Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• IN PIENA LUCE

All'interno del forum, per questo film:
• In piena luce
Titolo originale:In Broad Daylight
Dati:Anno: 1971Genere: thriller (colore)
Regia:Robert Day
Cast:Richard Boone, Suzanne Pleshette, Stella Stevens, John Marley, Fred Beir, Whit Bissell, Paul Smith, Dan Spelling, Barbara Dodd, Wally Taylor, Ken Sansom, Sam Edwards, Buddy Lewis, Frank Bello, Al Ward
Note:Film per la tv trasmesso in Italia la prima volta all'interno della serie "Sette storie per non dormire".
Visite:1291
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/6/11 DAL BENEMERITO LUCIUS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 4/11/18
Curiose attinenze con la serie di COLOMBO, che proprio quell'anno partì come tale dopo il film-tv del 1967. Entrambi prodotti per la televisione, presentano un omicida che compie il proprio delitto dopo doviziosa preparazione. In questo caso l'indagine è meno centrale rispetto allo spazio lasciato all'esecuzione del delitto, ma propone un ispettore di polizia (lo interpreta John Marley) che potrebbe anche ricordare il celebre tenente, per sorniona placidità. Il copione dell'ottimo Larry Cohen (il quale, è bene notarlo, scriverà anche tre dei più memorabili episodi di COLOMBO, compreso L'UOMO DELL'ANNO) è ricco di notazioni godibili e propone come protagonista un ex attore di teatro da poco diventato cieco, Tony Chappel (Boone); questi, per puro caso, scopre nell'appartamento di un conoscente che la propria moglie (Stevens) lo tradisce. Entrato lì per altre ragioni, ascolta i due scambiarsi carinerie in intimità. Per vendicarsi deciderà di tornare nel medesimo appartamento, parte di un grosso albergo, e di nascondersi lì in attesa che vi entri la moglie per ucciderla. Come farlo, però, senza disporre della vista e senza farsi riconoscere da nessuno? E qui scatterà il piano ingegnoso, assai gustoso da seguire sia per la sua articolazione che per l'ottima interpretazione di Richard Boone, credibile come non vedente e abile nel non nascondere gli impacci e le inevitabili difficoltà presentate da una macchinazione in fondo semplice nella sua ideazione quanto ardua nella messa in pratica; è infatti soprattutto nella fase di attuazione della stessa che risiedono le qualità del film, diretto da Robert Day senza grandi guizzi ma seguendo con attenta cura la storia, sviluppata con chiarezza nonché esemplare quintessenzialità. La durata contenuta (appena 1h15') limita, penalizzandola chiaramente, la fase legata alle indagini e costringe a indirizzare immediatamente i sospetti del'ispettore nella giusta direzione; ma incastrare il protagonista non sarà facile, anche perché accusare un non vedente di un delitto commesso tanto distante da casa sua non sarebbe cosa facilmente sostenibile, in un processo. Marginale ma piacevole la figura dell'istruttrice (graziosa nel ruolo la Pleshette), che procura un cane al signor Chappel e cerca di seguirlo quanto più possibile, nonostante la cortese riluttanza di questi. Quasi assente l'azione (ma non se ne sente la mancanza) e finale anch'esso anticipatore dei tanti simili che verranno in COLOMBO, non sempre coerente e logico tuttavia ben recitato, valido esempio di come i filmtv di un tempo fossero costruiti con garbo e scritti con abilità.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Ciavazzaro 24/9/15 23:11 - 4723 commenti

Una piccola perla. Marito appena diventato cieco scopre il tradimento della moglie e allora progetta una tremenda vendetta nei confronti della fedifraga. Un piccolo gioiellino, a partire dalla sceneggiatura di Larry Cohen, una magnifica e inquietante soundtrack ma soprattutto un cast eccezionale. Su tutti Boone molto credibile nel difficile ruolo del cieco, deliziosa la Pleshette, stupenda la diabolica Stevens. Finale tesissimo, con un ultimo minuto triste e sconsolante. Da rivalutare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'ombrello che cade nel vuoto; Boone sulla ripida scala d'emergenza.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Lucius  3/1/12 20:36 - 2752 commenti

Esce dall'ospedale dopo aver perso la vista e scopre la moglie con un altro uomo; pur non vedente riesce a non farsi scoprire (origliando i due) e pianifica un piano per toglierla di mezzo. Buon giallo ad incastro, accompagnato da una soundtrack efficace in cui domina il sinuoso e inquietante suono del pianoforte. Non tutto andrà come previsto, ma la suspense è assicurata. A metà strada tra il giallo e il poliziesco, può contare su una buona performance del protagonista maschile e in una sceneggiatura alla Agatha Christie.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Fauno 6/11/18 0:01 - 1822 commenti

Si salva dal minimo sindacale solo per l'ultimo quarto d'ora con le investigazioni di un buon ispettore, in quanto se il protagonista all'inizio appare perfino fotogenico si rivela poi talmente contorto, con improvvisazioni strampalate, cambi di tendenza solo perché le coincidenze gli danno una mano, da rendere veramente estenuante il seguirlo mentalmente senza sentirsi handicappati a propria volta! Dovrebbe essere un punto a favore, ma il suo aspetto plumbeo lo rende ben più pesante di tanti colleghi cinematografici con la stessa iella.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "...Sai, come quelle brutte notiziole che si leggono sui giornali"; La donna che gli urla dietro tre volte il suo indirizzo; Le battute col tassista.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Digital 18/6/19 11:11 - 1036 commenti

Tony, quando si accorge che la moglie lo tradisce, studierà un ingegnoso piano per ucciderla e neppure la cecità lo fermerà nel suo intento delittuoso. Thriller per il piccolo schermo che spara le sue cartucce migliori nel primo segmento, quando un ottimo Boone studia il modo per uccidere la moglie; la seconda parte (quella investigativa) risulta piuttosto approssimativa, con un finale che arriva improvvisamente dando la netta sensazione di voler chiudere sbrigativamente un film comunque più che dignitoso. Ondìvago, non male dopotutto.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)

Claudius 16/5/19 18:41 - 317 commenti

Film per la tv che ai tempi ebbe l'onore di chiudere il celebre ciclo Sette storie per non dormire. Malgrado la buona prova del cast (soprattutto l'ottimo Boone e Marley) è uno dei meno riusciti; l'idea di base è buona ma il finale (seppur amaro) è troppo sbrigativo anche per un tv movie. I nostalgici del tenente Colombo lo apprezzeranno, gli altri meno ma si può vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scala d'emergenza.
I gusti di Claudius (Avventura - Horror - Sentimentale)