frammentazione formale da compito di cinema che rischia soprattutto d'innervosire. Non è che non si intravedano le qualità nella rappresentazione, la cura nella messa in scena, ma se la subalternità del racconto si fa tale da scomparire nel fumo di una spettacolarità pulp persino desueta, all'alba del 2011, allora sfuggono i motivi che possano aver assegnato al film la fama relativa di cui gode. Basta forse lasciar scorrere un po' di sangue e rapprenderlo nella violenza più estetizzante per suscitare curiosità mista ad apprezzamento? Spiazzare muovendo le pedine a caso sulla scacchiera? E se non è solo questo cosa? Non ci si dica la sorpresa sotto gli ultimi cappucci alzati...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 31/12/11 22:26 - 2120 commenti

Incomprensibilmente salutato dai più come uno spin-off deteinato di Srpski (che da qualsiasi lembo si afferri, gli sta sopra di non poche ottave) per il basico canovaccio dell'uomo dal torbido passato che accetta un lavoro sporco che insozza indelebilmente chiunque ami, la composizione si lascia prendere troppo la mano dall'elisione: la trama è più da intercettare che da capire, la fantasmaticità dei macguffin va a tutto discapito di un'affabulazione che fatica a prender miccia. La virata wickeriana, poi, fa sbottare un "seh vabbé bonasera" e terminare la visione col pilota automatico inserito.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 31/12/16 12:02 - 6728 commenti

Il film è spiazzante poiché affronta diversi registri (dramma familiare, noir, horror) tanto che sembra composto da ben tre diverse pellicole. Eppure alla fine la strana commistione funziona abbastanza bene pur se può provocare qualche disorientamento nello spettatore che è comunque coinvolto dalla storia che si fa seguire per capire cosa succederà e dove vuole andare a parare il regista. Qualcuno potrà mugugnare, anche giustamente, sulla svolta finale (che sembra un po' gratuita) ma non si può negare l'efficacia dell'insieme e le qualità tecnico-visive del regista.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 23/1/12 7:54 - 7345 commenti

Tre film in uno: un kammerspiel fra le mura domestiche, un buddy movie con due amici di vecchia data impegnati nell'esecuzione di un contratto (la kill list del titolo), infine la decisa virata "settaria". Ma se il legame fra la prima e la seconda parte, volutamente spiazzante, risulta congruente, la terza - pur annunciata da indizi disseminati nel corso della visione - appare affidare la sua carica più a suggestioni cinematografiche già stratificate che ad una necessità narrativa intriseca. Opera interessante, non del tutto convincente, ma che resta impressa e cresce nella memoria.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'omicidio a martellate è impressionante, anche per l'atteggiamento della vittima.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 9/4/14 11:20 - 2072 commenti

Wheatley la prende alla larga, percorrendo prima il perimetro sociale, poi riversandovi l'attualità e le sue conseguenze relazionali (la guerra in Iraq, la crisi economica), sparge indizi, ellissi temporali; infine, dissolvendo nell'epilogo, ci precipita nel cuore del racconto. Non è uno shock programmatico, ma un tentativo di conferire volume all'ambiente, mettere in primo piano le istanze politiche, disinnescare vacue generalizzazioni da cinema horror. Pur abusando di camera a mano e tagli in asse, resta una discreta manipolazione del cinema di genere, che percorre strade impervie.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 18/2/12 14:09 - 3024 commenti

Un prodotto sconnesso e straniante, non completamente riuscito ma in grado di suscitare interesse intorno ai suoi misteri, ai suoi attimi di follia e alle sue svolte improvvise (il risveglio nel bosco). Alla fine quasi (e sottolineo il quasi) tutti i conti tornano, ma mettere insieme i pezzi non è semplicissimo e il finale lascia, nell'immediato, più perplessità che gratificazione. Tecnicamente non male, con una fotografia vagamente dogmeggiante e un tappeto sonoro efficace e ansiogeno. Non privo di difetti, ma senza dubbio da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I due protagonisti, nel bosco, si risvegliano e...
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 8/8/17 0:17 - 3437 commenti

Finché la storia percorre i binari della crisi familiare ed economica che il protagonista vuole risolvere con il lavoretto su commissione, il film e gli attori reggono bene dando vita a un racconto di tensione e sgomento per certi passaggi non certo teneri. Poi la svolta soprannaturale e sanguinolenta getta alle ortiche parte del lavoro svolto e lascia spazio a un altro tipo di sgomento.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Hackett 3/1/17 11:21 - 1557 commenti

