Cerca per genere
Attori/registi più presenti

UN FOLLE TRASLOCO

All'interno del forum, per questo film:
Un folle trasloco
Titolo originale:Moving
Dati:Anno: 1988Genere: commedia (colore)
Regia:Alan Metter
Cast:Richard Pryor, Beverly Todd, Stacey Dash, Raphael Harris, Ishmael Harris, Randy Quaid, Tony Rolan, Claire Malis, John Wesley
Visite:328
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Una tipica commedia americana per famiglie appetibile comunque anche per un pubblico più smaliziato. Sceneggiata bene e ricca di momenti e personaggi esilaranti: a partire dal cane, perennemente steso in terra e abulico al punto che per vedere se è ancora vivo i figli devono verificare la respirazione con apposito specchietto da appoggiare sotto il naso. Il tema centrale è appunto il trasloco (il titolo originale è MOVING), ma la preparazione ad esso, la vendita della vecchia casa e l'acquisto della nuova sono quasi altrettanto importanti. Per non parlare del rapporto con il vicino rompiscatole, un Randy Quaid sempre impagabile nel ruolo della maleducazione fatta persona. Insomma, di occasioni per sorridere il soggetto ne offre in quantità e Richard Pryor (all'epoca afflitto da gravi problemi di droga) tende più a subire che a proporsi come vero motore comico. Ma la cosa gli riesce bene e il film funziona. Certo, non manca qualche momento morto, gli ultimi venti minuti (nei quali Pryor passa inopinatamente a un ruolo più attivo) sono da dimenticare e rischiano di compromettere quanto di buono realizzato fino a quel momento, tuttavia non si possono trascurare le decine di gag mandate a segno con eccellente senso dell'umorismo. Curiosa la contemporaneità con L’ALLEGRA FATTORIA, in cui era Chevy Chase, seppur solo per una parte del film, ad avere seri problemi con i traslocatori. Apprezzabile il tono misurato, controllato usato dalla regia. Pryor non dà mai in escandescenze (finale a parte) ed è proprio il suo atteggiamento remissivo a divertire. Musiche di Howard Shore.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Lovejoy 25/5/08 13:28 - 1825 commenti

Mediocre commediola tenuta parzialmente in piedi dal buon cast. In particolare dai sempre bravi Pryor (in uno dei suoi ultimi film da protagonista) e uno scatenato Randy Quaid (che in questi ruoli ha sempre dato il meglio di sè). Per il resto, la storia non è granché, di regia non è il caso di parlarne e di gag comiche se ne salvano due su tre. Comunque, è già un più che onorevole risultato.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)