Cerca per genere
Attori/registi più presenti

AGENTE 007 - ZONA PERICOLO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 18
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Finita ingloriosamente l'era Moore si apre ancor più ingloriosamente quella di Timothy Dalton (destinata a durare ben poco, per nostra fortuna). La prima cosa che colpisce è la totale, preoccupante assenza di humour nel nuovo Bond: solo nell'unico sfortunato episodio con George Lazenby il simpatico agente segreto aveva messo in luce tanta insopportabile seriosità, ma poi con Roger Moore ci eravamo riabituati. Ora di nuovo una sceneggiatura infelice e un attore con tutta evidenza poco predisposto all'ironia riprecipitano la saga nell'anonimato. Il prologo è misero mentre la bella sigla di testa cantata dagli A-ha dava un degno seguito pop alla storica “A View To A Kill” dei Duran Duran (subito offuscata dai titoli di testa, sempre di Maurice Binder, ben poco creativi). A mancare (ed è cosa preoccupante) sono persino gli effetti speciali: non basta un bell’inseguimento con la Aston Martin super accessoriata in piena neve (che novità...) a reggere per un film intero; ci volevano più fantasia, una regia maggiormente movimentata (John Glen è il peggior Bond director di sempre), uno 007 meno stucchevole (Dalton non ha niente del playboy, ha l'aria del salutista ad oltranza, un senso dell'ironia pari a zero e con il vero Bond non c'entra davvero nulla) e una Bond girl meno odiosa (Maryam D’Abo e le sue velleità violoncellistiche fanno rabbrividire). Paesaggi scialbi - con un finale in Afghanistan di nessun fascino - e un soggetto al solito spiegato malissimo che accatasta figurine su figurine senza pensare di fornire loro uno straccio di tridimensionalità. Due ore in cui si assiste con disinteresse a un telefilm “gonfiato”.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 24/6/07 0:06 - 4480 commenti

La cosa migliore è la mini-avventura che precede i titoli di testa: sgargiante di colore e di azione in quel di Gibilterra. Poi comincia la storia. Solito livello, solite necessità di non cercare il logico o il razionale. Non male, ma non indimenticabile. Accettabile Dalton.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La discesa strumentale sulla neve.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 13/12/07 19:46 - 10979 commenti

Prima di due avventure di Bond interpretate da Dalton. Non è un brutto film, in sè: le situazioni e le dinamiche sono quelle a cui la serie ha abituato. Il limite principale è proprio Dalton, che manca sia del carisma di Connery che dell'autoironia di Moore. A parte questo, Zona Pericolo è un discreto action con sequenze d'azione (specie la prima) ben girate dal regista Glen ma attori (non solo Dalton) piuttosto fiacchi.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Cotola 12/3/15 0:17 - 7075 commenti

Uno dei tanti 007 di ordinaria amministrazione con un Dalton che non mi ha mai convinto. Ma il problema principale è rappresentato da una storia rattoppata e tenuta insieme alla meno peggio. Scene d'azione senza particolari guizzi e pochi i momenti divertenti. Bond-girl scialba. Insomma: poca roba. Solo per i fan della serie.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 21/12/15 8:37 - 8217 commenti

Ordinaria amministrazione per 007, a partire dall'operazione organizzata per far fuggire in occidente un generale sovietico disposto a rivelare molti segreti... Pur possedendo le fisique du role, Dalton si mostra fin dall'esordio inadeguato: è spento, privo di carisma, non ha la grinta di Connery né l'eleganza ironica di Moore. A peggiorare le cose, qui ha accanto una bond girl scialba e lagnosa come poche. Krabbe e Baker (che farà poi l'americano con Brosnan) non possono salvare la baracca di uno dei capitoli meno memorabili della lunga saga.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 30/1/09 11:00 - 3581 commenti

Buono il prologo a Gibilterra e la fuga nel gasdotto. La tensione regge ancora per un po', insieme alla curiosità per il nuovo interprete. Ma viene parzialmente delusa da una trama che perde consistenza (anche se ben girata) e da un Dalton che, seppur credibile e diligente, non riesce far decollare il personaggio. La violoncellista e il vero cattivo (Koskov) cadono nell'oblio mentre Krabbè ha qualche freccia in più al suo arco. Due pallini.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

