Cerca per genere
Attori/registi più presenti

AMO UN ASSASSINO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/4/11 DAL BENEMERITO NANDO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Graf
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Nando, Rufus68


ORDINA COMMENTI PER:

Nando 18/4/11 10:55 - 3304 commenti

La misteriosa morte di una giovane donna genera le indagini di un commissario residente nello stesso palazzo. Una narrazione non esaltante in cui il lato melodrammatico è preminente con il ricorso alla sfera emotiva dello spettatore. Nella prima parte si descrive il variegato universo condominiale mentre nella seconda il dramma interiore dell'investigatore verrà coronato dal finale buonista.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Rufus68 29/6/18 14:22 - 2626 commenti

Il tessuto giallo, sempre intrigante, alla lunga cede un poco sotto i colpi della commedia (la fauna antropologica del palazzo dell'assassinio) e, soprattutto, del melodramma (c'è anche un figlio della colpa): il richiamo della foresta di generi più congeniali all'istinto italico. Di buon livello, invece, la trappola finale che sfrutta musiche adeguate. Spadaro è simpatico, ma convince poco come motore protagonista del film.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Graf 4/2/14 0:12 - 626 commenti

Un film modesto ma non banale, questo diretto da Baccio Bandini e sceneggiato anche da Steno e Monicelli. Tra incalzante inchiesta poliziesca, passionale melodramma alla Matarazzo e vivace disegno d’ambiente di un condominio popolare, la pellicola s’incentra sulla crisi morale e professionale nella quale precipita il commissario di polizia Pietrangeli quando scopre che sua figlia è l’amante di un sospetto assassino. I personaggi sono privi di sfumature ma il ritmo è sostenuto, il congegno giallo è ingegnoso e la regia è severa e priva di fronzoli.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incipit è imprevedibile e degno di un film horror; La recitazione verista di Umberto Spadaro esalta il topos del poliziotto meridionale.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)