Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'AMORE CHE RESTA

All'interno del forum, per questo film:
L'amore che resta
Titolo originale:Restless
Dati:Anno: 2011Genere: drammatico (colore)
Regia:Gus Van Sant
Cast:Henry Hopper, Mia Wasikowska, Ryo Kase, Schuyler Fisk, Lusia Strus, Jane Adams, Paul Parson, Thomas Lauderdale, Christopher D. Harder, Morgan Lee, Kenneth L. Peterson, William J. Eggleston, Chin Han, Jhon Goodwin, Kelleen Crawford
Note:Tratto da una pièce teatrale di Jason Lew e presentato fuori concorso al Festival di Cannes 2011.
Visite:758
Il film ricorda:Belli e dannati (a Galbo), Harold e Maude (a Cotola)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 15
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/10/11 DAL BENEMERITO XAMINI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 6/3/12 5:49 - 10545 commenti

Si muove su un terreno minato (quello del "cancer movie") il regista Gus Van Sant per questo film su un amore tra una malata terminale e un ragazzo con seri problemi esistenziali. La scommessa è vinta grazie al tono leggero e ispirato e alla splendida caratterizzazione dei personaggi. Ancora una volta per affrontare il tema della morte, è opportuno realizzare un film il più vitale possibile e che alla vita è aderente. Ottime le interpretazioni dei due protagonisti.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pigro 9/3/13 10:39 - 7042 commenti

Parte benissimo, raccontando di un nuovo Harold affascinato dai funerali, con il kamikaze amico immaginario. Poi arrivano le spiegazioni, che tendono a banalizzare il legame giovanile con la morte. Infine, approda a una sdolcinata e lacrimevole Love story, melensa ancorché impeccabile e convincente. Un film che inizia come folgorante apologo sull’adolescenza e finisce come una pellicola sentimentale, con musichette languide a far da contorno. Una bella storia, girata con grazia (ma senza colpi d’ala), che poteva essere migliore.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Schramm 5/3/16 16:21 - 2116 commenti

Verrà la morte e avrà gli occhi sognanti degli innamorati, ma la Fine non sarà subito dopo: è anzi lo scambio ferroviario tra tramonto e alba, l'abbrivio propulsivo della vitalità, la scaturigine di tutto. Riconosciutisi nella specie blattoidea necrofaga e al contempo nel cadavere-humus, Annabel e Enoch trascendono la malattia, risignificano Darwin. Tra tentazione calligrafica ed entomologica, Van Sant stenta a far affiorare il sehnsucht, declassato a freddo sottotesto in balia di un non meno calcolato estetismo. Sarà la colpevolezza degli astri a esuberare i difetti di un Van Sant ombelicale.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 24/10/11 0:33 - 6690 commenti

Sembra un Van Sant completamente diverso dal solito ma lo è solo in apparenza. Come in gran parte del suo cinema, infatti, i giovani sono protagonisti e come spesso accade si confrontano col tema della morte. E se è vero che la storia non è molto originale, è anche vero che il regista la racconta con grande pudore, senza vellicare la pancia degli spettatori ma anzi riuscendo ad essere anche ironico e raggiungendo alte vette di dolcezza senza mai però essere sdolcinato e melenso. Da applausi la prova dei due giovani protagonisti.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rebis 19/10/11 20:56 - 2068 commenti

La morte. Questa sconosciuta. Gli adolescenti di Van Sant ne sono ossessionati, posseduti. La cercano, la rappresentano, la irridono: rimane l'unica idea al mondo a cui non si possono abituare. Un soggetto potenzialmente lacrimogeno che nelle mani di Van Sant diventa un film terso, essenziale, dolcissimo; improntato a un classicismo formale capace ormai di commutare qualsiasi storia in un'espressione stilistica, in uno sguardo autoriale sul mondo. Soundtrak fluviale. Abbacinante la sobria bellezza dei due interpreti.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Saintgifts 12/7/13 9:13 - 4099 commenti

L'amore giovanile, specie se rappresentato da due giovani così particolari, come in questo film, è sempre qualcosa che commuove e fa riconciliare con la vita. Direi che fa senz'altro capire il vero senso della vita, tutto il resto sono accessori utili, qualche volta necessari, per portare avanti l'unica cosa che conta, l'amore. Il film parla anche - e molto - della morte e dell'aldilà, che Enoch (ottimo Henry Hopper assieme a Mia Wasikowska) nega esistere, nonostante la presenza di Hiroshi. Van Sant conduce senza scivolare nel patetico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "...La morte è facile, è l'amore che è difficile". La messa in scena, dei due giovani, dell'atto finale.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 4/1/13 12:48 - 3170 commenti

Una tenera storia d'amore adolescenziale tra una malata terminale e un orfano. Una bella caratterizzazione provvista di alti momenti poetici. Intensi i due protagonisti. Nonostante la drammaticità dei temi trattati, la pellicola sfodera una notevole dose di ottimismo senza scadere nel melenso. La non eccessiva lunghezza evita inutili trascinamenti emotivi.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Giùan 20/11/13 6:44 - 2440 commenti