124c 6/8/14 16:44 - 2702 commenti

Timothy Dalton esordisce come nuovo James Bond di fine anni '80, ma se con lui arriva una nuova Miss Moneypenny (Caroline Bliss) e ritorna la Aston Martin, il resto lascia delusi perché, a parte la seriosità di Dalton, non c'è niente di nuovo rispetto ai film precedenti. I cattivi sono pensati per essere combattuti da Roger Moore, la Bond girl è unica ma noiosa e l'assalto di un falso agente KGB a un rifugio dell'MI-6 sa di parodia. Non male le scene con l'Aston Martin e il generale di John Rhys-Davis. Splendida la canzone degli A-ha.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Rambo90 3/10/17 16:33 - 5922 commenti

Scoppiettante avventura di Bond, che conferma Glen come il regista più attento all'azione (forse insieme a Campbell e Hamilton) della serie. Non c'è praticamente un momento di stanca in questa vicenda che regala anche un paio di discreti colpi di scena, con Dalton ben calato nei panni di 007 a cui regala una dose di serietà e determinatezza in più. Buono anche il reparto comprimari con una bella schiera di caratteristi importanti (Baker in primis) e la deliziosa D'Abo come Bond Girl. Spettacolare.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 11/9/16 10:56 - 4099 commenti

È un Bond diverso quello di Dalton, meno cinematografico e più letterario. Scelta azzardata: dopo Connery (ormai il Bond per antonomasia) e il bel Moore, sullo schermo si vuol vedere un agente 007 che racchiuda in sé tutte le virtù finora conosciute e magari qualcosa in più. Non mi è dispiaciuto questo "regresso", questa nuova seriosità e nemmeno l'amore quasi tra collegiali con Maryam D'Abo, molto ragazzina rispetto alle altre Bond girl, anche se piuttosto intraprendente e letale. La spy story è ben congegnata e ricco lo stuolo dei personaggi.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 16/10/12 21:38 - 3337 commenti

Il breve avvento di Dalton nei panni di 007 coincide con questa pellicola discreta in cui azione e adrenalina si mischiano con situazioni normali in cui l'attore gallese se la cava con mestiere (anche se manca del carisma necessario). Buone le scene d'azione, anche se in alcuni casi abbastanza forzate.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Lucius  1/3/13 23:31 - 2754 commenti

Poco più di una scanzonata commediola anni ottanta, imparagonabile per spessore e contenuti agli altri film della serie, con errori grossolani di regia e leggerezze imperdonabili. Il divertimento non manca, alternato a scene insipide con dialoghi così semplici da far rimpiangere quelli di Una cascata di diamanti. Peccato perchè Dalton un suo perché ce l'ha. La bond girl di turno è priva di carisma e la sceneggiatura sembra più da palinsesto televisivo pomeridiano che da grande schermo. Bocciato.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Piero68 14/10/13 15:36 - 2678 commenti

Si vede che la produzione attraversava brutti momenti. Si sceglie un Bond improbabile e sconosciuto, un cast assolutamente anonimo e si lesina pure sugli effetti speciali e su alcune location. Sceneggiatura pastrocchiata e improbabile e Dalton assolutamente a disagio nei panni di 007. Lo si capisce anche dai dialoghi (molto risicati quelli di Bond) e dalla sua presenza nelle scene. Insomma, secondo me stiamo messi pure peggio dell'episodio con Lazenby, anche se i puristi hanno sempre ritenuto Dalton lo 007 più aderente a quello di Fleming.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La carica dei mujaheddin, stranamente uguale a quella vista l'anno successivo in Rambo 3. Chi avrà copiato chi?
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Disorder 19/2/11 15:39 - 1388 commenti

