Cerca per genere
Attori/registi più presenti

I GIGANTI INVADONO LA TERRA

All'interno del forum, per questo film:
I giganti invadono la Terra
Titolo originale:The Amazing Colossal man
Dati:Anno: 1957Genere: fantastico (bianco e nero)
Regia:Bert I. Gordon
Cast:Glenn Langan, Cathy Downs, William Hudson, Larry Thor, James Seay, Frank Jenks, Russ Bender, Hank Patterson, Jimmy Cross, June Jocelyn, Stanley Lachman
Note:Seguito da "War of the colossal beast" (1958).
Visite:402
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Curioso il titolo italiano, che moltiplica impudentemente la minaccia (il gigante è uno solo, come evidenzia l'originale THE AMAZING COLOSSAL MAN) e prefigura un’invasione del tutto inesistente. Il gigante è in realtà la vittima dell'esplosione di una bomba al plutonio (i primi minuti, colmi di suspense, sono forse la parte migliore del film), che lo investe in pieno provocando la reazione inversa a quella immaginata da Matheson nel suo “Tre millimetri al giorno” (casualmente portato su schermo proprio quello stesso anno da Jack Arnold col titolo di RADIAZIONI BX: DISTRUZIONE UOMO): se in Matheson le radiazioni rimpicciolivano il protagonista quotidianamente e inesorabilmente, qui lo ingigantiscono progressivamente fino a fargli raggiungere la rispettabile altezza di 20 metri! L’ufficiale Mannings, in definitiva, si trasforma in una sorta di King Kong umano (calvo e seminudo), che prenderà in mano la sua bella e guarderà attraverso le finestre degli edifici proprio come il suo “antenato” scimmiesco. Purtroppo gli effetti speciali, che inizialmente sembrano reggere, si fanno nel finale ampiamente risibili, con fotomontaggi e trasparenze che palesano la povertà estrema dei mezzi a disposizione. Tanto che, non potendo puntare molto sulla spettacolarità, il regista Bert I. Gordon (il quale in futuro tornerà più volte sul tema del gigantismo) occupa gran parte della pellicola con tediosissimi dialoghi a base scientifica o lasciando spazio agli struggimenti della fidanzata del mostro. Tipica s/f americana Anni Cinquanta insomma, senza idee né mezzi.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 11/8/19 16:43 - 2363 commenti

Del Porfirione reso suo malgrado tale da tintarella plutonica il film non fa virtù, al più si attarda a privilegiarne l'uggia esistenzialista: più la sua statura impenna più si striminzisce il film al pari della soddisfazione di chi osserva. Gordon non ha purtroppo assimilato la strepitosa lezione di Arnold, mancando la feconda possibilità di polarizzarla. E avrebbe potuto, come egregiamente dimostrato da abbrivio e gran finale, anime gemelle divise da una parte centrale ostativa alle nozze. Pensavo fosse amore e invece era un po' esse: l'impacciata corte che riserva lo confina in friendzone.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli ultimi 10 minuti: fossero stati il triplo (segue sospiro)...
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Daniela 26/3/17 23:28 - 8308 commenti

Il plurale è una invenzione del titolo italiano: il gigante è uno solo. Si tratta di un colonnello che, dopo l'esposizione accidentale alle radiazioni di una bomba al plutonio, non solo guarisce rapidamente dalle ustioni ma diventa sempre più alto... Certo molto ingenuo, con effetti speciali assai mediocri e varie sequenze allunga-brodo oltre a spiegoni scientifici balzani, ma quando si arriva al dunque, con l'omaccione calvo in mutante somigliante al genio della lampada di Alladin che si aggira per le strade di Las Vegas, c'è da divertirsi. Assurdo e fatto coi piedi, ma a suo modo simpatico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il mini-cammello ed il mini-elefante; L'esercito "smarrisce" un esserino alto 20 metri e fatica a ritrovarlo; Il siringone .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Fabbiu 23/3/07 20:55 - 1896 commenti