Soave e delicato: queste le prerogative di un'opera che ha nella inusitata “misura” il suo caduco eppure inespugnabile punto di forza. Van Sant costruisce il film come un fiore dai petali d’acciaio, di cui riesce a farci sentire freschezza e al contempo la mortalità. Una pellicola che non ha paura di mostrare le proprie fragilità e debolezze (anche cinematografiche). Diviso da sempre tra attrazione classica e analisi sperimentale il regista trova qui una nuova sintesi, a forte rischio di evanescenza eppure stimolante. Essenziali Hopper e la Wasikowska.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Hiroshi, sorta di materializzazione e rivisitazione ectoplasmatica dell’Harvey del tempo che fu.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Paulaster 1/4/12 12:35 - 1843 commenti

Van Sant dirige bene la sua storia, con mano delicata, anche se la trama non è sempre all’altezza e in alcuni momenti rasenta la gratuità nelle situazioni. Imperdonabile il copiare Harold e Maude sulla frequentazione di lui a funerali di gente sconosciuta. Dei due attori, lei si destreggia meglio nell’inscenare i sentimenti, anche se il doppiaggio fa sembrare il film rivolto ad un pubblico di infanti.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Mickes2 14/5/12 15:41 - 1550 commenti

Dolcissimo racconto di un microcosmo adolescenziale in cui Van sant si addentra con lucidità analizzandone i desideri, l’essere consapevoli di sé stessi, la speranza e la serena disillusione. È un atto purissimo ed essenziale, romantico e ironico al tempo stesso vissuto in circostanze sofferenti, come possono esserlo la malattia terminale e il lutto. Ma non si tratta di esorcizzare un evento tragico, al contrario, viverlo ancor più intensamente, godere anche di ciò che può sembrar più distante dalla vita traducendo il tutto in autentico intimismo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale struggente; L’espressività, il fascino e la bellezza tutta androgina di Mia Wasikowska.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Xamini   8/10/11 14:33 - 811 commenti

Lui (il figlio dei Dennis "Easy Rider" Hopper) è perfetto nella parte del ragazzo dissociato, che vive un mondo a sé, fatto di un amico kamikaze direttamente dalla WWII che lo sfida (e batte) perennemente a battaglia navale (un Donnie Darko ancora più stralunato). E di una dipendenza dai riti funebri. Durante uno di questi conosce una fanciulla malata di tumore e amante di Darwin. L'incontro tra la follia di lui e la vitalità di lei produce una leggerezza che accarezza lo spettatore mentre Van Sant lo porta a spasso lungo il pesante tema della morte o, se preferite, della vita a termine. Ne risulta uno dei più belli film romantici di sempre.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Loro sull'asfalto, contornati di gesso. Il finale.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Nancy 30/8/12 19:49 - 734 commenti

Bello e delicato film pieno di sfumature toccanti, come Van Sant sa fare, valorizzando l'armonia di ogni inquadratura coi colori giusti e un'ottima fotografia. Due ragazzi si incontrano a un funerale (à la Harold e Maude) e s'innamorano, ma lei ha il cancro: sembra una storia banale e melodrammatica ma ha invece una sceneggiatura mai smielata e che anzi aggiunge dei momenti simpatici, l'ombra oscura del melò svanisce in un colpo; se poi a tutto ciò si aggiunge la bravura e la bellezza dei due giovanissimi protagonisti, il film diventa una piccola perla.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Rullo 26/5/12 23:34 - 388 commenti

Sceneggiato di pregevole fattura per un soggetto di grande interesse. Lui, traumatizzato a vita dalla morte, lei che la morte non la teme. Storia d'amore e di drammi dal buon ritmo e dai bravi interpreti. Come primo incontro con il figlio del grande Dennis Hopper non ci si può affatto lamentare, risultando lui pienamente in parte. Coinvolgenti anche le onnipresenti musiche. Sviluppo della storia con Hiroshi davvero degno di nota.
I gusti di Rullo (Avventura - Commedia - Drammatico)

Belgazzara 14/12/14 20:17 - 18 commenti

Su un terreno indubbiamente scivoloso come quello della morte e della malattia Van Sant ci consegna una pellicola evanescente e priva di stimoli, dove tutta la forza sperimentale che di solito caratterizza il regista pare scomparire dietro due chitarrine indie di un film del Sundance di quindici anni fa. Se in Elephant o Paranoid Park i turbamenti dei suoi giovani personaggi ti scorticavano il cuore, qui - forse per scongiurare un'inammissibile etichetta mélo - rimane tutto eccessivamente delicato e sottopelle e francamente anche un po' noioso.
I gusti di Belgazzara (Avventura - Giallo - Thriller)