Chiusa l'era Moore gli autori archiviano il passato cercando di tornare in qualche modo alle origini, scegliendo un Bond anche fisicamente simile a quello di Fleming. La scelta di Dalton è a mio avviso azzeccata, il resto fila scorrevolmente pur senza entusiasmare. La pecca del film è quella di essere poco spy e un po' troppo action-patriottico, secondo la moda del periodo (c'è persino qualche punto di contatto con Rambo 3, uscito l'anno successivo). Anonimo anche il titolo italiano. Comunque ben più che sufficiente, nel complesso.
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Giacomovie 1/4/17 9:56 - 1320 commenti

James Bond entra in zona pericolo innamorandosi della violoncellista-killer Kara. La produzione si affida al fattore D (Dalton - D'Abo) che costituisce la croce e delizia del film. Lui non è il massimo come Bond, risente del confronto con Connery e Moore ma lo script gli dona più astuzia. Lei somiglia a Nastassia Kinski ma è tra le Bond girl con meno appeal. Però tra i due l’intesa funziona, a vantaggio di una trama movimentata a cui non manca il ritmo, qualche flash romantico e lo spettacolo. Buona l’attenzione alle novità tecnologiche.
I gusti di Giacomovie (Drammatico - Erotico - Sentimentale)

Lythops 5/9/15 18:19 - 972 commenti

Si sente la mancanza della cara, vecchia SPECTRE, della gatta a pelo lungo bianca e della classe dei cattivi di un tempo. Si può dire che il film, per decenza, avrebbe potuto durare una decina di minuti, quelli più interessanti dell'inizio, basati naturalmente sulla spettacolarità dalla quale la logica è quasi del tutto assente. La coprotagonista è una violoncellista tanto bella quanto inespressiva e imbranata; lo spettatore è il poveretto che più di tutti ne fa le spese. Qualche personaggio è pure ridicolo. Orrendo.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Vito 8/4/16 18:45 - 608 commenti

Primo dei due 007 interpretati da Timothy Dalton. Ricco di sparatorie, combattimenti e scene ad altissima tensione come quella sull'aereo o in Afghanistan, dove il nostro eroe lotta contro il personale di una base sovietica. Dalton è un Bond sorprendentemente duro e violento e la dolce Maryam d'Abo una perfetta Bond girl. Forse si sente la mancanza di cattivi all'altezza, probabilmente dovuto al clima di glasnost' e perestrojka del periodo.
I gusti di Vito (Fantastico - Horror - Western)

Vitgar 30/3/17 14:01 - 586 commenti

Film che si guarda più per completezza della serie che non per il suo valore intrinseco. Personalmente poi sono rimasto indissolubilmente legato agli 007 di Connery, in primis seguito da Moore. Inevitabile quindi che questa produzione non mi convinca più di tanto, soprattutto per la pochezza della più classica "atmosfera bondiana". Dalton non è male, ma il resto del cast è davvero misero.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Manfrin   28/10/13 11:06 - 304 commenti

Dopo un promettente inizio con il classico, spettacolare inseguimento che fa da ouverture ai film di 007 si scivola ben presto in una fiacca (nonché poco chiara) storia di doppigiochi che poco coinvolge. Così come poco convincono tutti gli interpreti, a cominciare da Dalton per finire alla sua Bond Girl, strimpellatrice di terz'ordine.
I gusti di Manfrin (Giallo - Poliziesco - Thriller)

atter 5/11/07 19:19 - 9 commenti

So di non essere imparziale, ma questo è uno dei miei film preferiti. È il tentativo, dopo la spassoissima era di Roger Moore, di portare 007 su canoni più "seri" non rinunciando però ai suoi marchi di fabbrica: gadget, auto veloci, belle donne, località esotiche, cattivi megalomani... in pratica quello che NON è stato fatto con l'ignobile Casino Royale che ha ucciso 007! Timothy Dalton interpreta un vero James Bond che in questo film si allea... con un tizio assai simile a Osama Bin Laden!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Per concupire la sua bella un po' titubante James Bond se ne esce con un geniale "Non pensare... lascia che accada!" Sublime.
I gusti di atter (Azione - Musicale - Thriller)