Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ATTO DI DOLORE

All'interno del forum, per questo film:
Atto di dolore
Dati:Anno: 1990Genere: drammatico (colore)
Regia:Pasquale Squitieri
Cast:Claudia Cardinale, Bruno Cremer, Karl Zinny, Giulia Boschi, Memè Perlini, Ferruccio De Ceresa, Enrico Lo Verso, Victoria Zinny, Clara Colosimo, Maria Belfiore, Gabriele Muccino
Note:Alla sceneggiatura hanno collaborato il poeta e romanziere avanguardista Nanni Balestrini e Fabio Traversa, per anni attore di Nanni Moretti.
Visite:538
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/10/11 DAL BENEMERITO GIùAN

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole! a detta di:
    Metakosmos
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Giùan


ORDINA COMMENTI PER:

Giùan 18/10/11 11:25 - 2601 commenti

Storia della vedova Elena e dei suoi tentativi disperati di salvare dalla droga il minore dei suoi due figli, Sandro. Squitieri torna sul tema dell'eroina, col suo classico tono muscoloso e con lo stile rigonfio che gli appartiene, ma il film è coraggioso, ha il merito straordinario di non accondiscendere ad alcun conformistico clichè e va a segno. Cast di radicale credibilità, da una Cardinale maltrattata e segnata ad un Karl Zinny che avrebbe meritato altre occasioni. Non condivido l'ottica proibizionista ma avercene, di simili strumenti di discussione...
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Metakosmos 7/12/15 23:54 - 146 commenti

La storia di una madre che scopre della tossicodipendenza del figlio e di un mondo che non avrebbe mai potuto immaginare. Un intenso e crudo dramma umano raccontato in modo secco e diretto su come la tossicodipendenza influisca ben oltre l'individuo che ne è sottomesso. Non riesco ancora a capire se voglia definirsi un racconto a-morale sulla situazione della droga o se dietro determinate affermazioni e situazioni possa leggersi un sottotesto moralistico per non dire ideologico. Rimane un film neo-neo-realista di grande potenza da riscoprire.
I gusti di Metakosmos (Giallo - Horror - Western)