Abituati a vedere nei b-movies di fantascienza mostri enormi invadere città, non possiamo non rimanere esterreffatti nel vedere un uomo gigante e pelato camminare tra i palazzi. Il film si annuncia molto bene (con le scene degli esperimenti e le diapositive sulle esplosioni), però prosegue lento. Effetti speciali divertentissimi. Un po' di azione sulla seconda parte, ma un finale troppo frettoloso e sbrigativo (indimenticabile la cura: un siringone enorme). Seguito da "War of the colossal beast".
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Pinhead80 2/9/16 19:05 - 3537 commenti

Distrutto nel fisico da un'esplosione atomica un uomo, invece che morire all'istante, comincia un rapido processo di guarigione che lo porta però a ingigantirsi a dismisura. Bert I. Gordon sarà uno specialista di questo genere di film dove qualcosa di gigantesco (e sempre per colpa degli esseri umani) minaccia l'incolumità della terra. Il film è molto godibile e si respira l'aria da B-movie per drive-in che tanto mi piace. Unico neo la parte finale, molto poco curata e frettolosa.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Rufus68 23/5/19 12:52 - 2700 commenti

Girato spudoratamente con entrambi gli occhi a Radiazioni BX, sempre del 1957, il film ha l'unico pregio di riproporre, con più rozzezza, le coinvolgenti differenze di prospettiva di Arnold (all'inverso, però). Per il resto vale solo il fascino vintage che ci solletica con una ridda di ingenuità (le mutande?). Tediosi e sempliciotti i flashback (la guerra in Corea) e le spiegazioni scientifiche, ci si diverte a rimirare il gigante pelatone che sbrocca per Las Vegas, mezzo King Kong mezzo Cyclops (o Rex Ingram).
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

R.f.e. 28/3/10 14:21 - 819 commenti

Grande regista minore - e non è un controsenso - di perfette produzioni da drive-in o da proiezioni pomeridiane per ragazzetti del genere kiddie-matinée, questo Bert Ira Gordon (nato a Kenosha, Wisconsin, il 24 settembre 1922: a tutt'oggi mi risulta ancora vivente...) certamente più a suo agio nei naif anni '50 che nei '70, ma tant'è... Un po' lento all'inizio, ma le sequenze finali sono spassose e l'ambientazione è surreale (le strade e gli edifici kitsch di Las Vegas) per motivi che trascendono il tema "fantascientifico" del film.
I gusti di R.f.e. (Avventura - Azione - Erotico)

Yamagong 16/10/12 0:51 - 274 commenti

Un'occasione persa in tutti i sensi: il gigante come simbolo del "diverso" trasformato suo malgrado in fenomeno da baraccone, del desiderio di rivalsa contro un mondo crudele e carnefice (e qui ben poteva inserirsi la devastazione di Las Vegas da parte del colosso)... tutti ottimi spunti annegati in un mare di dialoghi da soap opera, in una sceneggiatura carente di idee e in una recitazione insufficiente. La scena di Glenn a spasso per la città, poi, è puro trash anni '50! Brutto, ma con un suo perché. Un remake sarebbe interessante...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Forse non sono io che sto crescendo... sono gli altri che si restringono!".
I gusti di Yamagong (Animazione - Commedia - Drammatico)

Mandrakex 31/1/17 15:37 - 87 commenti

Un militare, colpito dalle radiazioni nucleari, subisce una terribile mutazione fisica che lo tramuta in un gigante. Fiacco film di fantascienza che cerca di discostarsi dagli animali assassini e dalle invasioni aliene che popolavano il grande schermo. Gli effetti speciali sono modesti e l'azione latita lasciando posto a ovvie riflessioni sul dramma interiore del protagonista, che passa ad antagonista senza una plausibile ragione. Discrete comunque le scene di devastazione in città. Esiste una versione "al femminile" da noi inedita. Solo per collezionisti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incidente fatale durante l'esplosione sperimentale; L'improponibile siringa gigante; Il finale sulla diga.
I gusti di Mandrakex (Fantastico - Musicale - Western)