Davvero un buon thriller, un film che cambia pelle durante il suo svolgimento e da normale crime diventa qualcosa di misterioso, sfociando in un beffardo finale. Violento e teso quanto basta, si avvale di buone interpretazioni e di una sceneggiatura intelligente. Il finale non indugia in supreflue spiegazioni, ma il senso si coglie.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Fabbiu 2/1/13 20:42 - 1843 commenti

Un film che non procede di sicuro in linea retta e lo stile criptico, che apre mille spunti concludendosi in modo spiazzante per poi lasciare allo spettatore le varie possibilità di percepire un filo conduttore, ha un qualcosa di lynchiano; non solo nello stile, ma anche in diversi ingredienti, primo tra tutti una sensazione di angoscia che, grazie anche a una cura particolare per il suono ha la meglio, anche quando poi effettivamente non succede qualcosa di essenziale. Un film tanto crudo quanto sporco; coinvolgente, ambiguo.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Saintgifts 18/6/13 8:15 - 4099 commenti

Il film ha senz'altro il merito di costringere all'attenzione, fin dai titoli di testa (con quel graffito, graffiato) e poi con eventi e personaggi che rivelano caratteri e comportamenti distanti tra loro chilometri. Se ci fosse un seguito tutto ciò si potrebbe capire, ma finito così dà più l'impressione di essere un esercizio filmico piuttosto fine a se stesso, anche se indubbiamente interessante, piuttosto che una serie di metafore sul presente e sui meandri sconosciuti della mente umana, avvalolorate da quel "grazie" liberatorio delle vittime.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Pinhead80 27/2/15 16:10 - 3057 commenti

Commistione di generi e una sapiente regia portano Ben Wheatley a trascinarci in un discreto incubo. Non c'è da farsi ingannare dal ritmo della prima parte del film, perché i colpi di scena arriveranno proprio nel finale. D'altra parte si tratta di una discesa nell'incubo che si ricostruisce assemblando a posteriori tutti i pezzi del puzzle e quindi bisogna avere pazienza. L'orrore è dietro l'angolo, basta saper attendere...
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Giùan 29/8/17 14:55 - 2457 commenti

L'impressione è che a un certo punto Wheatley non riesca a tener la corda (peraltro pericolosamente complicata da maneggiar) tra ironia e terror panico che il film per lungo tempo promette (penso alle emblematiche scene coniugali con la Buring che ricorda a Maskell, marito killer, i doveri del pater familias). Così l'iperbole finale, pur giungendo a segno, rischia di manifestarsi (nel lungo termine della memoria cinematografica) come ipertrofismo visionario se non come una "montatura". Nel complesso un'opera curiosa che stenta a coinvolgere e sconvolgere.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Buiomega71 9/9/17 2:02 - 1815 commenti

Inizia come un film di Ken Loach (crisi economiche, litigi matrimoniali), diventa una specie di sordido viaggio alla 8mm (con tanto di furenti schegge violentissime, tra crani fracassati a martellate e facce spatasciate che manco Irreversible), poi sfocia nella fiaba nera, nel sabba improvviso e suggestivo, pieno di misticismo e influenze arcane, sino a un finale crudele e spiazzante, barbara e bestiale incoronazione del nuovo messia. Wheatley mischia abilmente il puzzle durante la narrazione, per poi farlo comporre a libera interpretazione. Forse imperfetto, ma di gran fascinazione malefica.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La ragazza sacrificata previo impiccagione; L'apparizione improvvisa delle fiaccole nel bosco; Le vittime che sussurrano "grazie"; Il patto di sangue.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Mickes2 11/7/12 8:48 - 1550 commenti

Spudorato gioco forzatamente arbitrario vittima-carnefice e percorso di (auto)distruzione pretestuoso e abbastanza inconcludente. La confezione è di tutto rispetto e le alternanze narrative ben bilanciate, così come il sound design sincopato e ansiogeno. Tuttavia manca un corpo strutturale in grado di reggere la forza d’urto di una sceneggiatura che inanella una serie di eventi amalgamandone pochi; che spiazza e confonde in un gioco programmaticamente sgradevole senza averne le possibilità a monte. Epilogo serbo gelido e beffardo ma inutile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le tremende martellate ai danni del bibliotecario.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Greymouser 7/1/12 0:56 - 1441 commenti

