Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL CADAVERE DEL MIO NEMICO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/4/11 DAL BENEMERITO SKINNER

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Nicola81 25/3/16 22:26 - 1676 commenti

Regista più versato per il cinema d'azione, Verneuil firma un dramma dalle vaghe tinte gialle che è soprattutto una sconsolata denuncia dei mali che affliggono la società odierna. Ritmo lento, alternanza tra passato e presente non sempre di immediata comprensione, ma il messaggio di fondo denota un impegno non comune (si allude anche al calcio come arma di distrazione di massa). Belmondo è bravo come sempre, ma stavolta la sua simpatia nasconde l'amarezza di chi ha dovuto pagare un prezzo altissimo. Discreta la colonna sonora di Francis Lai.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il comizio; Il finale.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Il Dandi 28/12/17 23:40 - 1588 commenti

Al termine di una ingiusta condanna per omicidio, François (Belmondo) esce di galera deciso a scoprire la verità su chi lo ha incastrato. Sorta di hard-boiled a tinte drammatiche, con una struttura a flashback simile a Contratto per uccidere. La maschera disincantata e irresistibile di Belmondo è l'arma vincente di un film dalle lungaggini forse eccessive, dominato da un démodé (già allora) stile bogartiano; ma anche un film di solido mestiere; ad avercene di prodotti "ordinari" così.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incredibile simulatore elettronico per giocare a golf in casa di Blier (che profetizza la realtà con largo anticipo).
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Skinner 26/4/11 19:16 - 595 commenti

Non mi è dispiaciuto. Non un polar come si potrebbe pensare ma un thriller atipico, ricco di riferimenti esistenziali, politici, sentimentali, sociali. Molta carne al fuoco, alla fine non tutto torna e si sente molto la difficoltà della pagina scritta a convertirsi in cinema, ma il film, nonostante la discontinuità e la frammentarietà in più di una sequenza fa affiorare un non troppo sotterraneo spirito di critica (sociale) e una apprezzabile profondità. Non funziona granchè Blier.
I gusti di Skinner (Commedia - Drammatico - Western)