Cerca per genere
Attori/registi più presenti

COMMUNION

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Da un romanzo di Whitley Strieber (che ne ha scritto la sceneggiatura) un film patetico che strizza l'occhio alla new-age cercando in più occasioni uno stile estatico, sospeso, aiutato da una colonna sonora (il main theme è di Eric Clapton, ma solo quello) che lavora nella stessa direzione. Si parla di rapimenti alieni, con la vittima Christopher Walken (padre di famiglia e sposato con Lindsay Crouse) che una notte "subisce" uno dei cosiddetti incontri ravvicinati del quarto tipo venendo trascinato su di un’astronave aliena. Il giorno dopo non ricorda nulla, ma qualcosa nella sua mente è cambiato: vede mostri ovunque e grazie all'ipnosi regressiva finalmente rivivrà (in più sedute) l'esperienza. Philippe Mora dirige svogliatamente un Christopher Walken che inizialmente scherza e si comporta come un padre mezzo scemo per poi, col tempo, affrontare il problema con una certa maturità assieme alla moglie, sempre più preoccupata. Ma che delusione gli effetti speciali! Gli alieni sono di due tipi: bassi, rugosi e incappucciati come mostri che sembrano uscire da una versione povera di GUERRE STELLARI o alti e sottili con gli occhioni neri (e qui sembrano fatti di plastica). In entrambi i casi, pur se spesso nascosti da fumi e abbaglianti luci azzurre, lasciano nello spettatore l'impressione di assistere a vecchie puntate del Muppet Show. In mezzo a tanta paccottiglia restare seri era difficile, ma Walken ci prova facendosi prendere dallo stesso sentimento di apparente pace col mondo che deve essere alla base di ogni buon messaggio new age. Brutta fotografia, scenografie misere e tensione pari a zero. Giusto da premiare la relativa originalità dell'idea, che tenta di far luce su un mistero a tuttoggi molto fitto.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Fabbiu 23/3/07 13:20 - 1893 commenti

Effetti speciali piuttosto deludenti, ma una buona sceneggiatura. Ciò che mi ha colpito di questo film è il fatto che un soggetto ormai troppo classico per la fantascienza (alieni) venga affrontato in un modo nuovo, attraverso un mix di subconsciente e psicologia, con tempi e ritmi piuttosto "mistici" grazie al contributo di una fotografia particolare e di luci azzurre ipnotiche. Richiama molto "Bagliori nel buio" e la serie tv di X-files. Buona l'interpretazione del protagonista tormentato.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Rigoletto 26/1/15 10:47 - 1404 commenti

L'effetto sorpresa svanisce subito e dopo mezz'ora il film si ritrova impantanato nella palude senza avere più le coordinate per uscirne. Si pecca di eccessiva cerebralità, mischiando fin troppo le chiavi di lettura al punto da non sapere più dove finisce l'una e comincia l'altra. Certo, Walken regge anche alla distanza, ma davvero non può bastare. A questa confusione generale si aggiungono un ritmo blando e orrendi effetti speciali che contribuiscono a rendere gli alieni come gli scarti della taverna di Mos Eisley.
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Kekkomereq 18/1/12 20:35 - 359 commenti

I film sui rapimenti alieni mi hanno sempre incuriosito, peccato che Communion non sia né interessante né curioso. Il protagonista viene rapito e si aggrega con un gruppo di spostati che sono fissati con la sonda anale. Il film, tratto da una storia vera, è una biografia del personaggio, ma di alieni cattivi non se ne sente neanche la puzza. Mi chiedo come abbia fatto Christopher Walken a finire in questo B-movie.
I gusti di Kekkomereq (Azione - Horror - Thriller)