Strano film: la sceneggiatura, ondivaga e piuttosto criptica, dà una continua sensazione di spiazzamento, e le improvvise sequenze ad alto tasso di shock contribuiscono alla particolare fascinazione dell'insieme. Weathley dirige con grande personalità, ma lascia l'impressione di un lavoro molto forzato ed artificioso, che saccheggia a piene mani - e in modo rapsodico - da modelli differenti. Avvincente a suo modo, ma seminatore di dubbi e perplessità sulla solidità dell'insieme, in particolare rispetto al finale, furbo sì, ma senza un perchè.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Pumpkh75 6/11/14 17:36 - 1094 commenti

Pur urlando, senza dubbio e ad alta voce, la bellissima regia e apprezzando le espressioni ritorte di Maskell, impresse nelle nostre retine, mi lascia il palato inerte: gli avanzi della sera prima, sebbene a cena si sia mangiato bene con Polanski e Hardy, vanno giù senza acquolina né stomacano più di tanto; il dessert serbo, poi, lo si lascerebbe volentieri nel piatto. La montagna vorrebbe partorire un topolone, ma a pensarci bene oltre allo stagliarsi dell'affascinante profilo s’intravede più di qualche frana. Interessante ma incompiuto.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Gestarsh99 30/12/11 19:09 - 1061 commenti

Si possono far convivere nello stesso film orride scene da un matrimonio in crisi, in cui moglie e marito si scannano grottescamente per vili questioni domestiche e animaleschi raptus di sadismo iperviolento accompagnati da brutali omicidi su commissione? Risposta scontata se parliamo dello sconcertante thriller di Ben Wheatley. Ma il brutto ancora addevenì... Qui la meschina routine schizoide di due killer "stagionali" si riplasma scena dopo scena in un infernale viaggio notturno alle radici dell'esperienza umana, là dove riaffiorano gli spettri mai sopiti di A serbian film e The wicker man.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il violentissimo assassinio del bibliotecario a martellate in testa; Gli intestini srotolati a forza di coltellate; Il finale spiazzante.
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Taxius 19/9/15 13:18 - 1000 commenti

Si può dire che Kill List sia un film matrioska, ovvero un film con altri film dentro; questo perché comincia come un classico dramma familiare per poi svilupparsi in un thriller piuttosto violento per poi finire come un inquietante e allucinante horror. Il pregio del film è sicuramente quello di essere assolutamente imprevedibile, soprattutto per quanto riguarda il finale. Film veramente originale che merita assolutamente almeno una visione.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Kinodrop 9/8/15 18:54 - 796 commenti

Da un inizio realistico e nell'ordine delle cose si sfocia in un finale horror attraverso una storia di killer su commissione. Tre registri molto diversi che non trovano continuità e sintesi se non nell'intento programmato o meno di lasciare allo spettatore la curiosità di ricomporne le non poche lacune. Frammentario sia nella sceneggiatura che nei tempi, dilatati all'inizio e sbrigativi e criptici nel finale, conserva però alcuni punti di forza come la musica, elemento ansiogeno nelle scene più violente e la mdp ben sfruttata nel finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il passaggio del protagonista da casalingo subordinato e modesto, a killer spietato; La fine del bibliotecario; Il sabba nella notte.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Almicione 25/5/17 1:32 - 765 commenti

15 minuti non bastano a salvare l'intera pellicola. I piccoli indizi lasciati durante la visione non invogliano lo spettatore a cercare un significato, mentre due tizi poco entusiasmanti fanno il loro sporco lavoro di killer assoldati. Si assapora noiosamente quel misterioso che infastidisce; semplicemente il film ci mette troppo ad arrivare al punto e è inutile cercare di recuparare tutto nella sequenza finale, comunque valida. E poi, qualche incomprensione: che bisogno c'era di sparare durante il rito?

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il rito e i membri della confraternita.
I gusti di Almicione (Drammatico - Gangster - Thriller)

Zuni 30/12/11 0:46 - 68 commenti

Inizia come una sorta di commedia grottesca, continua come torvo thriller e sfocia nell'orrore del Polanski che fu. Tutto stravisto e con un occhio a voler spiazzare lo spettatore che sviluppare chissà quale particolare empatia verso personaggi antipatici e cattivi. Il giochetto è facilmente intuibile per chi ha visto più di un thriller in vita sua, ma è girato molto bene con interpretazioni convincenti e un buon senso della tensione. Si arriva alla fine senza la paura di sporcarsi le mani. Non imperdibile, ma decisamente buono.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'esecuzione con il martello; La claustrofobica fuga finale nei cunicoli.
I gusti di Zuni (Animali assassini - Horror - Thriller)