Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL VILLAGGIO DI CARTONE

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/10/11 DAL BENEMERITO MYVINCENT

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole! a detta di:
    Myvincent
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Deepred89
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Saintgifts, Paulaster
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Nando
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Panza


ORDINA COMMENTI PER:

Deepred89 23/4/16 22:45 - 3112 commenti

Le premesse non erano delle migliori (low-budget con prete che accoglie immigrati in chiesa) ma il film sorprende: un'atmosfera rarefatta, funerea, tutta ombre e cromatismi ricercati, personaggi ambigui, movimenti di macchina di classe. Politica e forze dell'ordine si odono in lontananza, talvolta indisponendo lo spettatore, ma non riescono a penetrare nella bolla onirica in cui il film - non si sa se in modo del tutto volontario - fluttua soavemente, offrendo pure un toccante monologo a letto e uno strano finale con lucernario alla Suspiria.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Saintgifts 8/4/12 0:16 - 4099 commenti

Una chiesa viene svuotata delle immagini della sofferenza di Cristo e si riempie della sofferenza di una umanità clandestina. Molte le metafore tra la realtà di poveri cristi e la vita di Cristo, con tanto di nascita e tradimento. I dubbi del vecchio prete sono la cosa più rimarchevole in questo lavoro "teatrale", dove l'esterno è solo intuibile dai rumori e dalle luci naturali e non, che filtrano attraverso le vetrate. Modi diversi di vivere la realtà, da sfruttati e da sfruttatori, da giovani e da vecchi. Lentezze. Finale confuso e fiacco.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 17/11/12 22:24 - 3323 commenti

Una chiesa in disuso diventa ricorvero per un gruppo di clandestini in fuga. Le riflessioni sulla sofferenza sono marcate ma la narrazione appare rarefatta e lenta ed il messaggio con il modesto finale è solo abbozzato. Stranianti le figure dei controllori, che indossano improbabili divise. Neanche la figura del parroco è convincente.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Paulaster 12/4/13 9:50 - 2342 commenti

Riflessione profonda sul ruolo della Chiesa. Olmi indica che se Cristo scendesse dalla croce andrebbe ancora ad aiutare gli ultimi e ridarebbe vita ad un movimento di fede attiva. Critica utilizzando simboli (l’acqua dal soffitto, la polvere sollevata) e scarni dialoghi per rappresentare la desolazione dell’anima, anche tra le istituzioni all’esterno (il rumore degli aerei e le sirene). In alcuni punti si denota una scarsa attenzione alla costruzione della sceneggiatura. Il ruolo di Hauer è un po’ gratuito.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Myvincent 20/10/11 19:43 - 2316 commenti

Una chiesa smantellata di tutti i suoi simboli viene riempita da una comunità di clandestini superstite e naturalmente bisognosa. La chiesa si anima di significati millenari, mentre emergono contraddizioni e varie umanità. Un film complesso sulla peculiarità, le vulnerabilità umane, sul tradimento. Qualche scivolamento verso alcuni luoghi comuni non sminuisce la forza dirompente del messaggio sotteso, in cui il bene precede ogni tipo di fede.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Panza   6/6/14 20:12 - 1425 commenti

Olmi vuole trattare un tema importante e alla fine della visione il messaggio recepito non può che essere lodevole e importante. Vengono pure lasciati alcuni interrogativi allo spettatore. Il problema è che Olmi dà un approccio troppo sofisticato e intellettualoide alla vicenda con marmorei piani sequenza. Pasticciata anche la sceneggiatura, sopratutto nelle parti con gli immigrati: in certi passaggi è difficile rimanere desti. Imbambolato Rutger Hauer che con incredibile bravura si destreggia oramai sempre più nelle produzioni più disparate.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)