Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ASSASSINO SENZA COLPA?

All'interno del forum, per questo film:
Assassino senza colpa?
Titolo originale:Rampage
Dati:Anno: 1987Genere: thriller (colore)
Regia:William Friedkin
Cast:Michael Biehn, Nicholas Campbell, Alex McArthur, Deborah Van Valkenburgh, Billy Green Bush, Grace Zabriskie, John Harkins
Note:Aka "Ritratto di un serial killer", "Rampage - Assassinio senza colpa?".
Visite:908
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
William Friedkin non è mai stato un autore convenzionale, e nei suoi film, fin dai tempi del capolavoro L’ESORCISTA, c'è sempre stato qualcosa che li differenziava dalla massa incolore di prodotti simili. E così anche RAMPAGE (letteralmente “Furia”), pur se forse sopravvalutato, non è un thriller giudiziario canonico, né un'acuta analisi sulla pena di morte, motivo per cui fu osteggiato alla sua uscita; piuttosto un'avventura psicologica, una riflessione sulla duplice natura dei serial killer meno prevedibili e il conseguente comportamento che la società deve osservare nel difficile compito di giudicarli. Non per niente l'avvocato protagonista chiama in causa il nazismo: come considerare il nazismo? E’ possibile fare un parallelo tra la follia dell’ideologia nazista e un qualsiasi movente folle di un serial killer? Se noi accettiamo di perdonare un assassino perché incapace di intendere, allora (questa è la tesi dell'avvocato, non - attenzione - di Friedkin, che mantiene sempre un ammirevole distacco) dovremmo perdonare anche i nazisti. Cosa c'è di più insano e irragionevole di un genocidio per questioni razziali? Un film che porta a riflettere, insomma, anche se dal punto di vista artistico non è certo tra le vette del regista. Correttamente interpretato, con una sceneggiatura ben calibrata, confezionato con professionalità ma in definitiva freddo, meno coinvolgente di quanto si possa immaginare scorrendo la storia. Le musiche di Morricone non incidono e il ritmo (salvo alcune sequenze particolarmente azzeccate, come i tre minuti di silenzio a cui l’avvocato costringe la giuria per farle capire per quanto tempo il pazzo abbia infierito sulle sue vittime) non sempre è impeccabile. E’ un Friedkin piuttosto dimesso, quasi televisivo. In TV è passato col titolo RITRATTO DI UN SERIAL KILLER.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 9/10/09 4:58 - 3875 commenti

Passato in TV con il titolo di Assassino innocente, il film di Friedkin raggiunge picchi di noia quasi inarrivabili, pur trattando le gesta di un killer ispirato alla reale figura del tetro Richard Chase (noto alle cronache come il vampiro di Sacramento). Confuso, irrisolto, senza gore (eccezion fatta per la "doccia di sangue" che il folle pratica su se stesso) e dilungato oltremisura nelle aule di tribunale. Persino il regista si era reso conto del vuoto che stava dietro al film: infatti ha rimaneggiato la pellicola, modificato il finale, senza riuscire, però, a renderlo meno inguardabile...
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Herrkinski 30/5/08 17:24 - 4298 commenti

Film minore di Friedkin, che sembra tanto un TV movie ma non per questo è da buttar via, anzi. A metà tra il legal-thriller e i film sui serial killer alla Henry - Pioggia di sangue, questa pellicola si distingue per una buona sceneggiatura che confeziona dialoghi interessanti e tesi abbastanza realistiche. Certo, qualche ingenuità c'è, tipo il matrimonio dell'avvocato che va in crisi durante il processo e altre cose già viste e straviste, tuttavia le scene di violenza lasciano il segno e la parte "giudiziaria" non annoia più di tanto.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Daidae 10/2/09 22:30 - 2570 commenti

Film brutto girato da un regista dotato (inutile dire l'opera che lo ha reso famoso). Un serial killer che ha bisogno del sangue (o meglio crede di averne) uccide diverse persone finché non viene arrestato. La sua storia si intreccia con quella di una coppia in crisi: uno è per la pena di morte, l'altra è decisamente contro... Niente di speciale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il serial killer che si cosparge di sangue.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Lovejoy 14/8/08 14:44 - 1825 commenti

Titolo minore della filmografia di Friedkin ma meritevole di una riscoperta. Storia appassionante, regia vigorosa, interpreti eccellenti. Risalta su tutti la bella prova di McArthur nel ruolo del folle assassino protagonista della vicenda. Nonostante la piu che travagliata produzione un'opera decisamente godibile.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Gestarsh99 3/9/11 14:50 - 1129 commenti

Friedkin non rinnega il suo deciso temperamento provocatorio e si ripresenta con un'altra opera ambigua e controcorrente, proprio come il suo contestato e censuratissimo Cruising. Un legal drama a tesi che esplora da un punto di vista "scomodo" il dibattito malagevole sulla necessità della pena di morte nei casi giudiziari più efferati e disumani, tirando fuori dall'armadio gli scheletri ipocriti della scarsa moralità avvocatizia e della deplorevole rapacità di certe strategie difensive, disposte anche a "truccare le carte" col passepartout dell'infermità mentale. Sfuggente ma coraggioso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il flash visivo in cui appare lo psicotico Charlie Reese (Alex McArthur) che si cosparge di sangue accovacciato dinanzi alla gabbia di una tigre.
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)